Messina. Il Pd sulla Tari: "Un fallimento la politica dell'Amministrazione" - Tempostretto

Messina. Il Pd sulla Tari: “Un fallimento la politica dell’Amministrazione”

Giuseppe Fontana

Messina. Il Pd sulla Tari: “Un fallimento la politica dell’Amministrazione”

sabato 31 Luglio 2021 - 07:05

Il Partito democratico attacca De Luca e la sua Giunta definendo la ripresentazione della delibera già bocciata "un atto di arroganza politica"

MESSINA – Con ben quattro consiglieri a votare contro la proposta di delibera sull’aumento delle tariffe Tari per il 2021, il Partito democratico è stato determinante per la bocciatura di quel rincaro del 9% medio che ormai da giorni aleggiava sulla città di Messina. I consiglieri comunali Gaetano Gennaro, Antonella Russo, Alessandro Russo e Biagio Bonfiglio, ma anche il segretario cittadino Franco De Domenico e quello provinciale Nino Bartolotta, utilizzano parole al vetriolo per l’amministrazione dopo l’ennesimo scontro, culminato appunto con la vittoria dei “no”. “L’atto di protervia ed arroganza politica dell’Amministrazione”, si legge all’interno del documento, “che ha ripresentato all’aula la stessa identica delibera che solo 20 giorni fa era stata bocciata dal Consiglio comunale, è stato rispedito al mittente”.

Un Partito democratico che non le manda a dire al sindaco De Luca e alla gestione della sua Giunta, definita fallimentare: “La seconda e definitiva bocciatura dell’aumento della Tari è la prova della capacità del Consiglio comunale di farsi interprete delle esigenze dei cittadini in un periodo di crisi senza precedenti; allo stesso tempo rappresenta la plastica dimostrazione del fallimento della politica dell’Amministrazione De Luca, che con tutta evidenza non può fare affidamento se non su uno sparuto gruppo di consiglieri”. “Auspichiamo per il futuro”, concludono i consiglieri, “che la giunta De Luca cambi totalmente registro ed abbia l’umiltà che finora non ha mai avuto, di confrontarsi dialetticamente con il Consiglio comunale, e ne segua l’indirizzo politico a vantaggio dell’intera collettività”. Chiaro e semplice il giudizio del Pd su quanto successo in Aula e, più in generale, sulla gestione che l’amministrazione ha sulla questione rifiuti. Ora non resta che vedere come evolverà il clima di fuoco generatosi a causa della Tari all’interno di Palazzo Zanca.

Tag:

4 commenti

  1. bonanno giuseppe 31 Luglio 2021 10:36

    se avete sangue nelle vene cari consiglieri dovreste mandare a casa Er Mutanda e la Sua Giunta

    10
    8
  2. Bravi questi consiglieri. Quando c’è da dire cose contro il Sindaco, o c’è da dare la colpa a qualcuno, sempre in prima fila. Quando in mezzo alle cose sbagliate sono state fatte anche cose buone, per la città e il cittadino, nessuno a dire, bravo ha fatto bene. Dovreste appoggiare il Sindaco anche se della fazione opposta alla vostra. Dovreste essere più coerenti. Anziché guardare la vostra bandiera,il Vostro partito, dovreste collaborare tutti (stesso partito o no), per il bene del cittadino. Cosa che non viene assolutamente fatta.

    5
    5
  3. Che centra l’amministrazione, siete stati voi a bocciare l’aumento della TARI, e la conseguenza e’ questa, nelle nostre case se vengono a mancare i soldi si tagliano le spese,cosi ha fatto pure l’amministrazione comunalr.
    PS: In tanti si ricorderanno di voi, vi aspettiamo alle urne e contrremo quanti voti vi verranno dati, finirete di fare politica, la politica non e’ una partita di calcio ma deve essere un servizio per i cittadini.

    2
    4
  4. I fatti parlano chiaro. Soprattutto loro hanno fallito a livello comunale, provinciale, regionale e nazionale. Come diceva Andreotti il potere logora chi non ce l’ha.

    1
    4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007