Milazzo. Quelle “palline” sulla spiaggia che dicono tanto del nostro mare - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Milazzo. Quelle “palline” sulla spiaggia che dicono tanto del nostro mare

Salvatore Di Trapani

Milazzo. Quelle “palline” sulla spiaggia che dicono tanto del nostro mare

mercoledì 13 Maggio 2020 - 16:49
Milazzo. Quelle “palline” sulla spiaggia che dicono tanto del nostro mare

In tanti segnalano la presenza di quelle che sembrano “palline di alghe” sulla spiaggia di Milazzo. Ma cosa sono in realtà? Ce lo spiega Carmelo Isgrò.

Cosa sono quelle “palline di alghe” presenti sulla spiaggia di ponente, a Milazzo? Una domanda che nelle ultime ore ha fatto molto discutere, soprattutto sui social. A spiegare il fenomeno ci pensa Carmelo Isgrò, biologo e direttore del “MuMa Museo del Mare di Milazzo”.

Gli “egagropili”

«Si tratta degli “egagropili” –spiega Isgrò- sono degli agglomerati sferici, formati non da alghe ma da piante marine come la posidonia. Queste palline si formano nelle spiagge sabbiose e ghiaiose, dove le onde mettono insieme i resti di queste piante acquatiche».

Carmelo Isgrò, direttore del “MuMa Museo del Mare di Milazzo”

La posidonia e le sue caratteristiche

Importante, è anche la presenza della posidonia grazie alla quale nascono gli egagropili. Il biologo Carmelo Isgrò, infatti, sottolinea come un mare ricco di posidonia sia anche un mare in buona salute.

«La posidonia è una pianta acquatica molto importante per il nostro biosistema –aggiunge- anzitutto rappresenta un bio indicatore, una maggiore presenza della pianta è sinonimo di benessere per il mare. In secondo luogo è importante poiché libera moltissimo ossigeno ed effettua un’operazione di assorbimento dell’anidrite carbonica. Infine –conclude- funge da riparo per diversi pesci e concorre a contrastare l’erosione costiera».

Insomma, un fenomeno che ci racconta molto del mare di Milazzo. Non si tratta dunque di un fenomeno di cui preoccuparsi, bensì l’esatto contrario. Il mare di Milazzo rappresenta una delle peculiarità principali del territorio mamertino, presentandosi con un ecosistema particolarmente ricco e interessante.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Io le ho sempre viste a marina di Ragusa o in Maremma dove le spiagge sono per km sabbiose!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007