Messina. Tari, Pergolizzi attacca: "Perché bocciare abbattimento del 2%?" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. Tari, Pergolizzi attacca: “Perché bocciare abbattimento del 2%?”

Giuseppe Fontana

Messina. Tari, Pergolizzi attacca: “Perché bocciare abbattimento del 2%?”

sabato 31 Luglio 2021 - 16:02

Le polemiche sulla tassa sui rifiuti si arricchiscono ancora. Il capogruppo del gruppo misto non ci sta alla bocciatura del suo emendamento

Lo scontro tra favorevoli e contrari all’aumento delle tariffe Tari 2021, ormai bocciate dal consiglio comunale, si arricchisce ogni giorno di nuovi sviluppi e pareri, ampliando la portata del confronto e introducendo quotidianamente nuovi, importanti elementi alla discussione. L’esempio è la nota del consigliere comunale Nello Pergolizzi, che torna sulla questione parlando, però, di un suo particolare emendamento, bocciato nella seduta di ieri pomeriggio.

L’emendamento presentato da Pergolizzi

“Durante la seduta del 30 luglio”, spiega il capogruppo del gruppo misto, “ho presentato un emendamento alla proposta di delibera relativa alle modifiche al regolamento Tari che, se approvato, avrebbe generato un abbattimento del 2% della Tari 2022 per tutti i contribuenti”. Il funzionamento nello specifico riguarderebbe lo sconto del 35% attualmente in vigore per chi conferisce i rifiuti direttamente presso le isole ecologiche e che Pergolizzi avrebbe voluto non prevedere più dal prossimo 1° di gennaio. “Ormai tutti i cittadini residenti e non, in ragione del servizio di raccolta porta a porta in tutta la città, hanno la possibilità di depositare i rifiuti differenziati sotto la propria abitazione nei mastelli o carrellati, per tanto risulterebbe immotivata la scelta di garantire un doppio servizio che genera costi aggiuntivi per il gestore e l’ingiustizia di far pagare somme aggiuntive, pari a un milione 223mila e 374 euro, a chi non conferisce rifiuti presso le isole ecologiche”.

La domanda ai consiglieri

Pergolizzi insiste e parla di “92mila 959 famiglie che devono pagare lo sconto del 35%” per poi attaccare i colleghi consiglieri, sia per la bassa presenza nella seduta del 30 luglio (“appena sufficiente a garantire il numero legale”) sia per un altro emendamento approvato, che “aumenta la percentuale della riduzione in favore di locali ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale dal 40% al 45%, somme che saranno poste a carico di tutti i contribuenti”. Infine la domanda rivolta proprio ai consiglieri: “come mai gli stessi che dicono di avere a cuore gli interessi dei nostri concittadini non hanno votato favorevolmente all’emendamento che avrebbe consentito l’abbattimento del 2%?” Una domanda che Pergolizzi rivolge ai colleghi e pone di fronte alla cittadinanza.

Tag:

2 commenti

  1. la spiegazione è presto detta,vogliono mettersi la medaglia al petto dicendo che non hanno fatto aumentare la tari e quindi sono più bravi e domani prenderanno qualche voto in più,questa è la politica della sinistra,stanno scopiazzando il movimento 5 stelle il partito della scatoletta,che ora è pienamente dentro la scatoletta.

    5
    12
  2. Singolare che Nello Pergolizzi proponga di eliminare lo sconto sulla Tari previsto per chi conferisce nelle isole ecologiche. Questo, caro Pergolizzi, è l’unico modo lecito per alleggerire una tassa che a Messina non sono in molti a pagare. Non pensi che per mantenere i livelli occupazionali vi dovevate impegnare tutti, nessuno escluso, a recuperare l’enorme e vergognosa evasione della Tari?

    3
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x