Foti: “Via ai lavori. Pensiamo di riportare l’acqua in tutte le case entro sette giorni” - Tempostretto

Foti: “Via ai lavori. Pensiamo di riportare l’acqua in tutte le case entro sette giorni”

Marco Ipsale

Foti: “Via ai lavori. Pensiamo di riportare l’acqua in tutte le case entro sette giorni”

lunedì 09 Novembre 2015 - 18:34
Foti: “Via ai lavori. Pensiamo di riportare l’acqua in tutte le case entro sette giorni”

Il commissario delegato per superare l’emergenza idrica detta i tempi di ritorno alla normalità. Anche stavolta la Protezione Civile è più cauta rispetto alle previsioni di Amam e della società che si occuperà dei lavori. Affidata all’Amam una verifica di tutto l’acquedotto del Fiumefreddo in modo tale da stabilire i punti critici ed evitare che altri danni possano accadere nei prossimi anni

“L’importante è che si sia avviato un processo che riporterà l’acqua nelle case dei messinesi nel più breve tempo possibile. Abbiamo preventivato sette giorni, se riusciamo prima tanto meglio”. E’ il commissario delegato per superare l’emergenza idrica, Calogero Foti, a scandire i tempi e anche oggi la Protezione Civile è più cauta rispetto a tutti. Stamane il direttore generale dell’Amam, Luigi La Rosa, aveva detto al nostro giornale che si conta di finire i lavori entro venerdì con aumento della portata idrica sin da sabato, stessi tempi forniti dalla società Benassi di Reggio Emilia, che si occupa dei lavori.

“Non mettiamo il cronometro – ha detto il capo della Protezione Civile nazionale, Fabrizio Curcio -, si opera in una zona critica e a rischio ma abbiamo il supporto delle migliori risorse del sistema nazionale: Utilitalia, due colleghi dell’Acea, uno dell’acquedotto pugliese, l’Università di Messina e quella della Calabria, l’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Cnr e il Sidra-Servizio idrico integrato di Catania. Capiamo le difficoltà della gente e, grazie anche alla collaborazione dei presidenti di circoscrizione, stiamo cercando di potenziare i servizi verso le categorie fragili e i condomìni che ne hanno bisogno. Purtroppo, fino a quando non sarà conclusa questa prima parte di lavori, una parte di città resterà senz’acqua, perché la complessità della rete idrica non consente di rifornire tutte le zone. In ogni caso, le operazioni non saranno concluse dopo aver riportato l’acqua in tutta la città. L’acquedotto del Fiumefreddo è delicato ed ha molte criticità perché il tracciato attraversa altre zone di dissesto. Messina merita un’infrastruttura migliore”.

Il problema è che c’è una parte della città “disperata”, a secco quasi ininterrottamente dal 24 ottobre. “Quel danno sembrava che il 30 fosse riparato ma poi c’è stata una nuova rottura – risponde Curcio –“. Più che nella gestione dell’emergenza, secondo il dirigente della Protezione Civile nazionale, l’errore sta nel fatto che “quando si usufruisce di infrastrutture delicate, che attraversano territori a rischio dissesto, bisogna spingere per avere pronta una soluzione alternativa e dotarsi di un piano di emergenza. E quello di Messina non è l’unico caso”.

Da domani (martedì), in contemporanea, inizieranno i lavori di sistemazione del versante di Calatabiano. “Il tempo impiegato finora – riprende Foti – è stato utile a verificare i danni di un’eventuale nuova rottura della condotta e a salvaguardia della popolazione di Calatabiano. Una volta conclusi i lavori sulla collina, verrà realizzato un nuovo tracciato per la condotta. Abbiamo già dato ad Amam l’incarico per verificare i punti dell’acquedotto del Fiumefreddo interessati da frane o quelli considerati a rischio nel Piano per l’assetto idrogeologico”.

Il sindaco Accorinti si è detto soddisfatto del lavoro della Protezione Civile ed ha ricordato l’importanza di fronteggiare il dissesto idrogeologico, che ha creato la tragedia di Giampilieri e, più di recente, l’interruzione dell’autostrada e il problema idrico. “Non si tratta solo della riparazione di un tubo – ha ribadito – ma del diritto ad avere le infrastrutture necessarie così come ci sono nel nord Italia”.

Ad entrare più nel dettaglio dei lavori, il prof. Nicola Casagli, dell’Università di Firenze, che ha collaborato alla perimetrazione della frana e all’analisi dei luoghi. “La frana ha una morfologia apparentemente complessa ma crediamo sia più semplice di quanto appare, pur se le risposte definitive le avremo coi sondaggi e le prove geofisiche ancora in corso. E’ poco profonda, già a cinque metri c’è il substrato roccioso. Il modo migliore per eliminare il problema e mettere in sicurezza il versante è togliere acqua e ripristinare la morfologia terrazzata. Per farlo, già da domani utilizzeremo un sistema di monitoraggio molto avanzato, lo stesso usato per valutare i movimenti della Costa Concordia o sullo Stromboli, una stazione robotizzata abbinata a gps e un radar”.

Gli ultimi dettagli sono stati definiti dal prof. Giuseppe Aronica, dell’Università di Messina. “Verranno installate tre condotte in polietilene dal diametro di 30 centimetri ciascuna, per una lunghezza di circa 350 metri, che saranno ancorate con tiranti bloccati e micropali che consentiranno stabilità anche in caso di frana. Sono tubi unici, che quindi non vanno saldati sul posto, e garantiscono maggiore sicurezza idraulica ed anche per gli operatori. Avranno una portata di circa 600 litri al secondo, rispetto a quella standard di 900 ma, con l’aggiunta dei 300 litri provenienti dall’Alcantara, si raggiungerà lo stesso risultato e la totale autonomia idrica per la città di Messina”.

(Marco Ipsale)

Tag:

12 commenti

  1. letterio.colloca 9 Novembre 2015 19:06

    In ogni villaggio di Messina,c’é SEMPRE stato lo SCEMO che veniva AFFETTUOSAMENTE coccolato per la “peculiarità”.Oggi tale ruolo tocca di diritto a ……Questa figura si caratterizzava per la dabbenaggine,facili entusiasmi,capacità d’inanellare minchiate una appresso all’altra con espressioni da ebete.In sintesi:un fare BIZANTINO!Messina pullula di troppi “bizantini” senza decoro personale.Può essere da esempio la PRUDENZA PROFESSIONALE DEI NOSTRI SOCCORRITORI a cui si chiede di non MINARE il proprio SERIO lavoro -proponendo di delegare all’AMAM pur’anche partecipazioni e collaborazioni lavorative.L’AMAM ha GIA’ dimostrato il proprio VALORE.Sciogliete l’AMAM e gli altri xxxxxxxxxxxx

    0
    0
  2. letterio.colloca 9 Novembre 2015 19:06

    In ogni villaggio di Messina,c’é SEMPRE stato lo SCEMO che veniva AFFETTUOSAMENTE coccolato per la “peculiarità”.Oggi tale ruolo tocca di diritto a ……Questa figura si caratterizzava per la dabbenaggine,facili entusiasmi,capacità d’inanellare minchiate una appresso all’altra con espressioni da ebete.In sintesi:un fare BIZANTINO!Messina pullula di troppi “bizantini” senza decoro personale.Può essere da esempio la PRUDENZA PROFESSIONALE DEI NOSTRI SOCCORRITORI a cui si chiede di non MINARE il proprio SERIO lavoro -proponendo di delegare all’AMAM pur’anche partecipazioni e collaborazioni lavorative.L’AMAM ha GIA’ dimostrato il proprio VALORE.Sciogliete l’AMAM e gli altri xxxxxxxxxxxx

    0
    0
  3. albertoinferrera 9 Novembre 2015 19:45

    ma Termini ancora là è? ma a che serve??

    0
    0
  4. albertoinferrera 9 Novembre 2015 19:45

    ma Termini ancora là è? ma a che serve??

    0
    0
  5. tibetano devi essere coerente con le tue idee,l’esercito NO!,siamo pacifisti semmai vacci tu con la zappa e traccia un sentiero per fare passare i lavoratori tibetani che risolveranno ilk problema COL TUBO..di gomma.

    0
    0
  6. tibetano devi essere coerente con le tue idee,l’esercito NO!,siamo pacifisti semmai vacci tu con la zappa e traccia un sentiero per fare passare i lavoratori tibetani che risolveranno ilk problema COL TUBO..di gomma.

    0
    0
  7. come a che serve? a xxxxxxxxxxxx gli euro va………

    0
    0
  8. come a che serve? a xxxxxxxxxxxx gli euro va………

    0
    0
  9. per un totale di giorni 30 senz’acqua!! Andò mewlio nel 1908!! Dopo di ciò sarebbero d’obbligo le dimissioni di molti personaggi, nella speranza che vengano indagati dalla magistratura

    0
    0
  10. per un totale di giorni 30 senz’acqua!! Andò mewlio nel 1908!! Dopo di ciò sarebbero d’obbligo le dimissioni di molti personaggi, nella speranza che vengano indagati dalla magistratura

    0
    0
  11. concordo, se fosse coerente dovrebbe andare lui insieme a quelli che sono a priori contro qualsiasi divisa. E questo è un altro esempio di come l’ignoranza di certe stupide ideologie, si scontri con larealtà dei fatti

    0
    0
  12. concordo, se fosse coerente dovrebbe andare lui insieme a quelli che sono a priori contro qualsiasi divisa. E questo è un altro esempio di come l’ignoranza di certe stupide ideologie, si scontri con larealtà dei fatti

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007