Messina. Dal 10 giugno isola pedonale h 24 a Torre Faro, il Consiglio dice sì - Tempostretto

Messina. Dal 10 giugno isola pedonale h 24 a Torre Faro, il Consiglio dice sì

Marco Ipsale

Messina. Dal 10 giugno isola pedonale h 24 a Torre Faro, il Consiglio dice sì

giovedì 27 Maggio 2021 - 10:07

Dopo 15 giorni si valuterà l'andamento e verranno presi eventuali correttivi

Dal 10 giugno al 15 settembre isola pedonale a Torre Faro sette giorni su sette e 24 ore al giorno. E’ una decisione “storica” quella del Consiglio comunale, che ha accolto la proposta dell’Amministrazione, dopo anni di discussioni infruttuose sul tema.

Fino all’anno scorso erano previsti solo i parcheggi a pagamento nel cuore di Torre Faro e il grande parcheggio gratuito di Torri Morandi, con navetta a fare da spola. Solo a fine estate, dal 14 agosto, era stata istituita l’isola pedonale ma solo il venerdì, sabato e domenica dalle 21.

Quest’anno resta Torri Morandi, ovviamente, ma il percorso intorno al Pilone sarà invece isola pedonale. Neanche ztl, come ipotizzato in un primo momento, ma aperto solo ai pedoni.

L’obiettivo è di creare un punto turistico sulla punta nord est della Sicilia, come avviene in altri luoghi della regione ma non era mai avvenuto a Messina.

Tredici favorevoli (Cannistrà, Caruso, Cipolla, De Leo, Fusco, Gennaro, Giannetto, Pergolizzi, Rizzo, Antonella e Alessandro Russo, Scavello, Schepis), quattro astenuti (i tre di Sicilia Futura, Cacciola, Interdonato e La Tona, oltre al presidente Cardile) e un contrario (Sorbello).

Ma il risultato è arrivato dopo una seduta sotto tensione, come sempre accade quando si parla di isola pedonale.

La delibera era arrivata in aula dopo il parere contrario della Commissione. Sicilia Futura non approva le vie da pedonalizzare e ne propone altre, i 5 Stelle chiedono che l’isola sia solo a partire dalle 19 ma, secondo l’assessore Dafne Musolino, l’esperimento “orario” dell’anno scorso è fallito.

L’accordo si trova su un emendamento proposto dal Pd: “provvedimento da rivalutare dopo i primi quindici giorni di esperimento”. A questa condizione arriva il sì dell’Aula. Così tutto potrebbe essere rimesso in discussione, ma intanto si parte.

Tag:

15 commenti

  1. Ci andavo spesso ma così come stanno le cose credo che andrò in altri posti dove di isole felici non ce ne sono. Così i soldi per cene e aperitivi li spenderò altrove.

    9
    23
    1. Mangia in macchina.

      4
      0
    2. non ci andavo prima non ci andr0 ora con buona pace degli imprenditori del faro……

      3
      4
    3. …ce ne faremo una ragione. Lascerai spazio ad altri che finalmente potranno godersi quel meraviglioso posto senza avere tra i piedi auto e gas di scarico.

      6
      2
    4. Meglio

      2
      1
  2. Scusate e i disabili?

    0
    0
    1. I parcheggi riservati ai disabili non rientrano nell’isola pedonale. Sono presenti in Via Fortino di fronte alla torre degli inglesi e in Via scuole. Nella parte che chiuderanno vigeva il divieto di sosta quasi per 80%, anche se nessuno lo rispettava.

      0
      0
  3. io invece ci andrò spesso … bellissimo fare due passi nel borgo … l’importante che esistano parcheggi nelle vicinanze

    5
    0
  4. Mariangela De Maria 27 Maggio 2021 18:00

    Tutti i luoghi già isole pedonali si sono sempre riqualificati, come lo sarà sicuramente questo che è unico per bellezza! Apprezzo molto il coraggio di chi ha incoraggiato e sostenuto questa decisione!

    2
    0
  5. Finalmente il consiglio comunale ha preso una decisione saggia. Complimenti il borgo di Torre Faro ritornerà a spendere come negli anni 90 inizi 2000.

    7
    0
  6. Non abito a Torre Faro ma vado spesso con mia moglie a fare una passeggiata. Ho potuto notare le bellezze naturali del posto uniche al mondo che non avevo notato passando con la macchina. Purtroppo devo annotare due brutture; una : quel basolato lavico di recente posizionamento traballante mescolato con asfalto; il secondo: inguardabile il sistema di illuminazione con qui lampioni ultra moderni e freddi non consoni ad un borgo marinaro; probabilmente se l’arredamento l’avesse fatto un pescatore del luogo, avrebbe messo dei lampioni a forma di lampara ma…..non è mai troppo tardi a rimediare. Spesso vado a trovare i miei figli a Torino dove c’è l’isola pedonale più lunga d’EUROPA ma continuerò a fare lunghe passeggiate a Torre Faro e a consumare dei pasti senza che le macchine mi passino accanto ed assaporare le delizie locali senza contorno di rumore ,gas di scarico e caos , come nei posti più civili e vivibili di questa terra.

    2
    1
  7. Spero abbiano considerato il rilascio dei pass residenti, altrimenti vedremo quanti volontari ci saranno pronti a portarmi la spesa, i fardelli d’acqua, ecc. a casa. Oppure gli anziani portato in braccio ! A parte il canone del passo carrabile, di cui chiederò il rimborso.

    0
    0
  8. Potrebbe essere utile pubblicare una buona e leggibile immagine delle zone pedonali…

    1
    0
  9. Vergognoso che i residenti anziani, lavoratori e gente che vive 365 giorni l’anno, debbano vivere 3 mesi da incubo entrando tutti da una strada larga 2 metri, ma hanno mai trascorso un’estate a Torre Faro? Avete mai sentito parlare di urgenze e soprattutto di emergenze, proprio qualche giorno fa l’ambulanza ci ha impiegato un’ora ad arrivare così facendo ce ne vorranno 2!!! I rischi della popolazione di Torre Faro sono davvero alti… Pensate agli anziani o alle mamme con i bambini che vivono sulla zona “pedonale” che fanno la spesa e con le confezioni d’acqua devono trasportarsela per metri o km a seconda dove hanno fortuna di trovare parcheggio. Isola pedonale sii ma ad orari ben precisi e se avessero fatto strisce blu e pass per i residenti sarebbe tornato utile a tutti!

    1
    1
  10. Caro Sig. NSTWVIVA, il Faro non ha bisogno di Lei. Ovvero non ha bisogno di gente che “passeggia” in macchina regalando piombo ed ossido di carbonio agli abitanti. Si goda il suo aperitivo tranquillamente in mezzo la strada, come faceva negli anni 60, Ernesto Calindri con il cynar.
    Non soffriremo la sua mancanza. I Faroti gradiscono e sono felici di accogliere tutte le persone civili, attenti ai problemi ambientali e alle bellezze naturali.

    2
    0

Rispondi a fofo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007