Maurizio Vita: "Il de profundis di Messina e il covid usato come arma per altre battaglie" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Maurizio Vita: “Il de profundis di Messina e il covid usato come arma per altre battaglie”

.

Maurizio Vita: “Il de profundis di Messina e il covid usato come arma per altre battaglie”

. |
domenica 24 Gennaio 2021 - 10:43
Maurizio Vita: “Il de profundis di Messina e il covid usato come arma per altre battaglie”

La riflessione del consigliere nazionale di Libertà e Azione sulla drammatica situazione di Messina, unica zona ultrarossa

Scrivo questa riflessione non solo come Consigliere Nazionale del movimento Libertà e Azione e non solo come rappresentante dei genitori di un  Consiglio di Istituto, ma anche, se non soprattutto, come cittadino.

Il covid usato come arma

Stiamo assistendo al “de profundis” di Messina. Città dove con un lockdown  discutibile, molte attività rischiano di non riaprire. Faccio una premessa a scanso di equivoci: il Covid esiste. Ma, paradossalmente, invece di combatterlo, mesi dopo mesi, sembra sia diventato un’arma per altre battaglie. Mi chiedo e chiedo, di fronte anche ad una disarmante acquiescenza cittadina, perché non seguire una linea comune, in quelle che sono le “zone” rosse, arancioni, gialle a pois, sbiadite ecc, dettata dal Dpcm nazionale onde evitare di andare in ordine sparso e creare particolarità come è successo a Messina.

Il caso unico di Messina

Unica città dove l’allegato 23 del Dpcm  del 3 dicembre 2020 viene ristretto e pertanto attività definite essenziali a livello nazionale, diventano superflue a livello locale. All’occhio del buon senso credo sia più essenziale poter andare in cartoleria a comprare qualcosa di necessario per quei poveri bambini che oltre ad essere “reclusi” in casa senza poter fare attività esterna, non possono andare a scuola (e aggiungo, senza un perché), ma devono continuare a studiare, quindi a scrivere, quindi nei quaderni che sono essenziali.

Le file

E perché se necessito di un bene da ferramenta devo aspettare il domicilio??? Quale contagio procura di più un negozio con 2 clienti dotati di mascherina, rispetto ad un autobus pieno con un discutibile distanziamento, rispetto ad una fila fuori dal tabacchino in attesa del 10 e lotto, o una fila davanti all’ufficio postale??? Incomprensibile. E i controlli??? Ma quelli giusti e sacrosanti!!!

I limiti della Dad

Scuole elementari e medie chiuse  e nelle zone rosse d’Italia aperte. Quali sono i reali contagi nelle scuole??? Non è dato sapere!!! A scuola: dove i bambini tengono la mascherina per 5/6 ore consecutive!! Dove il numero degli alunni per aula è stato dimensionato su protocollo nazionale. Dove l’insegnante sta a 2 metri dal primo banco! Dove i percorsi sono differenziati!! Dove dalle classi non si esce nemmeno per la ricreazione!!! Ma realmente pensate che la Dad possa compensare la presenza?? Ma realmente dal punto di vista didattico per un bambino di prima, seconda, terza elementare ma anche prima media, possa essere la panacea??? Ma realmente non vi viene di pensare al danno psicologico di chi è abituato al suono della campana e non al monitor?? A chi è abituato ad interagire quotidianamente in aula con i compagni e non attraverso dei quadranti?? A chi è abituato ad alzare la mano per parlare e non sentire invece: “apri il microfono, chiudi il microfono!

Messina muore

Tutto da rivedere…….e nel mentre Messina muore fra l’agonia di chi non potrà riaprire la propria attività e l’indotto compromesso e la rischiosa dispersione scolastica che si comincia ad intravedere all’orizzonte. Quindi assistiamo inermi di fronte ad un impoverimento economico e generazionale? Maurizio Vita

Articoli correlati

Tag:

4 commenti

  1. Noi non abbiamo alcuna acquiescenza riguardo i provvedimenti assurdi del sindaco e, anzi, stiamo cercando di fare sentire, civilmente, la nostra voce affinché ci aiutiate a mandarlo via!!!

    33
    3
    1. La legge elettorale è chiara, non si dimette o viene sfiduciato nessuno può mandare via un sindaco

      0
      0
  2. Condivido pienamente l’esternazione di Maurizio, il difficile e capire comprendere quale losco movimento ci sia dietro tutto ciò, hanno fatto di un serio problema “virus”, un argomento per ottenere “like” e “condivisioni” e per insabbiare sporchi affari del passato del presente e chissà del futuro. Sicuramente per poter ottenere un buon orto la ramigna deve essere estirpata alla radice!

    7
    0
  3. Complimenti Maurizio, questo tuo buon senso ormai è patrimonio di pochi, grazie per averlo esternato mentre siamo basiti da “acquiescenza” e complicità suicida

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x