Messina, Cittadella fieristica abbandonata o villaggio culturale? Merlino (Nuova Dc) ci crede - Tempostretto

Messina, Cittadella fieristica abbandonata o villaggio culturale? Merlino (Nuova Dc) ci crede

Redazione

Messina, Cittadella fieristica abbandonata o villaggio culturale? Merlino (Nuova Dc) ci crede

martedì 17 Maggio 2022 - 08:16

E' possibile trasformare l'ex Fiera in un cultural village, secondo l'esponente della Nuova Dc. Ecco come

La cittadella fieristica Messina secondo Salvatore Merlino (Nuova Dc) può subire in tempi brevi una vera e propria metamorfosi: da luogo degradato e abbandonato a cultural village, passando così da area spenta a vitale davanti ad un meraviglioso waterfront.

Per il responsabile infrastrutture della Nuova Democrazia Cristiana: “Bisogna rilanciare cultura, arte, auto imprenditorialità e turismo, unendo iniziative istituzioni e privati per rappresentare valori e simboli brand Messina. E’ sbagliato focalizzarsi su grandi cantieri e progetti internazionali, ripartire subito ragionando su più idee diverse, ma interconnesse provenienti da più anime della città”. 

“Un Centro culturale  – prosegue – che sia allo stesso tempo accessibile ed esigente, generoso e tagliente, caldo e radicale, poetico e trasgressivo, un territorio di apprendimento di esperienze emozioni e vita; un ‘non luogo’ diverso da quanto fatto fino ad ora nei tradizionali spazi espositivi, da cui far scaturire un nuovo modo di fruire l’arte con tutti i sensi”. 

“Si deve coraggiosamente stravolgere questi spazi, rendendoli fruibili e sfruttando il water front, oggi negato da un modello di architettura assolutamente desueto. E’ necessario – prosegue Merlino – creare una realtà che faccia vivere ai cittadini e turisti l’esperienza dell’arte in divenire, in tutte le sue forme. Il progetto dovrebbe essere scandito da mostre tematiche e monografiche, interventi su larga scala esplorando tutte le aree dell’espressione artistica – dalla performance all’artigianato artistico, alla moda, ad uno spazio relativo all’arte del movimento, del suono, dei video, dei cartoon e della parola. Questi spazi potrebbero essere realizzati in pochi padiglioni nuovi creando percorsi di interconnessione, sfruttando la tecnica ologrammi 3D, le nuove tecnologie, rigenerando così spazi abbandonati da anni. Fondamentale sarebbe realizzare anche un grande laboratorio di creazione, seguito da grandi maestri, che possa contribuire attraverso la progettazione, ogni anno, alla creazione di diverse mostre nella nostra città e in occasione dei maggiori incontri d’arte internazionali”.

“Naturalmente – prosegue Merlino – si dovranno prevedere tutto intorno anche spazi espositivi all’aperto, servizi, bar e ristoranti, negozi per shopping ispirati al mondo dell’arte. Il progetto potrebbe autofinanziarsi attraverso la vendita di biglietti ai tanti turisti che potrebbero visitare Il Cultural Village, e attraverso un modello che si dovrebbe basare su un finanziamento misto pubblico/privato, che consenta di generare ogni anno più della metà del budget operativo; in particolare si dovrebbero trovare fondi grazie alla sponsorizzazione aziendale e ad una Fondazione di supporto, agli eventi organizzati dai marchi e alle sfilate della settimana della moda, e da diverse concessioni (una libreria, diversi ristoranti e un club culturale etc…).

“Potrà diventare – conclude Merlino – un villaggio culturale influente del mondo contemporaneo e uno dei progetti più effervescenti per il ripensamento e la rinascita di cittadella fieristica. Un villaggio cosmopolita in cui non potrà mancare una grande vita notturna e dove sarà possibile investire anche in progetti di auto imprenditorialità per i giovani”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007