Microspie, attacchi e abbandoni. A tu per tu con l’assessore Antonino Battaglia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Microspie, attacchi e abbandoni. A tu per tu con l’assessore Antonino Battaglia

Serena Sframeli

Microspie, attacchi e abbandoni. A tu per tu con l’assessore Antonino Battaglia

mercoledì 17 Settembre 2014 - 19:52
Microspie, attacchi e abbandoni. A tu per tu con l’assessore Antonino Battaglia

A distanza di mesi dal suo insediamento l’assessore parla delle indagini in corso e degli attacchi della minoranza e dell’ex Sindaco

Proiettili via posta, microspie nei pc, revoche e abbandoni di assessori e allontanamenti di consiglieri: è questo il bilancio di un anno di amministrazione condotta da Giuseppe Cannistrà, che nelle ultime elezioni comunali ha avuto la meglio sull’avversario Antonio Cannistrà e la lista “Uniti per Monforte”.

A qualche mese dal suo insediamento incontriamo l’assessore Antonio Battaglia, che ha sostituito Nicolò Chillè ricevendo delega a lavori pubblici, acquedotto, efficientamento energetico, turismo e spettacolo, tutela beni artistici e storici; gli abbiamo rivolto alcune domande.

A distanza di qualche mese dalla scoperta delle microspie nella stanza del Sindaco, ci sono novità sulle indagini della magistratura?

Purtroppo ancora non sappiamo nulla, la magistratura sta facendo le opportune indagini. Spero e mi auguro che al più presto i cittadini monfortesi abbiano delle risposte e per questo confido tanto nelle forze dell’ordine. “Iniziodellafine” era la password d’accesso del programma-spia installato nel pc del sindaco e ritengo che “iniziodellafine” sarà la nuova password di accesso del nuovo esaltante ed entusiasmante sistema politico che abbiamo in mente da giugno 2013. Una politica partecipata, libera da pregiudizi. Una politica che metta al centro del proprio interesse Monforte. I cittadini monfortesi hanno definitivamente chiuso con certi metodi clientelari e poco chiari, con il sindaco Cannistrà è già iniziata una nuova era.

Nell’ultimo consiglio comunale, grazie anche al voto contrario dei 3 consiglieri fuoriusciti dalla maggioranza (Visalli, Nastasi e Casella) non è stato approvato il regolamento comunale IUC, cosa ne pensa? Ribadisco, prima di tutto viene Monforte e i propri cittadini. La mancata approvazione del regolamento comporta una ricaduta inevitabile in negativo sul popolo monfortese. Ogni consigliere ha tra l’altro, o dovrebbe avere, l’obbligo di tutelare i cittadini e le loro tasche, qui è avvenuto esattamente l’opposto: sono prevalse le logiche personalistiche rispetto al bene comune e questo ritengo sia un segnale di estrema gravità dato ai monfortesi.

Fin dal suo insediamento è stato sempre preso di mira dai consiglieri di opposizione, in particolare dall’ex sindaco Romanzo, quali sono i rapporti con loro?

Ottimi. Sono consiglieri comunali che rappresentano una parte della popolazione monfortese e per questo devono essere rispettati nel proprio ruolo di oppositori ad un sindaco e ad un esecutivo che hanno il compito arduo di scardinare un sistema troppo radicato dove a supporto, purtroppo, trova ancora forze interne ed esterne all’amministrazione che lo sostengono. Per quanto riguarda il consigliere Romanzo, fossi in lui mi preoccuperei più del fatto che deve restituire al Comune di Monforte l’importo considerevole di circa €. 37.000,00 per somme avute in eccesso per la sua indennità di carica nel periodo compreso tra il 2009 e il 2013.

In una precedente intervista fatta al momento del suo insediamento aveva detto che probabilmente avrebbe ricoperto il suo incarico “a tempo”. Qual è Il suo futuro da assessore?

Incerto. Come ho anticipatamente detto a me non interessa la poltrona, interessa il bene di questo paese. Dopo la fuoriuscita dei 3 consiglieri di maggioranza è evidente che il progetto politico di “Insieme si può” ha avuto una forte battuta di arresto. Vedremo se ci saranno i presupposti e le condizioni di creare una squadra forte, unanime e largamente condivisa e su questo si deciderà il mio futuro politico.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007