Messina come Londra e Dubai: il Ponte e le Ruote Panoramiche - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina come Londra e Dubai: il Ponte e le Ruote Panoramiche

.

Messina come Londra e Dubai: il Ponte e le Ruote Panoramiche

. |
sabato 31 Agosto 2019 - 09:15
Messina come Londra e Dubai: il Ponte e le Ruote Panoramiche

L'ambizioso e affascinante progetto è del gruppo di studio NonSoloPonte

Londra

London eye, ‘l’occhio di Londra’, è la ruota panoramica più alta d’Europa (135 m). Situata sulla riva sud del Tamigi costituisce il più alto punto di osservazione della città ed è diventata una delle attrazioni a pagamento più popolari del Regno Unito. Con i suoi 4 milioni di visitatori all’anno -il British Musuem, la struttura più visitata nel Regno Unito, ha registrato nel 2017 circa sei milioni di visitatori- ed a un prezzo medio di 30 euro a biglietto, London eye fattura, sono stime approssimative per difetto, circa 120 milioni di euro l’anno.

Dubai

Dubai, dall’altra parte del globo, ha realizzato la ruota panoramica più grande al mondo the Ain Dubai ‘l’occhio di Dubai’ alta 250 metri che aprirà ufficialmente in occasione dell’inaugurazione di Expo Dubai nel 2020. La ruota si staglia sulla splendida isola di Bluewaters – spettacolare quartiere residenziale, commerciale e turistico affacciato sullo skyline cittadino in cui insistono boutique, hotel a cinque stelle, resort di lusso, Madame Tussauds Dubai, un souk, ristoranti all’aperto e tanti negozi. Per una città che punta a diventare la metropoli del turismo entro il 2025 la ruota costituisce una delle più importanti strutture di richiamo.

NonsoloPonte

Alla luce del modello imprenditoriale di successo delle ruote panoramiche non sorprende l’intuizione di un “Gruppo di Studio” di Torino (Gruppo di Studio NonSoloPontewww.nonsoloponte.it – ) che ha pensato di valorizzare il ponte sullo stretto anche sotto il profilo turistico. Sì proprio il ponte. Come è noto, il progetto prevede un impalcato sospeso con tiranti verticali agganciati a dei cavi portanti tenuti in tensione dalle due torri. Cavi portanti sui quali è attualmente previsto lo scorrimento di un carrello per il controllo e la stessa manutenzione dei cavi. Ecco l’idea geniale!!! Perché non fare scorrere sui cavi cabine di vetro che a velocità lenta attraversano il ponte e offrono allo spettatore un panorama unico e straordinario sulla “rotta di Ulisse” nella terra di “Scilla e Cariddi”? Secondo il Gruppo che ha condotto lo studio, il progetto della cabinovia è realizzabile con modifiche molto contenute al progetto esecutivo esistente.

Le torri

Le due torri poi, opportunamente attrezzate e riqualificate, potrebbero ospitare ascensori panoramici e terrazzamenti a vari livelli fruibili non solo per le potenzialità panoramiche, ma anche per l’allocazione di istallazioni destinabili a connesse attività turistico/commerciali, di intrattenimento e di controllo.

Il flusso economico

Per una sintetica valutazione economica, stimando un flusso di 2,5 milioni di visitatori l’anno al prezzo di 20 euro a persona, la sola cabinovia genera un fatturato di 50 milioni di euro, senza tenere conto, ovviamente, di tutti gli effetti indiretti sull’economia locale. Considerando, per esempio, una permanenza media di un pernottamento e due giornate al costo complessivo di 100 euro, si prevedono entrate pari a 250 milioni di euro l’anno. Un business, dunque, che potrebbe far gola a tanti investitori internazionali che con risorse finanziarie proprie e senza alcun aiuto dai governi regionale e nazionale e dall’Unione Europea sarebbero pronti a realizzare il ponte sullo stretto e, perché no, anche un aeroporto nella zona tirrenica per far sbarcare sul territorio i milioni di visitatori interessati a conoscere a ciò che si viene così a prefigurare come una delle attrazioni più belle al mondo.

Doppia valenza

Il ponte, secondo il Gruppo che ha condotto lo studio, acquisirebbe dunque una nuova valenza; non solo quindi infrastruttura strategica per il completamento del corridoio scandinavo Mediterraneo in grado di connettere la Sicilia all’Europa ma anche un attrattore turistico unico al mondo nel suo genere in grado di produrre occupazione e sviluppo per la nostra città metropolitana. È un’idea di massima che, come dichiara il coordinatore del Gruppo di Studio NonSoloPonte, Arch. Michele Comparetto, pur avendo ricevuto, negli anni, la validazione, seppure informale, da parte degli progettisti del ponte del Politecnico di Milano, necessita, ovviamente, di analisi tecnica ed economica più puntuale. Ma si tratta, senza ombra di dubbio, di una suggestione di grande impatto per la nostra comunità e per tutti coloro che ritengono che la realizzazione del ponte serva anche per rilanciare l’immagine della nostra città nel panorama mondiale.

L’articolo è del professor Michele Limosani

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

10 commenti

  1. mah……..ho forti e seri dubbi. A Messina non si riesce a tenere pulite le strade dalle erbacce (o meglio a non farle crescere con lo spazzamento puntuale) figuriamoci parlare di funivia e ponte. Troppo scarsi gli amministratori di ieri oggi e domani. Concordi con il giornalista dell’espressione (mi pare) che ha definito Messina una cloaca.

    0
    0
  2. Mi fate tenerezza

    0
    0
  3. La gente ha bisogno di cose semplici e di “Baby Step” un cambiamento di mentalità, tanta informazione soprattutto nelle scuole in due parole ripartire dai giovani. Ritenere di poterci paragonare a Londra o a Dubai non è soltanto illusorio ma fa ridere i polli,

    0
    0
  4. Idiozia pura, lasciando stare gli aspetti strutturali non facilmente risolvibili, forse non si è tenuto conto di 2 aspetti:
    – sistema di trasporto a medio-lungo raggio delle su citate Londra e Dubai
    – ricettività alberghiera (ad ogni livello) di Dubai ma ancor di più di Londra.
    Ergo, come caspita facciamo arrivare 2,5 milioni di visitatori a Messina? E anche quando riuscissero ad arrivare, dove li sistemiamo?
    In una logica di metà anno turistico a pieno regime, considerando con grande positività che solo 1 persona su 2 visiterebbe la cabinovia sullo stretto, avremmo bisogno di circa 27.500 posti letto.
    Uhm…quanti ne abbiamo a Messina? E potenzialmente quanti ne potremmo avere?
    Ritengo altissime le criticità e le incertezze…

    0
    1
  5. Sono gli stessi che hanno suggerito l’ideona del tram volante xxxxxxxxxxxxxxxxx?

    0
    0
  6. nunnaviti ccuffari….

    0
    0
  7. Facendo ricorso alla saggezza popolare:

    -Prima s’ accattau a zotta e poi u cavaddu.
    -Ancora avi a nasciri e Cola si chiama

    0
    0
  8. Il caldo estivo causa allucinazioni……….

    0
    0
  9. Troppi aperitivi !!!
    Vabbè dai tanto il ponte non si farà mai.

    0
    0
  10. Ah, ah, ah, ah, ah, ah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007