Teatro dei 3 Mestieri, via con Zampalesta e Bollari - Memorie dallo Jonio - Tempostretto

Teatro dei 3 Mestieri, via con Zampalesta e Bollari – Memorie dallo Jonio

Teatro dei 3 Mestieri, via con Zampalesta e Bollari – Memorie dallo Jonio

mercoledì 10 Gennaio 2018 - 13:00
Teatro dei 3 Mestieri, via con Zampalesta e Bollari – Memorie dallo Jonio

Fine settimana intenso per il Teatro dei 3 Mestieri, che apre il 2018 con due appuntamenti di richiamo: venerdì 12 gennaio torna il del Teatro Ragazzi con Zampalesta di Angelo Gallo per la regia di Gaspare Nasuto

Venerdì 12 gennaio (ore 18.30) torna il Teatro Ragazzi a Tremestieri con Zampalesta u cane tempestadi e con Angelo Gallo e la regia di Gaspare Nasuto. L'opera, presentata all’interno della XXV edizione del “Festival Internazionale del Teatro” a Porto Sant’Elpidio, ha vinto il premio Otello Sarzi 2014.

Questo spettacolo di burattini tradizionali calabresi nasce dalla collaborazione artistica di Angelo Gallo con Gaspare Nasuto, burattinaio napoletano che dal 1989 ricerca per pulcinella nuove strade drammaturgiche di gusto contemporaneo. Angelo Gallo tenta con questo progetto di far entrare la Calabria nella mappa internazionale delle regioni con la tradizione autentica dei burattini ancora attiva. Prova a far ripartire l’arte dei burattini tradizionali fatti nel modo antico, attraverso la costruzione dei burattini intagliati nel legno dallo stesso burattinaio, la recitazione rigorosamente dal vivo e il movimento dei piccoli attori di legno. Tutto questo fa dello spettacolo una piccola perla per un pubblico di tutte le età.

Sabato 13 gennaio alle ore 21 e domenica 14 gennaio alle ore 19, per la stagione Teatrale “Con nuovi occhi”, è in programma Bollari. Memorie dallo Jonio di e con Carlo Gallo, con la collaborazione artistica di Peppino Mazzotta. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro della Maruca, è stato selezionato al Festival Primavera Dei Teatri 2015. Bollari: memorie dallo Jonio racconta di chi, tra i gozzi e i pescherecci, tramanda ancora il sapere. Sono gli Aedi dell’ultimo secolo, dal volto scavato, stanco di rughe, ma hanno il dono di raccontare per sintesi, usando catene di immagini suggestive che non possono essere lette singolarmente, poiché acquistano senso solo nel complesso fatto di gesti, ritmi, ripetizioni. Un patrimonio “letterario” a rischio d’estinzione, che Gallo recupera e offre agli spettatori nello sprazzo magico di una Calabria ancora troppo sconosciuta, ma forse per questo ancor più bella. Bollari è un suono della Calabria, un grido d’amore.

Tag:

COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007