Messina zona ultrarossa. Le imprese alla prefetta: Danni gravi, ci aiuti a far sentire la nostra voce - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina zona ultrarossa. Le imprese alla prefetta: Danni gravi, ci aiuti a far sentire la nostra voce

Rosaria Brancato

Messina zona ultrarossa. Le imprese alla prefetta: Danni gravi, ci aiuti a far sentire la nostra voce

venerdì 22 Gennaio 2021 - 07:40
Messina zona ultrarossa. Le imprese alla prefetta: Danni gravi, ci aiuti a far sentire la nostra voce

Confesercenti, Confcommercio, Confartigianato, Claai, Confimprese hanno incontrato la prefetta Librizzi. "Oltre il 20% delle imprese a rischio chiusura"

Dopo l’allarme si è tenuto l’incontro e la prefetta Librizzi ha ascoltato le preoccupazioni delle associazioni di categoria in merito alle gravissime conseguenze che la zona ultrarossa voluta dal sindaco con ulteriori misure restrittive avrà su imprese già in ginocchio.

Il grido d’allarme

Si è svolto in videoconferenza l’incontro tra i rappresentanti di Confesercenti, Confcommercio, Confartigianato, C.L.A.A.I. e Confimprese Italia di Messina e la prefetta dopo il documento congiunto con il quale le associazioni chiedevano di attivare con urgenza un tavolo di confronto sulla gravità della situazione economica, che in mancanza di risposte adeguate, potrebbe compromettere la coesione sociale.

Gravi conseguenze

Alla riunione, a cui hanno partecipato il presidente di Confesercenti Messina Alberto Palella, di Confcommercio Carmelo Picciotto, di Confimprese Italia Cettina Scaffidi, della C.L.A.A.I Natale Capone e il direttore di Confartigianato Francesco Giancola, è stato sottolineato come Messina sia in zona rossa da prima che fosse dichiarata per tutta la Sicilia, con gravi conseguenze per l’intero tessuto economico della città.

Fuori dai ristori?

I rappresentanti delle cinque sigle hanno dunque rappresentato alla Prefetta Librizzi la preoccupazione che nel caso fossero previsti ulteriori ristori per le regioni inserite nella massima fascia di rischio, questi aiuti possano non essere attribuiti alle attività messinesi che pur rientrando nell’elenco dell’allegato 23, sono attualmente chiuse e lo saranno fino al 29 gennaio, come da Ordinanza del sindaco De Luca. Da qui la richiesta di farsi portavoce presso il Governo nazionale delle specifiche esigenze della comunità imprenditoriale messinese che ad oggi risulta maggiormente vessata rispetto ad altre, affinchè vengano concessi ristori aggiuntivi.

Chi è rimasto escluso

Altro problema sollevato nel corso dell’incontro riguarda le tante aziende che a causa della ratio con cui vengono assegnati gli aiuti economici, tra cui i codici Ateco e il criterio del fatturato “a tempo”, finora non hanno percepito un centesimo. Ancora più grave la questione relativa alle Start Up, che pur avendo investito notevoli risorse per l’apertura di una nuova impresa, avendo iniziato a sviluppare fatturato nel 2020, non hanno avuto diritto ad alcun ristoro. Una situazione a dir poco drammatica.

Il danno e la beffa

Ma a proposito di ristori, i rappresentanti delle associazioni datoriali hanno  ribadito come quelli finora arrivati riescano a malapena a coprire le spese relative alle bollette delle aziende,  ed hanno fatto presente che comunque gran parte delle imprese aventi diritto, non li hanno ancora ricevuti. Proprio su questi dramma la prefetta si è detta disponibile ad aprire un fronte di dialogo anche a livello locale presso gli Enti competenti per accertare le ragioni dei ritardi ed accelerare le procedure. 

Settori più a rischio

Per il 20% delle imprese messinesi in questo momento non s’intravede possibilità di uscire dalla crisi e il rischio è non riaprire più. Tra le situazioni di maggiore criticità hanno contemplato le attività del settore abbigliamento, fortemente penalizzate dai mancati introiti connessi al periodo natalizio e ai saldi. Per non parlare poi di un malessere diffuso tra tutte le categorie commerciali e che riguarda le spese fatte per la messa in sicurezza e la sanificazione salvo poi essere costretti ad abbassare la saracinesche.

L’attenzione della prefetta

La Librizzi a fronte della situazione rappresentata, ha concordato  l’opportunità di acquisire un documento di dettaglio, congiunto e analitico, che tenga conto di una differenziazione tra gli aspetti riferibili all’intero contesto del Paese, che verranno sottoposti all’attenzione delle Autorità centrali e quelli, invece, tipicamente locali, rispetto ai quali procedere nell’immediatezza ad una sinergica attività di problem solving, anche in prossime riunioni che coinvolgano Enti e istituzioni del territorio, tenendo a sottolineare che tutti sono chiamati, nel proprio ambito, ad impegnarsi per superare le situazioni di disagio sociale.

Articoli correlati

Tag:

5 commenti

  1. ANTONIO BARBERA 22 Gennaio 2021 14:40

    Purtroppo avete perso solo tempo . Dal Prefetto , come rappresentante locale del Governo , non ho sentito una parola sulla ordinanza del Sindaco e sulla sua legittimità . Alla Dottoressa Librizzi consiglierei maggiore fermezza , nella attuale situazione di emergenza pandemica i provvedimenti di natura sanitaria, quali la limitazione della libertà personale ed imprenditoriale ,sono riservati solo al Governo nazionale .

    19
    2
    1. Shhhh! Sta dormendo…

      0
      0
  2. Di quale Governo nazionale si parla? Di quello prima della crisi o quello ancora a caccia di consensi? Anche lei come Musumeci aspetta ordini da Roma. Ecco perchè siamo così combinati e oggi l’Asp non si è nemmeno presentata al tavolo di discussione. Il sindaco sbaglia i toni e il linguaggio ma rendetevi conto che siamo abbandonati a noi stessi, sappiamo solo criticare l’operato del sindaco e non le istituzioni di ogni ordine e grado per le loro macroscopiche mancanze.

    0
    5
  3. Per le imprese chiuse illegittimamente dal sindaco, ovverosia quelle considerate dal Governo “di prima necessità” da tenere aperte anche nelle zone rosse, dovreste chiedere i ristori direttamente dalle tasche personali del sindaco (a lui lo stipendio a cinque zeri non lo hanno “chiuso”, purtroppo).

    2
    0
  4. Per le imprese chiuse illegittimamente dal sindaco, ovverosia quelle considerate dal Governo “di prima necessità” da tenere aperte anche nelle zone rosse, dovreste chiedere i ristori direttamente dalle tasche personali del sindaco (a lui lo stipendio a cinque zeri non lo hanno “chiuso”, purtroppo).

    15
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x