Migranti, 3 fermi a Messina per sequestro di persona, violenze e tortura in Libia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Migranti, 3 fermi a Messina per sequestro di persona, violenze e tortura in Libia

.

Migranti, 3 fermi a Messina per sequestro di persona, violenze e tortura in Libia

. |
lunedì 16 Settembre 2019 - 07:43
Migranti, 3 fermi a Messina per sequestro di persona, violenze e tortura in Libia

Sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla tratta di persone, alla violenza sessuale, alla tortura, all'omicidio e al sequestro di persona a scopo di estorsione

MESSINA – Sequestro di persona, tratta di essere umani e tortura. Con questa accuse la Dda di Palermo ha fermato a Messina tre persone che si trovavano nell’hot-spot della città dello Stretto, dove erano stati trasferiti dopo lo sbarco a Lampedusa. Si tratta di Mohammed Condè, detto Suarez, originario della Guinea, 27 anni, Hameda Ahmed, egiziano, 26 anni e Mahmoud Ashuia, egiziano, 24 anni.

Secondo quanto emerso dall’inchiesta, avrebbero trattenuto, per conto di una organizzazione criminale, in un campo di prigionia libico a Zawuia, decine di profughi pronti a partire per l’Italia, rilasciati solo dopo il pagamento di un riscatto. I fermati sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla tratta di persone, alla violenza sessuale, alla tortura, all’omicidio e al sequestro di persona a scopo di estorsione.

I particolari sono emersi anche dalle testimonianze raccolte dagli inquirenti da vittime che hanno raccontato di essere stati torturati, picchiati e di aver visto morire compagni di prigionia.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Quale pena infliggere a questi xxxxxxx?

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007