Nel 2017 l'Authority rispose a Garofalo: "Macchè caro voli, tutto nella norma" - Tempo Stretto

Nel 2017 l’Authority rispose a Garofalo: “Macchè caro voli, tutto nella norma”

Rosaria Brancato

Nel 2017 l’Authority rispose a Garofalo: “Macchè caro voli, tutto nella norma”

lunedì 11 Novembre 2019 - 07:30
Nel 2017 l’Authority rispose a Garofalo: “Macchè caro voli, tutto nella norma”

L'ex deputato aveva chiesto interventi ispettivi un anno prima. Stupefacente la risposta....

Questa storia ha dello scandaloso. E la dice lunga su come il Sud è destinato ad essere sempre più Sud se anche le Istituzioni preposte a varie forme di tutela (in questo caso l’Agcm) se ne lavano le mani.

Nel 2016 Garofalo scrive all’Agcm

Mentre gridiamo all’onta per l’ennesimo e puntuale caro voli, c’è un episodio risalente al 2016, quando, giustamente, con notevole anticipo rispetto al periodo “rosso”, l’allora parlamentare messinese Enzo Garofalo scrisse all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per interventi a carattere preventivo.

La lettera

Era il 24 giugno 2016 e la missiva, ufficiale in quanto Garofalo era vice presidente della Commissione Trasporti della Camera, era indirizzata al Presidente dell’AGCM in considerazione dei poteri di indagine diretti a tutelare la concorrenza e il mercato, anche attraverso attività consistenti nell’ imporre direttamente o indirettamente prezzi di acquisto, di vendita o altre condizioni contrattuali.

Il caro voli di Natale

Durante le festività e più in generale nei periodi di vacanza, centinaia di studenti e lavoratori messinesi, che per motivi diversi hanno scelto di vivere in altre città italiane, rientrano nelle loro città di origine- scriveva Garofalo nel 2016– Messina non è dotata di un proprio aeroporto, costringendo i viaggiatori a considerare “voli di rientro a Messina” tutti quelli aventi come destinazione Catania o Reggio Calabria”.

Scelta obbligata

Garofalo allega anche una tabella, relativa alle festività natalizie dell’anno precedente, ovvero il 2015, dalla quale emergeva chiaramente come viaggiare verso Messina non è solo un’attività costosa ma anche eccessivamente vincolata ai pochi collegamenti aerei disponibili.

L’arbitrio delle compagnie aeree

Considerato che sulla base della situazione sin qui descritta, lo studente o il lavoratore, è in balia dell’arbitrio delle compagnie aeree che, facendo leva sull’elevata domanda, pongono un gravoso aut-aut: sottostare alle loro condizioni o cercare altri mezzi per rientrare; più in generale, laddove le compagnie aeree intravedano la possibilità di perdere clienti a vantaggio di altri mezzi (ad esempio il treno), tendono ad abbassare i prezzi; invece, laddove il trasporto aereo rappresenti una scelta obbligata, come accade sistematicamente da Roma in su verso il sud, i principali vettori italiani si fanno forti della rigidità della domanda, e per effetto di una minore concorrenza, impongono prezzi e orari poco flessibili e inadeguati

Anche in questo caso Garofalo allega una Tabella, sempre relativa al Natale 2015 e dalla quale si evince che era persino più conveniente comprare un biglietto aereo per una Capitale europea piuttosto che per Catania o Reggio Calabria.

Manovre speculative

Da qui la richiesta all’Authority, in virtù dei poteri ispettivi e sanzionatori previsti dalla legge “a compiere tutti gli approfondimenti ritenuti da essa opportuni circa i fatti esposti e denunciati, e a voler adottare tutte le misure ritenute più efficaci, al fine di contrastare in via definitiva le supposte speculazioni ed in particolare: a voler verificare la sussistenza di eventuali manovre speculative o di cartello a danno dei consumatori”.

La risposta UN ANNO DOPO

Trascorre tutto il 2016 e naturalmente si verifica il consueto aumento esponenziale del costo dei voli nel periodo natalizio.Il 7 luglio del 2017, quindi più di un anno dopo, l’Agcm risponde e la risposta lascia senza parole.

Nessun problema……

l ‘Autorità ha riscontrato che in relazione ai fatti denunciati non risultano allo stato emergere elementi di fatto e di diritto sufficienti a giustificare ulteriori accertamenti. In particolare, i prezzi notevolmente elevati dei voli in alcuni periodi dell’anno – comunque diversificati da compagnia a compagnia e crescenti via via che il lasso di tempo rispetto alla partenza si riduce – appaiono chiaramente influenzati dagli elevati livelli di domanda in tali periodi. Non sussistono pertanto indizi dell’esistenza di un coordinamento tra le compagnie in merito ai prezzi praticati sulle rotte oggetto della segnalazione”.

Il danno e la beffa

In sintesi l’Authority se ne le lava le mani e si benda gli occhi. Insomma, oltre al danno, la beffa……. A distanza di 3 anni da quella lettera di Enzo Garofalo la situazione, se possibile, è persino peggiorata.

In barba allo Statuto Speciale, alla nostra dignità, al regionalismo differenziato, alla continuità territoriale. Intanto, in Sardegna, da decenni, questa vittoria è diventata normalità…..

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007