Messina e la mobilità sullo Stretto, Mega: "Garantire diritti dei pendolari" - Tempostretto

Messina e la mobilità sullo Stretto, Mega: “Garantire diritti dei pendolari”

Giuseppe Fontana

Messina e la mobilità sullo Stretto, Mega: “Garantire diritti dei pendolari”

domenica 08 Maggio 2022 - 07:15

I regolamenti sull'attraversamento e il dibattito sulla quotidianità del trasporto marittimo al centro dell'intervento di Mario Mega, presidente dell'Autorità di sistema

MESSINA – “Negli ultimi decenni si è investito poco, è vero”. Il presidente dell’Autorità di sistema portuale dello Stretto, Mario Mega, è intervenuto sul Pendolaria 2022 e sulla situazione legata alla mobilità marittima (e non solo) dell’area peloritana e di Villa San Giovanni. Mega dice la sua proprio su quest’aspetto, forse condizionato da un dibattito che “è andato sempre sul Ponte e mai ad altro, bloccando i ragionamenti sull’attraversamento dinamico che è uno strumento molto importante”.

Il pendolare al centro del dibattito

Per il presidente Mega al centro dell’attenzione va messo il pendolare, e questo “vale sia per la mobilità sullo Stretto, quella quotidiana tra le due coste, sia sulle lunghe percorrenze. Alcuni collegamenti sono incredibili, io sono pugliese e non avendo particolare gradimento a fare i viaggi in macchina sono costretto a prendere i pullman. Un grosso limite, perché vuol dire privare il mezzogiorno di quelle relazioni tra le regioni che esistono al nord e che consentono di condividere come bacino di utenza tutti una serie di servizi”.

Ormeggi per mezzi veloci e copertura tra stazione e imbarchi

Mega poi passa a ciò che sarà fatto: “Potenzieremo gli ormeggi per i mezzi veloci. Stiamo lavorando con Rfi, siamo riusciti a trovare i fondi anche grazie al Pnrr e si partirà con tempi ristretti. Un obiettivo importante è anche coprire il tragitto dalla stazione ferroviera agli imbarchi”. Definito impensabile, dal presidente, che un passeggero sceso dal treno, ad oggi, debba percorrere 300 metri verso gli imbarchi degli aliscafi in mezzo alla strada, senza copertura da sole e pioggia.

“Serve confronto per migliorare i servizi sullo Stretto”

E poi il presidente riapre la questione legata ai regolamenti sullo Stretto: “Tutto quello che avviene sulle navi, la tipologia di mezzi, i prezzi, gli orari, non è assolutamente sotto il governo di nessuno e questo è un problema. So che la Regione siciliana e quella calabrese da tempo hanno affrontato l’argomento e io l’ho segnalato dai primi momento al ministro Giovannini. Lui stesso ha preannunciato in parlamento, ed è stato riconfermato a Musumeci, che partirà un tavolo tecnico con Regioni, città metropolitane e anche noi. Ci si confronterà per trovare le soluzioni per migliorare il sistema dei servizi sullo Stretto”.

Mega: “Intervenire su orari e costi”

“Bisogna intervenire sugli orari e anche sui costi dei servizi – prosegue Mega – quello che è certo è che bisogna fare uno sforzo tutti insieme per migliorare gli strumenti. Oggi niente è illegittimo, sia chiaro, ma probabilmente se c’è una nuova sensibilità, se le infrastrutture devono essere sempre più sostenibili dal punto di vista ambientali e anche economico e sociale, probabilmente serve ripensare a nuove forme di regolamentazione dei servizi, perché non sono servizi occasionali o a scelta. Bisogna ragionare e lavorare con grande attenzione, occorre coordinare i servizi, non è soltanto un problema di infrastrutture. Abbiamo bisogno che lo Stato e le autorità regionali trovino il modo per garantire la mobilità sullo Stretto come sarebbe giusto che accadesse già ora. Sono necessità di spostarsi il più delle volte quotidianamente, è loro diritto”.

Un commento

  1. Crepuscolo post 1908 8 Maggio 2022 16:42

    Caro presidente Mega, la invito a resistere fino alla morte sul progetto del deposito gas a Pistunina.
    La questione è la solita,i soliti poteri forti vogliono imporre il loro progetto,che comporterebbe il monopolio dello stesso impianto.
    Messina ha bisogno che questo principio di monopolio dei poteri forti vada sconfitto,e lei ha i mezzi per farlo e per dare il buon esempio ad altri.
    Poi aggiungo un’ altra cosa;si adoperi affinché il porto storico attraverso la via del mare sia utilizzabile sia da altri armatori,e sia come alternativa,quando a Tremestieri il porto è impraticabile per le forti sciroccate,altrimenti tutto il lavoro sarà vano.

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007