Nuova Atm, tutto rinviato di due mesi. Cassa integrazione e stipendio "a rate" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Nuova Atm, tutto rinviato di due mesi. Cassa integrazione e stipendio “a rate”

Francesca Stornante

Nuova Atm, tutto rinviato di due mesi. Cassa integrazione e stipendio “a rate”

mercoledì 01 Aprile 2020 - 08:00
Nuova Atm, tutto rinviato di due mesi. Cassa integrazione e stipendio “a rate”

L'emergenza Coronavirus ha portato l'amministrazione De Luca a posticipare di due messi l'avvio della nuova Atm. Messaggio dei liquidatori ai dipendenti

Oggi doveva essere il giorno della nuova Atm spa. Il giorno del passaggio di testimone tra l’attuale Atm in liquidazione e la nuova società voluta dall’amministrazione De Luca. Invece tutto rinviato. I tempi sembravano già strettissimi nelle scorse settimane, quando erano iniziate le procedure per il trasferimento dei dipendenti. L’emergenza Coronavirus ha complicato inevitabilmente la situazione e dunque ieri la decisione di prendere altri due mesi di tempo. Lo ha deciso la giunta De Luca votando una delibera che proroga al 31 maggio l’attività dell’Atm in liquidazione.

Nuova Atm rinviata

I motivi riportati nella delibera sono diversi. Ovviamente le difficoltà a portare avanti le procedure in questa fase di forti restrizioni imposte dai decreti del Presidente del consiglio. Poi anche una serie di valutazioni economiche che avrebbero caricato sulla nuova Atm costi non sostenibili. Soprattutto per la gestione del personale. Considerato, infatti, che in questo momento l’Atm ha fortemente ridotto i servizi, così come previsto dai decreti ministeriali e dalle ordinanze regionali, e che anche gli incassi sono calati visto che sono sospese anche le Ztl, l’azienda ha chiesto di poter accedere agli ammortizzatori sociali previsti dal decreto “Cura Italia”. Queste misure però non sarebbero valide per la nuova Atm perché sono destinate ai dipendenti assunti prima del 23 febbraio.  Dunque si continua con quella in liquidazione e scatterà la cassa integrazione per i dipendenti. 

A spiegarlo sono i commissari liquidatori Pietro Picciolo, Fabrizio Gemelli e Roberto Aquila Calabrò. “Stiamo mettendo in atto tutte le azioni a tutela dei dipendenti per l’accesso agli ammortizzatori sociali e per garantire il miglior servizio di trasporto pubblico per i prossimi due mesi per questa emergenza Covid 19”.

Stipendi

Gli stessi commissari comunicano “che in questa fase è stato necessario rimodulare alcuni aspetti amministrativi nei rapporti con la Banca tesoriera e con alcuni fornitori, oltre alla definizione contrattuale dei contratti di assicurazione dei mezzi e la loro proroga, per i quali è necessario garantire la copertura delle somme”. Per questo motivo però, anche se i commissari scrivono che è solo a scopo precauzionale, lo stipendio dei lavoratori per il mese di marzo sarà diviso in due. I dipendenti Atm, insomma, non avranno lo stipendio per intero. L’Atm garantisce il termine di pagamento entro la scadenza usualmente prevista, ovvero 10 giorni dalla fine del mese. E dice che sarà effettuato in due tranche di pari importo, una entro il 1 aprile 2020 ed una entro il 10 aprile. 

Una proroga che evidentemente ha trovato l’Atm in liquidazione a corto di liquidità, ma con l’esigenza di fara quadrare i conti tra stipendi, assicurazione dei mezzi e fornitori. 

Il messaggio

Il messaggio finale dei liquidatori si rivolge proprio a loro: «Ai dipendenti che con grande spirito di collaborazione ed abnegazione stanno permettendo alla azienda di rendere un servizio efficiente, anche in un momento cosi particolare, va il nostro massimo apprezzamento. Lavorare nell’interesse comune e nel rispetto dei diritti dei lavoratori è stato e sarà sempre un obiettivo che ci aiuta ad affrontare tutte le difficoltà che giornalmente si presentano».

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007