Milazzo e Brolo. Due realtà a confronto per l'accoglienza - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Milazzo e Brolo. Due realtà a confronto per l’accoglienza

Claudio Panebianco

Milazzo e Brolo. Due realtà a confronto per l’accoglienza

sabato 22 Luglio 2017 - 13:00
Milazzo e Brolo. Due realtà a confronto per l’accoglienza

A seguito dell'incontro che giovedì in prefettura ha interessato i sindaci dei nebrodi sulla questione migranti, cittadini e amministratori locali si sono confronti sul tema. A Milazzo gli abitanti fanno muro, a Brolo saranno gli stessi residenti a discutere con la dirigenza comunale sul da farsi

La questione migranti nella provincia messinese tiene ancora banco tra l'opinione pubblica e le figure politiche. La contestazione si sposta a Milazzo, dove il sindaco Giovanni Formica, con l'apertura totale all'ospitalità nei confronti dei rifugiati in esubero, non ha affatto messo tutti d'accordo, anzi, ha ulteriormente spaccato la platea. In tanti hanno visto di cattivo occhio la scelta.

I consiglieri comunali di Milazzo Futura e Città Attiva esprimono infatti perplessità, si legge in un comunicato, sulla capacità amministrativa del primo cittadino, considerata inadeguata al caso. "Mentre in tv offre alla prefettura la città per ospitare più migranti di quanti mai la stessa prefettura ne avrebbe voluti inviare", scrivono, "(senza l'improvvisa uscita del sindaco sarebbero stati 25 e non 60 come assegnati dopo la disponibilità di Formica), in aula cambia completamente versione e dichiara che è stata la prefettura ad imporgli l'ospitalità e la scelta di una struttura che solo orientativamente lui, il sindaco, ha individuato a Fiumarella. Ascoltandolo si percepisce la pochezza politica del personaggio. Ai cittadini è doveroso dare risposte".

"Avremmo gradito leggere anche qualche ipotesi di alternativa alla problematica sui Migranti", incalzano, "ma quella, purtroppo, è mancata anche in un tavolo così importante come quello del ritrovato Centro – Destra cittadino e limitrofo. Per non incorrere nello stesso errore, noi di Milazzo Futura e Città Attiva avanziamo ipotesi da condividere con i cittadini di Fiumarella e di Milazzo in generale e anche con i consiglieri comunali lunedì sera in aula. Che si proceda ad un patto di rete tra amministrazione, consiglio comunale e associazioni di categoria, le Ipab presenti sul territorio, la curia e creare un inserimento a numeri ridotti e possibili in strutture proprio delle associazioni, delle Ipab e della curia che hanno locali idonei e, in alcuni casi, utilizzati proprio per questi motivi. Sarebbe un modo intelligente di chiudere una questione che ha tenuto Milazzo".

Spostandoci invece a Brolo, dove ancora si riflette sulla possibilità effettiva di firmare la convenzione SPRAR, e quindi aprire le proprie porte ai migranti, il sindaco Rosaria Ricciardello intende discutere direttamente con gli abitanti del centro urbano della situazione, invitandoli ad un incontro che domani, alle 19, si svolgerà nell'aula consiliare del comune. " Ci sono strade da scegliere e da percorrere, dobbiamo trovare insieme la direzione da prendere", spiega l'amministratrice, "ma soprattutto dobbiamo sconfiggere pregiudizi, luoghi comuni, paure irrazionali. Non mi piace il termine "buttar giù la pillola" ma è quello che per certi versi dobbiamo fare. Sono convinta che l'incontro in prefettura di giovedì è stato un bel passo avanti a supporto delle tesi di noi sindaci, presidio di frontiera dello stato, spesso latitante, sul territorio". Un briefing libero, dedicato a chiunque voglia esprimere la propria idea, "Invito quindi i cittadini", conclude, "ma anche e soprattutto le associazioni, quelle politiche, culturali, sociali, il mondo cattolico con il prete in testa, i rappresentanti delle scuole- altra frontiera dell'accoglienza – , del mondo del lavoro, sindacati e partiti politici a partecipare, a dire la loro, quel che pensano. Anche i rappresentanti di altri credi religiosi, il paese è di tutti, e invito i rappresentanti di quelle etnie che sono giunte a Brolo alcuni da più di 40anni fa e che sono esempio di integrazione".

Claudio Panebianco

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. INFORMATEVI E’ VEDRETE CHE DI ACCOGLIENZA SI DOVREBBE DIRE RIMANDIAMOLI STASERA STESSA NELLE LORO FOGNE DA DOVE VENGONO. PROPRIO OGGI IN LOMBARDIA UNA RISORSA DI BOLDRINI E DI BOERI PRESIDENTE DELL’INPS OVVERO ISTITUTO NAZIONALE PROFUGHI E STRANIERI HA DISTRUTTO MACCHINE E PARTE DI CITTA’ ORA I CITTADINI STANNO PROGETTANDO UNA BELLA RAPPRESAGLIA CONTRO I CLANDESTINI CHE OGNI GIORNO, POCO A POCO, TASTANO LA REAZIONE O LA PAURA DEGLI IMBELLI ITALIANI CHE GLI HANNO APERTO LE PARTE E GLI VOGLIONO DARE LA CITTADINANZA E LA PRECEDENZA NELLE LISTE DI OCCUPAZIONE ANCHE NEGLI ENTI. LA RAPPRESAGLIA CI SARA’ CONTRO I CLANDESTINI CHE MINACCIANO E AGGREDISCONO. LA COLPA E’ ANCHE DI CERTA STAMPA. DITE CLANDESTINI E ANCHE PREGIUDICATI. SONO PENTITI ORA

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007