Gli affari del clan Emanuello sui Nebrodi, due arresti anche a Capizzi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Gli affari del clan Emanuello sui Nebrodi, due arresti anche a Capizzi

Gli affari del clan Emanuello sui Nebrodi, due arresti anche a Capizzi

lunedì 15 Gennaio 2018 - 12:49
Gli affari del clan Emanuello sui Nebrodi, due arresti anche a Capizzi

Gabriele Giacomo e Nicola Stanzù e i familiari sono al centro dell'inchiesta della Procura di Caltanissetta sfociata in 6 arresti e il sequestro di beni per 11 milioni di euro.

Sarebbero legati agli Emanuello, potente clan del centro Sicilia, e avrebbero gestito un giro di denaro grazie alle truffe ai danni dell'Agea, l'ente che gestisce fondi agricoli.

Loro sono i frateli Gabriele Giacomo Stanzù, 58 anni, di Capizzi, ed il fratello Nicola (40) anni, arrestati dopo gli accertamenti della Guardia di Finanza di Enna e della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta.

Gabriele era già detenuto per un'altra inchiesta, Nicola è andato in carcere. Ai domiciliari la cognata Carlotta Conti Mammamica, nativa di Nicosia; Carlo d’Angelo di Valguarnera Caropepe; la moglie Nunzia Conti Mammamica, sorella di Carlotta.

LA centro dell'inchiesta c'è la figuta di Gabriele Giacomo, condannato in via definitiva per mafia alla fine del processo Dioniso e arrestato nel 2011 per l’omicidio di Francesco Saffila e condannato in via definitiva a 14 anni di reclusione per il delitto.

I pentiti lo indicano come contiguo alla malavita di Gela, in particolare a Daniele Emanuello, il boss ucciso nel 2007.

I finanzieri, analizzando il patrimonio di famiglia, hanno notato una serie di movimenti patrimoniali sospetti volti, secondo gli investigatori, a evitare i sequestri da un lato e, dall'altro, tramite prestanomi, ad acquisire i contributi comunitari.

E' cos' scattato il sequestro su terreni, fabbricati e altre disponibilà economiche per oltre 11 milioni di euro, operato dal Gico delle Fiamme Gialle e dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Enna di sequestrare beni per un valore superiore a 11 milioni di euro, consistente in terreni, fabbricati, autovetture e diversi conti correnti postali e bancari.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007