Omicidio stradale di Lorena Mangano. Scarcerato Gugliandolo, era in "gara" con Forestieri - Tempostretto

Omicidio stradale di Lorena Mangano. Scarcerato Gugliandolo, era in “gara” con Forestieri

Redazione

Omicidio stradale di Lorena Mangano. Scarcerato Gugliandolo, era in “gara” con Forestieri

sabato 13 Luglio 2019 - 17:31
Omicidio stradale di Lorena Mangano. Scarcerato Gugliandolo, era in “gara” con Forestieri

Era ai domiciliari, condannato a sei anni per competizione stradale. L'autore materiale dell'incidente, Gaetano Forestieri, resta in carcere

La notte del 25 giugno 2016 stavano “gareggiando” in via Garibaldi, a Messina. L’Audi guidata da Gaetano Forestieri ha travolto la Fiat Panda di Lorena Mangano, giovane orlandina che in quell’occasione ha perso la vita. Forestieri è stato condannato in secondo grado a dieci anni ed è in carcere.

Accanto a Forestieri, a bordo di un’altra auto, c’era Giovanni Gugliandolo, non l’autore materiale dell’incidente, ma condannato in secondo grado a sei anni con l’accusa di competizione stradale e ora ai domiciliari. Il suo avvocato, Pietro Luccisano, ne ha chiesto e ottenuto la scarcerazione da parte della Corte d’Appello di Messina.

Tag:

Un commento

  1. Se qualcuno volesse una dimostrazione che la LEGGE in italia (minuscolo) è una buffonata, ecco un esempio, fornito su un piatto d’oro.
    Le Forze dell’Ordine indagano, alcuni i Giudici condannano, altri giudici fanno a modo loro.
    Le sentenze non contano più nulla!!!!!!!!
    Del resto, lo scandalo del CSM è esemplificativo.
    VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    11
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007