Svincoli: cancellati dal bilancio dello Stato i fondi per Messina? Il conto per il Comune è sempre più salato - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Svincoli: cancellati dal bilancio dello Stato i fondi per Messina? Il conto per il Comune è sempre più salato

Danila La Torre

Svincoli: cancellati dal bilancio dello Stato i fondi per Messina? Il conto per il Comune è sempre più salato

mercoledì 04 Luglio 2012 - 15:38

La giunta Buzzanca ha recentemente “anticipato” 200 mila euro alla Consoter srl per i lavori eseguiti nella galleria del Terzo lotto. Il coordinatore del Fli Pergolizzi scrive al prefetto Alecci e per quanto riguarda la relazione dell’Università sul viadotto Ritiro, bisognerà attendere almeno sino a fine mese

L’inaugurazione era stata annunciata per luglio 2011, poi per settembre dello stesso anno, intanto è arrivato dicembre e anche il 2012, siamo già nel mese di luglio e gli svincoli di Giostra- Annunziata restano ad oggi soltanto l’opera più attesa dai messinesi. Manca ancora la relazione dell’Università che dovrà stabilire se il viadotto e le strutture di recente realizzazione siano compatibili sotto il profilo della staticità : «Siamo in possesso di tutti i dati che ci servivano e contiamo di ultimare il nostro lavoro entro luglio», dichiara al telefono il professore Giuseppe Ricciardi del Dipartimento di ingegneria civile dell’Università di Messina, incaricato redigere il documento come stabilito nella Convenzione firmata il 27 settembre 2011 dal sindaco Buzzanca, dal presidente dell’Anas Ciucci e dal rettore Tomasello. Una volta pronto, il “verdetto” degli ingegneri dell’Ateneo peloritano arriverà sulla scrivania dell’ingegnere capo del Genio Civile, Gaetano Sciacca, che – in caso di esito positivo, dopo specifiche valutazioni, potrà dare l’ok per far congiungere la parte nuova a quella vecchia, altrimenti dovrà necessariamente bloccare l’iter, almeno fino a quando non verrà adeguato il viadotto Ritiro, ma a quel punto il problema sarebbe reperire le risorse necessarie.

Come se questo non fosse già abbastanza per mettere in forte dubbio l’ultimazione in tempi rapidi dell’opera, c’è un’altra incognita, altrettanto allarmante: i finanziamenti che dovrebbero arrivare – il condizionale è d’obbligo – dal Ministero, di cui ad oggi continua a non esserci traccia. A sollevare la questione erano stati mesi addietro i consiglieri comunali Nello Pergolizzi e Giuseppe Melazzo , che avevano inviato una nota al Ministro Corrado Passera per « conoscere i tempi e le modalità di erogazione delle somme richieste dal Comune di Messina per il finanziamento dei lavori per la costruzione dello svincolo autostradale Giostra, ed in particolare dei residui 34 milioni di euro (inizialmente pari a 122.000.000.000 di lire) a suo tempo impegnati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti».

Un’ ulteriore nota con richiesta di riscontro è stata inviata lo scorso 20 giugno, ma dal Ministero, anzi per essere più precisi dal Direttore Generale del Dipartimento Infrastrutture , dott.ssa Maria Margherita Migliaccio , come spiega in una lettera inviata al Prefetto Francesco Alecci (versione integrale su Downloads) il consigliere e coordinatore cittadino del Fli Pergolizzi, sono arrivate, «solo risposte interlocutorie, che rinviano il problema all’Ufficio Centrale di Bilancio c/o il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per una verifica delle proprie risultanze contabili». In realtà, al di là delle verifiche, la verità sarebbe un’altra e ben più dolorosa, come sottolinea ancora Pergolizzi : «da fonti Ministeriali, si è appreso che i 34 milioni di euro, originariamente impegnati in favore del Comune di Messina, allo stato attuale, non sarebbero più nella disponibilità, in quanto il finanziamento non risulta più iscritto nel bilancio dello Stato».

Se la notizia fosse confermata, sarebbe una doccia fredda per il Comune, che intanto continua ad anticipare somme per i lavori già eseguiti «in attesa dei trasferimenti dal parte del Ministero» . L’ultimo anticipo di cassa è stato deliberato dalla giunta nella seduta del 2 luglio: 200 mila euro netti alla Consoter srl per i lavori eseguiti nella galleria del Terzo lotto.

Non va, inoltre, dimenticato che la ditta appaltatrice (Ricciardello) ha presentato fatture per stato avanzamento lavori di circa 20 milioni di euro, ad oggi non pagate . Secondo Pergolizzi, tale situazione debitoria espone il Comune «ad un contenzioso con la ditta appaltatrice (che potrebbe decidere di bloccare i lavori), che con ogni probabilità vedrebbe soccombente l’Amministrazione, con il conseguente insorgere di un ingente debito fuori bilancio»

Vista la delicatezza della questione, il coordinatore del Fli fa infine sapere che « valuterà la possibilità di denunciare i fatti in questione alla Corte dei Conti ed alla Procura della Repubblica, al fine di fare chiarezza sulle responsabilità e per chiedere, in nome della popolazione, il risarcimento degli eventuali danni a carico dei responsabili». (Danila La Torre)

Tag:

7 commenti

  1. I dottori COGLITORE e DI LEO dovrebbero rispondere ad una semplice domanda,alla portata di due dirigenti del loro valore: i pagamenti alla ditta RICCIARDELLO sono spese in CONTO CAPITALE, o spese CORRENTI, o spese per RIMBORSO DI PRESTITO, o spese per SERVIZI PER CONTO TERZI?
    Rispondete così toglierete i mala pinzeri ai due solerti consiglieri comunali.

    0
    0
  2. Si deve constatare che MARIEDIT è molto addentro alle cose del Comune-Conosce a menadito i nomi dei dirigenti nonchè i loro obiettivi da raggiungere . In altri commenti,per altri casi, pubblica link che se aperti contengono tabulati interni del comune come ad esempio quelli dell’Avvocatura.Che ci siano talpe a Palazzo Zanca?

    0
    0
  3. cara mariedit, in nessuno dei 4 caso citati la giunta poteva pagare i 200.000 con una semplice determina.

    CREDO CHE MALI PINSERI CE NE SARANNO ED ANCORA MOLTI.

    0
    0
  4. I veri e soli responsabili siete Voi tutti rappresentanti politici messinesi, di maggioranza ed opposizione, che con la vostra inettitudine avete ridotto Messina in questo stato. Ovviamente con la complicità di noi cittadini che, ahinoi, Vi abbiamo votato. Con amarezza …..

    0
    0
  5. X Algiar.Il suo commento è perfetto,come è giusto dire che la colpa è dei Buddaci che hanno dato il voto a “sti mali cumparsi”. Restano intatti i MALI PINSERI e come restano…

    0
    0
  6. A LUCCIO piace scrufuliari MARIEDIT,che lo arruola ipso facto come assistente talpa,ne ha le caratteristiche.LUCCIO dai i suoi non dico fa capire di essere una risorsa umana di palazzo Zanca,vengono così chiamati per distinguerli dalle risorse strumentali,linguaggio anacronistico di un mondo da cambiare totalmente.Ipotizzo la sua appartenza alla categoria D o C,più la seconda che la prima,benvoluto da colleghi e dirigenti,quindi fa parte di quel 90% che gode di progressioni di posizione e di benefici di produttività,che non si negano a nessuno,ecco spiegato il mistero di una spesa PERSONALE che dovrebbe decrescere,come in gran parte dei Comuni,ma cresce in valore assoluto e proporzionalmente.Come tutti i messinesi di palazzo Zanca,simpatici e brillanti un’attimo prima di varcare il grande portone,diventano una volta varcato diffidenti,omertosi e mediocri nel lavoro. LUCCIO tradisce la sua insofferenza alla trasparenza di palazzo Zanca,in fondo sono un’isola felice nell’arcipelago tempestoso del lavoro messinese,vedi ATM, MESSINAMBIENTE, SERVIZI SOCIALI,per non parlare di COMMERCIO CANTIERISTICA EDILIZIA SANITA’.Caro LUCCIO tu si che potresti darci notizie di corridoio e di ufficio, io evidenzio tutto quello che è pubblico.Forza datti coraggio,forse non sai che i nostri AVI furono fra i siciliani più bellicosi,la CITTADELLA fu costruita dagli spagnoli con la trattoria di fuoco verso la città anche per questo,questa è una notizia da talpa.

    0
    0
  7. Cara Mariedit,complimenti vivissimi per i tuoi forbiti commenti!!!!Comunque hai preso un grossissimo abbaglio nel classificarmi quale dipendente comunale e quindi nel riconoscerti bravissima nell’esporre i concetti(che altri hanno facolta’ di non condividere)debbo dire che non possiedi quella divinatoria!Non sono mai stato alle dipendenze del comune e quindi non appartengo a quelle categorie C e D che tu tanto mortifichi in maniera molto gratuita sparando nel mucchio.Stai comunque tranquilla che non starei mai alle tue dipendenze perchè sarebbero solo scintille.Piuttosto, io non sono dipendente comunale con la superiore qualifica,ma tu forse sei un DIRIGENTE COMUNALE visto che conosci a menadito BILANCI,SERVIZI SOCIALI,OBIETTIVI,PEG ecc.ecc.??Io ho questo dubbio. Io sono solo una modesta persona che mastica un poco le norme sul pubblico impiego, che ha una diversa visione DELLA TRASPARENZAe che non conosce LA PRESUNZIONE.COMUNQUE PUOI CONTINUARE A SFOGARTI POICHE’ NON REPLICHERO’ PIU’.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x