Messina. Rapina giovane coppia e tenta di abusare sessualmente della donna: arrestato dai carabinieri - Tempostretto

Messina. Rapina giovane coppia e tenta di abusare sessualmente della donna: arrestato dai carabinieri

.

Messina. Rapina giovane coppia e tenta di abusare sessualmente della donna: arrestato dai carabinieri

. |
domenica 26 Giugno 2022 - 13:33

L'increscioso episodio nei pressi dei resti dello storico monumento Realcittadella in località San Raineri. Il fermato, un 31enne, è di origini nigeriane già destinatario di un ordine di allontanamento dal territorio nazionale

MESSINA – I carabinieri della Compagnia di Messina Centro hanno arrestato in flagranza di reato un uomo di origini nigeriane, già noto alle forze dell’ordine, in quanto ritenuto responsabile di una imboscata ai danni di una coppia di giovani che si erano recati al mare nei pressi dei resti dello storico monumento Realcittadella in località San Raineri. I militari dell’Arma, sono giunti sul posto a seguito della chiamata al 112 di una donna che abita nei pressi del luogo in cui è avvenuto il fatto, la quale, allertata dalle strazianti richieste di aiuto dei due giovani, era subito giunta in loro soccorso.

La coppia aggredita alle spalle

La coppia era stata aggredita alle spalle da un uomo di colore che, brandeggiando un martello e sottraendo con violenza alle vittime le macchine fotografiche di cui disponevano, ha approfittato della momentanea assenza del ragazzo, corso a reperire del denaro da consegnargli, per strattonare brutalmente la giovane donna in un anfratto, tentando di abusarne sessualmente. I carabinieri hanno rintracciato e bloccato il nigeriano mentre si nascondeva nel vano attiguo al luogo in cui poco prima aveva agito, dopo essersi liberato della refurtiva e del martello usato per l’aggressione, reperiti successivamente nelle zone prospicenti. In virtù dell’immediata individuazione dell’aggressore da parte dei militari dell’Arma e delle dichiarazioni rese dalle persone coinvolte, riscontrate dagli accertamenti urgenti eseguiti, il 31enne nigeriano, già destinatario di un ordine di allontanamento dal territorio nazionale, è stato condotto nel  carcere di Messina-Gazzi, a disposizione dell’Autorità giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

Tag:

12 commenti

  1. Complimenti allo stato italiano.

    36
    5
  2. Accogliamoli, le risorse questo è il risultato.

    35
    7
  3. Comprendere il loro disagio e favorire l integrazione così dice la sinistra

    28
    9
  4. Aveva un ordine di allontanamento dal territorio nazionale e invece se ne stava a Messina come nulla fosse 🤔😖😡😤meno male che lo hanno preso ……ora mi raccomando……lasciatelo libero solo quando avete la certezza che sia VERAMENTE FUORI dal nostro territorio che non ha bisogno di avere criminali come questo in aggiunta😖😡😤!!!

    47
    4
    1. In settimana sarà di nuovo fuori, se no la Boldrini piange.

      36
      9
      1. È vergognoso.

        0
        0
  5. W l Italia w accorinti

    0
    0
  6. Fargli il check-in e imbarcarlo oggi stesso sull’aereo, no?!

    0
    0
  7. Dispiace dirlo, Salvini HA RAGIONE .

    1
    0
  8. Qualcuno a sinistra ha detto anche che i migranti sono vittime del cambiamento climatico. Comprendiamoli (i canni arrizzunu)

    4
    0
  9. Complimenti e ringraziamenti alla cittadina che sentite le grida di aiuto non ha esitato a intervenire in soccorso di chi ne aveva bisogno. Purtroppo un gesto non scontato, di questi tempi, vuoi per paura vuoi per indifferenza.

    3
    0
  10. Ora vorrei capire dove sono tutti quei cretini che manifestavano alla passeggiata “poverini scappano dalla guerra”….Ora il centro D accoglienza dovrebbe risarcire la ragazza

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007