Metroferrovia, Uiltrasporti: "Messina rischia ancora di essere la Cenerentola siciliana" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Metroferrovia, Uiltrasporti: “Messina rischia ancora di essere la Cenerentola siciliana”

Redazione

Metroferrovia, Uiltrasporti: “Messina rischia ancora di essere la Cenerentola siciliana”

giovedì 04 Giugno 2020 - 13:49
Metroferrovia, Uiltrasporti: “Messina rischia ancora di essere la Cenerentola siciliana”

Il biglietto integrato e l'eterna promessa di rilancio della Metroferrovia di Messina. Il sindacato scrive all'assessore Mondello

Metroferrovia: si apra subito una fase nuova. La UIltrasporti chiede all’assessore del Comune di Messina, Salvatore Mondello, una cabina di regia sulla mobilità cittadina che rilanci, partendo dalla Metroferrovia Messina-Giampilieri, una vera integrazione tra vettori di trasporto su ferro-gomma e mare.

Una richiesta che arriva dopo le recenti dichiarazioni dell’assessore regionale Marco Falcone che ha assicurato che entro novembre anche Messina avrà il biglietto integrato tra bus e treni. A queste dichiarazioni l’assessore del Comune Mondello ha risposto in modo netto: «Noi siamo pronti ma con i fatti, non con le solite parole».

Così la Uiltrasporti, che proprio sulla Metroferrovia ha cercato di tenere alta l’attenzione, adesso chiede che sia proprio Messina a battere i pugni per non perdere ancora una volta un’opportunità importante in ottica trasporti e mobilità. «Con il varo della nuova Atm non ci sono più alibi. Si deve aprire concretamente  una fase nuova in tutto il comparto della mobilità cittadina  – dichiara Michele Barresi segretario generale della Uiltrasporti – e occorre recuperare il tempo perduto nell’integrazione con la Metroferrovia, scommessa mai portata a termine.

Mentre a Palermo pare sia già in dirittura d’arrivo il biglietto integrato tra Trenitalia e Amat, l’assessore regionale Falcone ha dichiarato che entro novembre sarà introdotto il biglietto integrato anche a Catania, che consentirà con un unico biglietto di utilizzare metro, treno del passante ferroviario e bus. Contemporaneamente lo stesso Falcone ha recentemente confermato, anche per Messina, le integrazioni commerciali per Atm e Metroferrovia dal prossimo novembre.

Di buoni propositi, con il rincorrersi di date per l’avvio di un servizio integrato, ne abbiamo registrati tanti negli ultimi 10 anni – dichiara la UIltrasporti- mentre ad oggi possiamo dire che sono state per Messina solo occasioni sprecate. Le buone intenzioni sono spesso naufragate di fronte alla mancanza di coperture finanziarie che la Regione e il Comune non hanno mai reperito. Ed anche oggi temiamo che in una ipotetica corsa alle poche risorse disponibili, Messina possa essere la cenerentola tra le tre città metropolitane, con Palermo pronta a partire e con un governo regionale palesemente orientato più sulla città etnea che su quella peloritana. 

Eppure, recentemente anche un ordine del giorno votato all’unanimità dall’Ars e presentato dal deputato Pd Franco De Domenico che impegnava l’amministrazione regionale a non ignorare questo problema messinese, indicando anche dove attingere per le risorse mancanti, consiglia di fare un fronte comune per non restare nuovamente a mani vuote.

Il nuovo PGTU varato dall’amministrazione comunale, ma anche l’esperienza maturata in questa emergenza Covid, richiede una totale revisione dell’assetto della mobilità cittadina – continua la Uil – con un maggiore efficientamento e sinergia commerciale tra vettori, compreso quelli marittimi sullo Stretto. In questo senso, auspichiamo che possa essere la volta buona – conclude Barresi – e lanciamo all’assessore alla mobilità Mondello, la proposta di realizzare da subito un ampio fronte comune cittadino con la istituzione di una cabina di regia cittadina per la mobilità che coinvolga i sindacati – che possa interloquire con progetti e proposte concrete affinché la Regione dia a Messina quel che le spetta».

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007