Operazione Scipione, anche il pentito Selvaggio va a processo - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Scipione, anche il pentito Selvaggio va a processo

Alessandra Serio

Operazione Scipione, anche il pentito Selvaggio va a processo

sabato 21 Novembre 2020 - 07:39
Operazione Scipione, anche il pentito Selvaggio va a processo

Il pentito Selvaggio chiede l'abbreviato al processo Scipione sul traffico di droga tra Messina e Calabria

Giuseppe Selvaggio
Giuseppe Selvaggio

Vuole chiudere la partita in udienza preliminare anche Giuseppe Selvaggio, il pentito coinvolto nell’operazione Scipione sul traffico di droga tra la città dello Stretto e la Calabria scoperto dai Carabinieri di Messina.

L’ex spacciatore della zona sud è comparso ieri davanti al Giudice per l’udienza preliminare Eugenio Fiorentino ed ha chiesto di essere ammesso al processo abbreviato anche lui, come hanno fatto gli altri imputati per i quali il giorno prima la Procura ha chiesto 11 pesanti condanne. La stessa richiesta è stata avanzata da Stellario Brigandì e Rinaldo Chierici.

Il giudice Fiorentino ha chiesto però di astenersi perché in precedenza ha già giudicato in abbreviato un altro imputato, quindi sarebbe incompatibile. Tutto è stato perciò rinviato al prossimo 27 novembre per decidere sulla richiesta del GUP di passare il fascicolo ad un altro giudice. Quel giorno si deciderà anche dell’istanza dell’avvocato Salvatore Silvestro che ha chiesto di riunificare la posizione di questi tre imputati con le altre 11 persone che torneranno in aula per il processo, davanti al Gup Curatola, il 25 febbraio prossimo. Per loro la sentenza dovrebbe arrivare ad aprile del 2021.

 Hanno preferito proseguire col rito ordinario, invece, Carmelo Russo e Francesco Esposito, che sono stati rinviati a giudizio ed affronteranno il processo davanti ai giudici di I grado a partire dalla prossima primavera. Rinvio anche per Grazia Testa, moglie di Selvaggio. Il legale lo ha domandato per valutare se accedere anche lei al processo abbreviato. Difendono gli avvocati Domenico Andrè, Giuseppe Carrabba e Silvestro.

Si allunga, quindi, il numero degli imputati che vanno verso il giudizio a primavera del 2021. Alla sbarra ci sono i protagonisti di due anni di intenso spaccio di droga nella zona centro della città, dove la base del giro era una panineria di via Cesare Battisti, a lato del plesso centrale dell’università, e dove la droga arrivava da Africo, con gli esponenti della potente ‘ndrina dei Morabito che facevano la spola tra la Calabria e Messina per consegnare hashish e cocaina.

L’inchiesta è partita dopo la sparatoria al Cafè Sur La Ville di via Regina Margherita, il 27 settembre 2016, quando qualcuno arrivò, casco calato in volto e ciclomotore a tutto gas, esplose due colpi di fucile contro Albarino, Brigandì e altre due persone con loro seduti al bar e fuggì senza lasciare traccia.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x