Milazzo. Movida: alcolici “a fascia oraria” e locali chiusi alle 2 nel week-end - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Milazzo. Movida: alcolici “a fascia oraria” e locali chiusi alle 2 nel week-end

Salvatore Di Trapani

Milazzo. Movida: alcolici “a fascia oraria” e locali chiusi alle 2 nel week-end

lunedì 15 Giugno 2020 - 15:01

L’ordinanza, firmata dal sindaco di Milazzo, è entrata in vigore già dallo scorso fine settimana. Ecco cosa cambia per la movida milazzese.

Torniamo a parlare di movida e locali notturni. Dopo l’incontro in prefettura di giovedì scorso, il sindaco Giovanni Formica ha emanato un’ordinanza per stabilire nuovi orari di chiusura per i locali e limitare la vendita di alcolici. Si tratta di una questione della quale si era già dibattuto nei giorni scorsi e sulla quale, realisticamente, si continuerà a discutere anche nel corso delle prossime settimane.

«L’ordinanza, adottata anche dagli altri comuni del messinese –si legge in una nota del comune- scaturisce dalle violazioni delle misure di prevenzione COVID-19 adottate a livello nazionale e regionale. Sia in tema di rispetto di distanze interpersonali, sia con riguardo all’uso dei dispositivi di protezione individuale e che è scaturita a seguito della riapertura degli esercizi commerciali e dei pubblici esercizi, comprese le attività artigianali con asporto».

Locali chiusi dalle 2.00 nel fine settimana

Nello specifico nell’ordinanza viene stabilito che “tutte le tipologie di pubblici esercizi, esercizi di vicinato alimentari, laboratori artigianali di prodotti alimentari (a titolo esclusivamente esemplificativo e non esaustivo: ristoranti, trattorie, pizzerie, pub, self-service, bar, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie e similari) dovranno chiudere i locali al pubblico alle ore 01.00 nei giorni da lunedì a giovedì e alle ore 02.00 dal venerdì alla domenica”. Previsto l’obbligo, per gli esercenti, di esporre i nuovi orari di apertura al pubblico.

Vendita di alcolici solo in alcune fasce orarie

Per quanto riguarda la vendita di alcolici, l’ordinanza rimarrà in vigore sino al prossimo 30 giugno. È previsto il divieto per gli esercizi commerciali di vendere, per asporto, bevande alcoliche e superalcoliche prima delle 8.00 e dopo le 21.00 di ogni giorno della settimana. Sono esclusi da questo divieto gli esercizi che rientrano nella categoria dei laboratori artigianali di produzione, come gastronomie e gelaterie a condizione che non vengano utilizzati contenitori in vetro e alluminio. Divieto di vendita prima delle 8.00 e dopo le 20.00 anche per i titolari di distributori automatici. Il divieto vale sia per le bevande alcoliche che per le analcoliche che utilizzano contenitori in vetro o alluminio.

Fuori dalle limitazioni gli esercizi pubblici come pub, bar e ristoranti per i quali dopo le 21.00 sarà possibile somministrare bevande e superalcoliche per il consumo al banco o negli spazi esterni facenti parte del locale. La vendita da asporto, inoltre, è consentita solo nel caso in cui non si utilizzino contenitori in vetro o alluminio.

«In occasione del Comitato Ordine Pubblico e Sicurezza del 11 giugno –dichiara il sindaco Formica– si è sottolineata la necessità di intervenire con misure atte a scoraggiare la formazione di aggregazioni notturne di persone. Questo in considerazione dell’esigenza di tutelare la salute pubblica, prevedendo una nuova regolamentazione anche a Milazzo, città che durante i fine settimana è meta di un consistente flusso di giovani, provenienti da tutti i comuni della Città Metropolitana. Dopo una serie di consultazioni con i sindaci dei comuni a maggiore vocazione turistica della costa tirrenica, si è pervenuti alla determinazione di individuare, in massima parte, misure omogenee di governo dei questi fenomeni».

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x