Difficoltà per la raccolta nella zona nord, spiagge sporche e l'appello di un messinese emigrato - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Difficoltà per la raccolta nella zona nord, spiagge sporche e l’appello di un messinese emigrato

Francesca Stornante

Difficoltà per la raccolta nella zona nord, spiagge sporche e l’appello di un messinese emigrato

venerdì 21 Giugno 2013 - 12:47
Difficoltà per la raccolta nella zona nord, spiagge sporche e l’appello di un messinese emigrato

A causa di due divieto di transito per i mezzi pesanti a Castanea e Acqualadrone Messinambiente va incontro a innumerevoli problemi per ripulire i villaggi. Sul fronte spiagge abbiamo invece raccolto la segnalazione di un lettore che tornando a casa per le vacanze ha trovato il litorale in condizioni pessime.

Come se non bastassero gli innumerevoli problemi tra cui ogni giorno si deve barcamenare Messinambiente, si aggiungono nuove difficoltà che creano non pochi disagi alla società che gestisce la raccolta rifiuti. A mettere nero su bianco il problema per segnalarlo ai vertici di Messinambiente è il Responsabile del Settore Servizi Claudio che accende così i riflettori sulle difficoltà di raccolta dell’immondizia nei villaggi di Acqualadrone e Castanea. A creare intoppi da diversi mesi sono i divieti di transito a veicoli superiori alle 3,5 tonnellate che in entrambi i villaggi non consentono l’accesso ai mezzi della partecipata. Ad Acqualadrone, spiega Sindoni, si sono dovuti eliminare i cassonetti a svuotamento laterale da 3200 litri, e sostituirli con quelli da 660 litri, che possono essere svuotati da un mezzo più piccolo, a carico posteriore. Cassonetti più piccoli, ma ciò comporta ovviamente un lavoro maggiore e più tempo, visto che il mezzo piccolo deve effettuare un numero maggiore di viaggi per raggiungere la piattaforma di Pace che si trova a notevole distanza. Non va meglio a Castanea, dove per una analoga limitazione il mezzo a carico laterale, per completare il percorso di raccolta, deve riscendere da Massa e risalire da viale Giostra, compiendo un lungo giro, anche qui con tempi di percorrenza più che raddoppiati. Difficoltà che dunque non fanno che peggiorare le condizioni già precarie di un’azienda che lavora con risorse ridotte al lumicino, con l’ansia costante del carburante che finisce e con mezzi non in perfette condizioni.

Sempre in tema di pulizia, ma spostandoci sulle spiagge, a giorni dovrebbero iniziare gli interventi per ripulire il litorale messinese. Se ne occuperà Messinambiente, nel frattempo però la bella stagione è arrivata e in contemporanea non mancano le segnalazioni dei cittadini. In particolare un messinese residente fuori e tornato in questi giorni a casa per le vacanze si dichiara amareggiato per le condizioni in cui ha trovato la sua spiaggia. Ha mandato alla nostra redazione una foto che immortala un netturbino in azione su un tratto di spiaggia della riviera ligure e si chiede perché, una scena così normale, non è possibile vederla anche a Messina. Racconta di aver passato i suoi giorni di vacanza in mezzo alla sporcizia che si trova sul litorale nord e si sfoga così “è una vergogna, è una disfatta, un vero e proprio scempio. Tutti, dai politici ai cittadini, dovrebbero mantenere pulito, non meritiamo ciò che Dio ci ha donato, abbiamo un mare e una riviera che farebbe invidia a chiunque, basterebbe poco per migliorare questa vergognosa situazione”. La firma in calce è “un messinese emigrato”. Perché forse chi va via e torna solo ogni tanto si rende ancora più conto di quanto si potrebbe fare e non si fa.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

13 commenti

  1. Chi va via e torna una volta ogni tanto non dovrebbe tornare più e dovrebbe farsi le vacanze in Australia. Tanto quando torna si lamenta, non fa niente per migliorare la situazione e in più non porta un euro perché spesso alloggia da parenti. Se c’è qualcuno che non si comporta così è il benvenuto.

    0
    0
  2. caro amico, se sei andato via c’erano mille motivi che giustamente ti hanno spinto a farlo, e come vedi nulla è cambiato, qua tutto uno schifo era, e tale è rimasto. Fossi in te non ritornerei più nemmeno per le vacanze, questo luogo non merita tanta attenzione.
    OGNI ANNO LA STESSA COSA,adesso mi aspetto l’intervento di accorinti e tutti gli ambientalsiti nopontisti e notutto doc e dop, con la villetta a t. faro.

    0
    0
  3. Ritorna in Liguria che è meglio. Ma se non ci sono soldi di cosa si lamenta? La gente e proprio strana. Comunque diamo anche la colpa al mare perché tanti rifiuti vengono dal mare non sono solo i cittadini.

    0
    0
  4. IO SONO KI HA SCRITTO LA LETTERA E HO LE xxxxx DI METTERE LA FACCIA COME BEN POCHI!!!ALLORA PRIMO KE IO NON SCENDO UNA VOLTA L HANNO,MA IL LAVORO KE FACCIO MI PERMETTE DI SCENDERE QUASI OGNI MESE,SECONDO GIù A MESSINA HO LA CASA DI Proprietà E QUINDI NON VADO DAI PARENTI A DORMIRE(COME SE FOSSERO I MESSINESI EMIGRATI A FAR RISOLLEVARE MESSINA NO??QUESTA è PURA IGNORANZA Perché NON SAI NEMMENO COSA SIGNIFICA TURISMO)SECONDO QUANDO SCENDO SONO SICURO AL 100% KE IO A DIFFERENZA VOSTRA NON SPORCO LA MIA Città NEANKE QUANDO VADO AL BAR ED HO LO SCONTRINO IN MANO LO BUTTO A TERRA,MENTRE XKI CI ABBITA è UNA CONSETUDINE.terzo la mia è stata una provocazione x i politici o tipici messinesi ke sanno solo parlare e lamentarsi degli altri e appena girano l angolo buttano il pacchetto di sigarette a terra ecc ecc..(riferendomi alla pulizia,ma cè tnt altro da dire)!!quindi messinesi come vi fate kiamare ma ke avete ben poco di messinesi veri….aprite gli occhi..MESSINESE EMIGRATO

    0
    0
  5. Quando smetterai di scrivere in aramaico ti risponderemo. Comunque confermo quello che ho scritto.

    0
    0
  6. Io sono emigrato e sono tornato per amore di parenti ed amici.
    Ciò non toglie che quando ricevo amici e parenti che vengono a visitare la mia città, trovo enormi difficoltà a giustificare l’immondizia che ha invaso le nostre strade marine e montane.
    Non capisco come si possa attaccare chi con dispiacere rileva che le classifiche nazionali giustamente ci classificano all’ultimo posto.
    Per tutti voi è irrilevante, per me non lo è.
    Forse perchè siete stati sussidiati a discapito dei servizi pubblici? Allora vergognatevi.

    0
    0
  7. arcidiaconosalvatore 21 Giugno 2013 21:34

    Ciao,
    Anche io sono un messinese che torna saltuariamente a casa ed anche io sto male nel vedere la mia citta’ in questo stato pietoso ed e` esattamente lo stesso stato d`animo di quando ci vivevo. Non si tratta di abitare in citta` o meno, ma dello stato in cui e` e di quello in cui invece la si vorrebbe, e non ora che me ne sono dovuto andare via, ma da sempre. Non capisco poi l`atteggiamento di presunzione di chi considera non piu` messinese chi e` dovuto emigrare lasciando i propri affetti in citta`. Io sono nato e resto messinese, e ci crepero` pure come messinese e sempre come messinese mi arroghero` ildiritto di dire la mia sulla mia citta` e sullemie radici alle qualitengo sul seriodiversamente da tanti che restano ma che sanno solo criticare chi dice semplicemente il vero. La verita` e` la sola stradaper il migiloramento, anche quando non ci piace. UN MESSINESE

    0
    0
  8. cassandra1 senti a me!!!tu 6 una dei tanti e niente più…!io anke se non scrivere come dici tu,il mio piccolo l ho fatto e continuerò a farlo..e tu??o ki come te ha la fortuna di stare nella propria terra SISA SOLO LAMENTARE..!anke se il mio gesto non cambierà niente,ti dico ke oltre ad aver mand il msg a tempostretto l ho fatto presente a ki da pochi giorni è stato votato conquistando un posto al consiglio comunale…tu ke hai fatto per migliorare la situazione??????immaggino…………………………………..

    0
    0
  9. salvatore ti dico una cosa,il mio è stato uno sfogo e niente più!!ma sai perché??xkè tengo molto ma molto di più io alla mia città di ki ci vive…!!!io soffro a vedere la mia città maltrattata,io soffro quando leggo ke miei conccittadini perdono il lavoro,io soffro qnd vado a mare e vedo le spiaggie come delle vere e proprie discariche…è UNA VERGOGNA..KI CI ABBITA NON LO CAPIRà MAI COSA SI PERDONO!!!E IN Più FAI UN PICCOLO GESTO E VIENI CRITICATO…!emigrato MESSINESE!!

    0
    0
  10. Sono stata molto chiara su come la penso già nel primo commento. Certo non sono perfetta ma la penso così e credimi Giuseppe ho qualche anno più di te e ciò che penso sull’argomento “gente che torna ogni tanto” è il risultato di attenta analisi ed osservazione.

    0
    0
  11. In più posso solo aggiungere che secondo me solo pochi che sono emigrati ne avevano estrema necessità. Gli altri hanno semplicemente colto un’opportunità di lavoro vantaggiosa oppure non se la sono sentita di vivere (almeno secondo loro) al 50% … e dai che tutti abbiamo sentito qualcuno che dice che al Nord, o in Germania o in Norvegia tutto funziona meglio. Dicendo queste cose si migliora la terra d’origine? No si rompe solamente a chi magari sta tentando di rilassarsi al sole. E io tra me e me a pensare: ma stattene al Nord o in Germania o in Norvegia. Ma in genere su queste scelte è il tempo che dà ragione o torto, a chi resta e a chi va. Certo chi se ne va, volente o nolente, non aggiunge niente alla propria terra e semmai toglie.
    Comunque torno a dire che io scrivo chiaramente e alla fine del primo commento ho scritto che chi non tiene questi comportamenti è il benvenuto, come qualsiasi turista.

    0
    0
  12. @signora cassandra, anche io sono un emigrante (uno dei tanti purtroppo). Lei è libera di scrivere ciò che vuole ma noi di giudicarla per ciò che scrive. Lei sa cosa significa emigrare? Sa quanto ci si senta male, soli, inadeguati a vivere lontano da casa? Se si parte lo si fa o per necessità o per avere una prospettiva che quasi sempre manca a Messina. Mi permetto di dire che chi resta non sempre lo fa per amore verso la città ma più spesso per comodità o per paura di lasciare le proprie certezze. Chiarito questo, mi chiedo: le spiagge sporche (e non solo ad inizio stagione) sono un elemento oggettivo. Come si fa a rispondere come fa lei? La vera risposta e’ unirsi alla protesta per pretendere delle spiagge pulite, impegnarsi per non sporcarle. Se Messina e’ una città che deve rinascere, la sua base deve essere il turismo, deve sfruttare il suo mare e le sue spiagge. Non si può dire: a chi non piace se ne può anche andar via….

    0
    0
  13. vedo ke è inutile parlare,LE RIPETO KE LEI NON SA CON KI STA PARLANDO OK???LEI NON SA XKè IO SONO ANDATO VIA DA MESSINA,LEI NON SA KE LAVORO FACCIO IO,LEI NON SA COSA SIGNIFICA QUANDO ARRIVA IL GIORNO DELLA PARTENZA CON QUALE STATO D ANIMO FACCIO LE VALIGGE!!!!IO SONO MESSINESE COME LEI,IO NON SONO UN TURISTA KE SCENDE UNA VOLTA L ANNO OK??HO IL DIRITTO DI FAR NOTARE CIò KE NON VA NELLA MIA Città…ORA NI STAMU MUTI NO???E ASPETTIAMO IL CAVALIERE SUL Cavallo ke fa i miracoli????SVEGLIATEVI ALZATE LA VOCE INVECE DI DORMIRE!!!E POI SONO SICURO KE LEI PARLA COSI XKè è UNA DEI POKI A MESSINA RIMASTI CON UN BUON POSTO DI LAVORO è QUINDI è FACILE CRITICARE KI(LA MAGGIORPARTE A DIFFERENZA DA COME LA PENSA LEI)VA VIA XKè COSTRETTO….A MESSINA IL LAVORO NON ESISTE HA CAPITO???E AVERE LE SPIAGGIE PULITE ED ORGANIZATE SIGNIFICA CREARE POSTI DI LAVORO!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007