Finita un'era: Calabrò dice grazie e si toglie qualche sassolino dalla scarpa - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Finita un’era: Calabrò dice grazie e si toglie qualche sassolino dalla scarpa

Finita un’era: Calabrò dice grazie e si toglie qualche sassolino dalla scarpa

sabato 03 Marzo 2018 - 07:08
Finita un’era: Calabrò dice grazie e si toglie qualche sassolino dalla scarpa

Il liquidatore di Messinambiente Giovanni Calabrò ha ceduto il timone della gestione rifiuti alla MessinaServizi Bene Comune. Nel giorno in cui è stato presentato il nuovo Direttore generale Aldo Iacomelli, ecco le parole di Calabrò

«E' fatta. Si passa dalla Messinambiente alla Messinaservizi. Ora finalmente si possono abbassare le luci su un tormentone che in molti anni non ha dato pace ad alcuno, e più recentemente in particolar modo a me che ho rivestito il ruolo di Liquidatore".

È Giovanni Calabró a voler racchiudere pensieri e riflessioni nel giorno in cui Messinambiente cede il passo alla nuova MessinaServizi. Calabró, chiamato dal sindaco Accorinti quando Alessio Ciacci decise di lasciare Messina, doveva stare a Messinambiente solo qualche mese. Era il luglio del 2015 e da allora sono passati quasi tre anni. Tre anni in cui la società rifiuti ha affrontato uno dei momenti più difficili della sua vita, soprattutto quando si è abbattuta la mannaia di quel debito con l'Agenzia delle Entrate che ha messo a rischio fallimento la società, portando a galla un debito che supera i 100 milioni. Quindi le varie tappe in Tribunale, la decisione di tentare il tutto per tutto, la strada del concordato. «Con molta soddisfazione personale posso dire di essere riuscito dove altri neanche si sono cimentati o ancor peggio hanno clamorosamente fallito.

Il merito naturalmente non è solo mio ma deve ascriversi a molti ed a tante componenti.

Innanzi tutto all'Amministrazione Comunale in generale e nello specifico al mio Sindaco Renato Accorinti che mi ha dato piena fiducia che credo di aver ampiamente ripagato.

Un primo ringraziamento Io devo proprio al magnifico gruppo di lavoro dell'area amministrativa, contabile e del personale che ho trovato all'interno dell’azienda e con il quale ho collaborato a
stretto contatto di gomito per oltre due anni e mezzo di duro, intenso e stressante lavoro.

Tra questi i miei più stretti collaboratori, i vari Armando, Tania, Ketty, Roberto, Agata e tanti altri che non si sono rivelati solo semplici impiegati ma veri professionisti che hanno dato ogni dove
ampia prova delle loro competenze, che augurerei veramente a tutte le aziende e che certamente continueranno la loro eccellente attività al servizio della nuova società Messinaservizi.

L’elenco dei ringraziamenti è lungo ma due note estremamente positive le devo dedicare anche ad altri due grandi professionisti che hanno seguito con dedizione ed abnegazione l’azienda e che col transito esauriscono il Loro incarico.

Uno è Lino Arena, grande e fedele professionista, RSPP aziendale e responsabile per la formazione ed informazione del personale aziendale. L’altro è il più noto dirigente Natale Cuce, ormai passato all’Amam da qualche mese.

E’ stato in distacco fino all'ultimo giorno nella Messinambicnte per una chiara soddisfazione aziendale ma anche mia personale, dimostrando ampiamente sul campo di valere e meritarsi i gradi
di ‘‘Generale" che gli ho affidato per riportare sui giusti binari la qualità del servizio svolto dalla società.

L'elenco dei ringraziamenti al personale aziendale operativo è lungo e quindi metto tutti dentro.
Altrettanto lungo è l’elenco di quelli hanno osteggiato questo percorso sia all'interno che all’esterno e parimenti metto tutti dentro. Nessun rancore per questi ultimi, solo delusione per la pochezza espressa e per l'assoluta mancanza di etica, morale e senso civico. Cosi come ebbi a dire anche alla chiusura del Cantiere di Taormina, salvando anche altri 37 posti di
lavoro, finisce una bella storia ne comincia un'altra».

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007