Messina e il coronavirus: tra panico e fake news - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina e il coronavirus: tra panico e fake news

Chiara Cenini

Messina e il coronavirus: tra panico e fake news

giovedì 06 Febbraio 2020 - 15:35
Messina e il coronavirus: tra panico e fake news

Anche in città l'allarme sta comportando il crollo delle presenze nei negozi e ristoranti cinesi

La Cina, il tetto del mondo,è in ginocchio per il Coronavirus e per quanto qualcuno lo voglia ancora negare, mai come oggi ci stiamo rendendo conto di quanto tutti siamo legati e dipendenti dal mondo orientale anche inconsapevolmente.

I negozi cinesi deserti

Andando sui siti più noti come Amazon o Swish possiamo notare come la maggior parte degli articoli non siano più disponibili e quanta gente,che tutti i giorni affollava store cinesi, oggi per paura del contagio non sa più dove comprare un pettine, uno smalto, o un tappetino per la cucina. Insomma dal piccolo fermaglio per i capelli, alla grande industria dell’elettronica e dell’automobilismo, tutto sembra inesorabilmente avere risentito del virus che potrebbe trasformare l’epidemia in una pandemia.Gli store cinesi che,come dicono le statistiche,venivano presi d’assalto almeno una volta al giorno da buona parte della popolazione,oggi invece sono quasi deserti.

Panico e fake news

I ristoranti cinesi,che sia a pranzo che a cena,specie nelle grandi città,facevano il tutto esaurito hanno subito un calo del 70%,tanto da spingere i gestori a fare veri e propri appelli tramite stampa e tv per tranquillizzare l’opinione pubblica. Panico e disinformazione stanno dilagando  e tra fake news e psicosi isteriche è il momento di tornare alla realtà .I negozianti cinesi in Italia e anche in Sicilia lamentano un ingiustificato terrore  che si sta espandendo più velocemente della stessa malattia.

Allarmismo anche a Messina

Mai come oggi ci si può rendere conto di quanto il popolo cinese sia entrato in punta di piedi e,poco a poco sempre più prepotentemente,in tutte le grandi città e quanto possa essere diversa la vita senza la merce da loro prodotta e fornita. Un virus quello che arriva dalla Cina, che sta gettando nel panico, non giustificato per la città di Messina, la maggior parte della popolazione. Perché troppo spesso sono i falsi allarmismi e l’ignoranza ad uccidere centinaia di volte in più che un virus, troppi gli episodi di violenza che si stanno manifestando in ogni parte d’Italia, psicosi che si stanno trasformando in immotivata emarginazione verso un popolo la cui unica colpa è quella di essere stato colpito per primo da un virus “forse”ancora lontano da noi.                                        

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007