Scoglio: “Il Ponte sullo Stretto unica opera capace di risollevare le sorti della Regione” - Tempostretto

Scoglio: “Il Ponte sullo Stretto unica opera capace di risollevare le sorti della Regione”

Scoglio: “Il Ponte sullo Stretto unica opera capace di risollevare le sorti della Regione”

martedì 24 Febbraio 2015 - 07:59

Riceviamo e pubblichiamo la riflessione dell’ex assessore della giunta Buzzanca. Scoglio punta sempre sul Ponte, difende la scelta del sito di Tremestieri per il porto e ricorda che l’ampliamento è finanziato da tre anni ma l’appalto è bloccato dalla burocrazia. C’è il progetto definitivo anche per la via del Mare ma tutto resta fermo

Messina è come la tela di Penelope di notte qualcuno lavora per disfare ciò che si crea di giorno. Oggi che la città è stretta nella morsa della povertà e della disoccupazione, si rimpiange il Ponte sullo Stretto riconoscendo, a posteriori che è l’unica opera capace di risollevare le sorti della Regione Sicilia. Solo il Ponte può realizzare la continuità territoriale ed una rete trasportistica ferroviaria e portuale capace di incentivare i traffici passeggeri e commerciali anche in relazione alle prospettive di internazionalizzazione determinate dai futuri traffici asiatici in conseguenza dell’allargamento del canale di Suez.

Ma, come al solito, si guarda alle prospettive di medio lungo termine, irrealizzabili senza una precisa volontà politica dei Governi Nazionali e Regionali, attribuendo colpe e responsabilità sempre agli altri senza guardare ciò che accade in casa propria.

Nel frattempo gli anni passano e tutto resta desolatamente fermo. Accade così che un approdo progettato per l’emergenza resti tale da circa 10 anni in attesa del suo completamento e pur in presenza dei finanziamenti e dell’appalto della nuova opera. Oggi si critica la realizzazione dell’approdo di emergenza di Tremestieri senza considerare che da tre anni il progetto per il completamento del nuovo porto è finanziato e per motivi che definire “oscuri” è forse troppo semplicistico l’appalto è bloccato da una burocrazia miope. Si reclamano poteri speciali quando non è necessario dimenticando che con le procedure speciali si erano bruciate le tappe per arrivare all’appalto e che oggi bisogna solo sottoscrivere il contratto con la ditta aggiudicataria.

Il Ponte da solo non basta per garantire alla città una ripresa economica stabile e duratura esso è un indubbio volano per far ripartire l’edilizia e l’occupazione ma occorre che Messina faccia le necessarie scelte per uscire dalla marginalità in cui per colpe proprie è precipitata.

Esiste un pervicace disegno di questa amministrazione di disfare ciò che negli anni è stato faticosamente costruito sotto il profilo strategico e progettuale e per alcuni aspetti anche finanziario. La città per risorgere ha bisogno del suo porto e del rapporto con il mare e ciò anche quando si realizzerà se lo si vorrà il ponte sullo Stretto.

I traffici commerciali della città e della Provincia sono stati nei secoli incentrati sul porto e sulle aree industriali contigue che oggi si vogliono, giustamente riqualificare. Ma bisogna decidere senza infingimenti e con capacità progettuale.

La riqualificazione della zona falcata e di Maregrosso hanno senso solo se vengono delocalizzate le funzioni commerciali dal porto storico a Tremestieri diversamente è il porto storico, il più sicuro d’Italia, con le aree contigue, a dovere essere utilizzato anche per i traffici commerciali e per la distribuzione delle merci.

Se a Tremestieri verrà realizzata una nuova completa portualità come negli anni programmato non ci saranno insabbiamenti di sorta, ostativi al suo funzionamento, se viceversa si blocca il completamento dell’attuale approdo per dimostrare che la scelta del sito (operata da esperti del settore) era sbagliata ecco che la tela si inizia a disfare per lasciare tutto com’è.

Da tre anni giacciono nei cassetti di qualche scrivania anche i progetti definitivi per la realizzazione della nuova via marina da realizzarsi al posto dei binari ferroviari e della piattaforma logistica per la distribuzione delle merci. Nel P.O.N europeo riservato alle città metropolitane vi sono le risorse per finanziare entrambe i progetti in sinergia con quelle stanziate in favore dell’Autorità Portuale.

Queste opere sono fondamentali, insieme alla riqualificazione della via Don Blasco, per eliminare nel breve termine tutte le problematiche connesse alla direzionalità di una città che non ha mai voluto sfruttare le enormi potenzialità del traffico commerciale. Da tre anni è bloccato l’iter progettuale per il piano particolareggiato per il recupero delle aree ferroviarie nonostante si sia celebrato un concorso di progettazione europeo.

Si legge che si vorrebbero, in violazione di legge, apportare modifiche al progetto vincitore valutato da una commissione di esperti di altissimo profilo modificando strategie e destinazioni. Ecco che la tela di Penelope continua a disfarsi.

Nel frattempo si blocca anche il piano particolareggiato di Capo Peloro e la Mortelle – Tono ambiti di enormi potenzialità attrattive per il turismo anche in funzione dei lavori del Ponte, poiché tutto deve essere rinviato al nuovo P.R.G..

Il P.R.G: di nuovo non ha proprio nulla. Si trasferisce la cubatura dalle colline alle zone ex z.i.r. e si ripensano le zone sp sulle quali non possono più essere apposti i vincoli per l’interesse pubblico, ma nulla si dice in merito ai territori dei villaggi collinari la cui messa in sicurezza è possibile solo rinaturalizzando le colture abbandonate e creando un marchio Deco città di Messina per i prodotti dell’agricoltura biologica da destinare all’ utilizzo della ristorazione cittadina. Salvo che non si intenda procedere come a Giampilieri pensando di contenere le montagne con nuove colate di cemento.

Il capolavoro è rappresentato poi dalla S.T.U. Tirone che a forza di ritardi e di rinvii sta per arrivare alla sua scadenza naturale, quindi allo scioglimento, dopo aver perso per strada milioni di euro del contratto di quartiere e molti altri investiti dai soci privati e ciò per l’ostracismo di chi, pagato dai cittadini, ha utilizzato il proprio ruolo per altre finalità.

Ecco questo è lo spaccato della nostra città oggi, senza un cantiere pubblico aperto, nonostante vi fossero 17 milioni di finanziamenti europei, alcuni già revocati, e senza la volontà di cambiare nulla almeno sino a quando alcuni pochi eletti, gli stessi di sempre, non raggiungano gli accordi necessari per una nuova spartizione del territorio. Una città che non può attendere l’approvazione del P.R.G. per un nuovo modello di sviluppo basato sull’edilizia non residenziale quando vi sono progetti e potenziali risorse per realizzare scelte urbanistiche che sono state condivise con il Piano strategico.

Un’amministrazione venuta dal “basso” (ma non tanto) non può modificare tali scelte condivise anche dal Consiglio Comunale, e ciò senza un reale confronto con i cittadini e con i portatori di interessi collettivi. Ma forse è meglio distogliere l’attenzione sognando il Ponte per cambiare tutto al fine di non cambiare nulla.

Tag:

36 commenti

  1. A volte ritornano…

    0
    0
  2. A volte ritornano…

    0
    0
  3. Ne sentivamo la mancanza…ancora ricordiamo i grandi risultati ottenuti

    0
    0
  4. Ne sentivamo la mancanza…ancora ricordiamo i grandi risultati ottenuti

    0
    0
  5. Capisco che siamo buddaci…ma abboccare di nuovo al ponte che è servito solo a fare campare cda , consiglieri, consulenti per 50 anni…siamo buddacioni

    0
    0
  6. Capisco che siamo buddaci…ma abboccare di nuovo al ponte che è servito solo a fare campare cda , consiglieri, consulenti per 50 anni…siamo buddacioni

    0
    0
  7. Premesso che sono favorevole al ponte, ritengo che ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni…. ma se chi lo fa negli anni ha raggiunto risultati pari a zero possiamo francamente farne a meno. Questi personaggi dovrebbero avere la dignità di stare zitti e defilarsi possibilmente cambiando città ed esercitando professioni che nulla hanno a che fare con la gestione della cosa pubblica stante l’acclarata incapacità e incompetenza.
    Ciò detto, una cosa è vera: (come in passato) siamo in balia di un Sindaco ed una giunta che non hanno idea di cosa vuol dire programmazione e che non hanno fatto nulla per rilanciare quel che resta dell’economia di questa città. Ben vengano piste ciclabili ecc. ma vorrei anche azioni per lo sviluppo..

    0
    0
  8. Premesso che sono favorevole al ponte, ritengo che ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni…. ma se chi lo fa negli anni ha raggiunto risultati pari a zero possiamo francamente farne a meno. Questi personaggi dovrebbero avere la dignità di stare zitti e defilarsi possibilmente cambiando città ed esercitando professioni che nulla hanno a che fare con la gestione della cosa pubblica stante l’acclarata incapacità e incompetenza.
    Ciò detto, una cosa è vera: (come in passato) siamo in balia di un Sindaco ed una giunta che non hanno idea di cosa vuol dire programmazione e che non hanno fatto nulla per rilanciare quel che resta dell’economia di questa città. Ben vengano piste ciclabili ecc. ma vorrei anche azioni per lo sviluppo..

    0
    0
  9. MessineseAttento 24 Febbraio 2015 12:15

    TS ha sempre le porte aperte per costoro…
    Ascolti Scoglio, le sue parabole sul ponte, propinateci per anni senza che una virgola sia stata spostata, le conosciamo, ahinoi, fin toppo bene. Adesso, perché non ci parla delle recenti magagne venute a galla nell’ambito della STU Tirone, che stava per consegnare la città ai soliti palazzinari amici del palazzo??

    0
    0
  10. MessineseAttento 24 Febbraio 2015 12:15

    TS ha sempre le porte aperte per costoro…
    Ascolti Scoglio, le sue parabole sul ponte, propinateci per anni senza che una virgola sia stata spostata, le conosciamo, ahinoi, fin toppo bene. Adesso, perché non ci parla delle recenti magagne venute a galla nell’ambito della STU Tirone, che stava per consegnare la città ai soliti palazzinari amici del palazzo??

    0
    0
  11. Ma questo è l’amico di quel sindaco che se ne era andato perchè aveva già finito tutto quello che c’era da fare? E quello della crociera con l’auto blu pagata da noi?

    0
    0
  12. Ma questo è l’amico di quel sindaco che se ne era andato perchè aveva già finito tutto quello che c’era da fare? E quello della crociera con l’auto blu pagata da noi?

    0
    0
  13. Questo signore è stato city manager e poi assessore della giunta Buzzanca…..
    Ho detto tutto.

    0
    0
  14. Questo signore è stato city manager e poi assessore della giunta Buzzanca…..
    Ho detto tutto.

    0
    0
  15. Non perde occasione per stare zitto e pensare cosa ha fatto durante il perodo di Buzzanca.

    0
    0
  16. Non perde occasione per stare zitto e pensare cosa ha fatto durante il perodo di Buzzanca.

    0
    0
  17. Ma che bell’uomo (forse).Peccato non sappia tenere a freno la lingua.

    0
    0
  18. Ma che bell’uomo (forse).Peccato non sappia tenere a freno la lingua.

    0
    0
  19. Ha ragione TS ha sempre le porte aperte per costoro, per noi invece ci censura anche in presena di ragionamenti senza insulti. Evviva la libera informazione.

    0
    0
  20. Ha ragione TS ha sempre le porte aperte per costoro, per noi invece ci censura anche in presena di ragionamenti senza insulti. Evviva la libera informazione.

    0
    0
  21. A volte ritornano a rompere i @@@@@

    0
    0
  22. A volte ritornano a rompere i @@@@@

    0
    0
  23. Da cittadino laico, libero ed indipendente, mai schierato e compromesso con la politica ma che paga come tanti messinesi, assieme alla nota crisi, anche l’insipienza della classe politica locale…dai commenti pubblicati.. non può che registrare, con amarezza, che malgrado gli auspicati inviti e le condivise manifestazioni di “unità di intenti” si continua invece imperterriti ad alimentare il male endemico tutto messinese da “curva sud o” testi fracidi”: offendere pesantemente, criticare senza costrutto, infangare le persone e recriminare sterilmente invece di CONFRONTARSI SUL MERITO DEI PROBLEMI E DELLE PROPOSTE.

    0
    0
  24. Da cittadino laico, libero ed indipendente, mai schierato e compromesso con la politica ma che paga come tanti messinesi, assieme alla nota crisi, anche l’insipienza della classe politica locale…dai commenti pubblicati.. non può che registrare, con amarezza, che malgrado gli auspicati inviti e le condivise manifestazioni di “unità di intenti” si continua invece imperterriti ad alimentare il male endemico tutto messinese da “curva sud o” testi fracidi”: offendere pesantemente, criticare senza costrutto, infangare le persone e recriminare sterilmente invece di CONFRONTARSI SUL MERITO DEI PROBLEMI E DELLE PROPOSTE.

    0
    0
  25. Ma sono cinque!!!
    Sono dispari!!
    Qualcuno si è scansato in tempo e ne ha salvato uno evidentemente.
    Facezie a parte, concordo pienamente con lei.
    Sintesi perfetta.

    Salvatore

    0
    0
  26. Ma sono cinque!!!
    Sono dispari!!
    Qualcuno si è scansato in tempo e ne ha salvato uno evidentemente.
    Facezie a parte, concordo pienamente con lei.
    Sintesi perfetta.

    Salvatore

    0
    0
  27. Scoglio ha stancato…ma la strategia che porti infrastrutture e lavoro di questa giunta quale’??

    0
    0
  28. Scoglio ha stancato…ma la strategia che porti infrastrutture e lavoro di questa giunta quale’??

    0
    0
  29. MessineseAttento 24 Febbraio 2015 21:50

    Giuttari, a quanto pare lei riesce sempre a vedere il tifo da stadio solo quando le conviene, forse ha memoria corta e non ricorda quando ha dato, affatto velatamente, degli idioti ai suoi ex colleghi di via Giordano Bruno?! Però ha ragione, la sua faziosità, in quel caso, andava ben oltre il tifo da stadio, rasentava la partigianeria più estrema ed offensiva.
    Mi dica, forse dico qualcosa di non vero quando addito Scoglio come il più pallonaro ed inconcludente politico che Messina ricordi!? Dico qualcosa di non vero quando parlo della STU Tirone come di un progetto che avrebbe consegnato una parte di Messina agli speculatori?!
    Il tifo io lo faccio in curva, magari anche a fianco delle Teste Fradice, lei a quanto pare lo fa su TS.

    0
    0
  30. MessineseAttento 24 Febbraio 2015 21:50

    Giuttari, a quanto pare lei riesce sempre a vedere il tifo da stadio solo quando le conviene, forse ha memoria corta e non ricorda quando ha dato, affatto velatamente, degli idioti ai suoi ex colleghi di via Giordano Bruno?! Però ha ragione, la sua faziosità, in quel caso, andava ben oltre il tifo da stadio, rasentava la partigianeria più estrema ed offensiva.
    Mi dica, forse dico qualcosa di non vero quando addito Scoglio come il più pallonaro ed inconcludente politico che Messina ricordi!? Dico qualcosa di non vero quando parlo della STU Tirone come di un progetto che avrebbe consegnato una parte di Messina agli speculatori?!
    Il tifo io lo faccio in curva, magari anche a fianco delle Teste Fradice, lei a quanto pare lo fa su TS.

    0
    0
  31. Alla sua domanda:”Mi dica,forse dico qualcosa di non vero quando addito Scoglio come il più pallonaro ed inconcludente politico che Messina ricordi?”Rispondo: Lei accusa ed offende senza esprimere concetti( pallonaro inconcludente)Scoglio, argomenta e prova, da bravo avvocato.Lo sfidi! Alla seconda domanda “Dico qualcosa di non vero quando parlo della STU Tirone come di un progetto che avrebbe consegnato una parte di Messina agli speculatori?!”Rispondo: Non conosco il progetto nel dettaglio, pertanto mi astengo. Registro però che Lei ancora una volta non argomenta ma accusa e paventa di consegnare Messina agli speculatori.Faccio,osservare che Messina è già stata “massacrata” dai beceri speculatori del passato. Sulla STU tutto da dimostrare

    0
    0
  32. Alla sua domanda:”Mi dica,forse dico qualcosa di non vero quando addito Scoglio come il più pallonaro ed inconcludente politico che Messina ricordi?”Rispondo: Lei accusa ed offende senza esprimere concetti( pallonaro inconcludente)Scoglio, argomenta e prova, da bravo avvocato.Lo sfidi! Alla seconda domanda “Dico qualcosa di non vero quando parlo della STU Tirone come di un progetto che avrebbe consegnato una parte di Messina agli speculatori?!”Rispondo: Non conosco il progetto nel dettaglio, pertanto mi astengo. Registro però che Lei ancora una volta non argomenta ma accusa e paventa di consegnare Messina agli speculatori.Faccio,osservare che Messina è già stata “massacrata” dai beceri speculatori del passato. Sulla STU tutto da dimostrare

    0
    0
  33. giovanni rodilosso 25 Febbraio 2015 06:50

    Ma a che titolo rilascia dichiarazioni il sign.Scoglio? Credo abbia già governato con l amministrastrione Buzzanca,ma, di concreto,a parte chiacchiere e buoni propositi,non ha fatto niente di concreto,allora che stia zitto e la smetta di fare previsioni,lui è già stato giudicato,adesso tocca agli altri.

    0
    0
  34. giovanni rodilosso 25 Febbraio 2015 06:50

    Ma a che titolo rilascia dichiarazioni il sign.Scoglio? Credo abbia già governato con l amministrastrione Buzzanca,ma, di concreto,a parte chiacchiere e buoni propositi,non ha fatto niente di concreto,allora che stia zitto e la smetta di fare previsioni,lui è già stato giudicato,adesso tocca agli altri.

    0
    0
  35. Dunque,secondo il Messineseattento..solo a nascondersi nell’anonimato IO,che a differenza Sua,ci metto la faccia con nome e cognome,sarei un tifoso fazioso ed inoltre avrei non so quando:”dato,affatto velatamente, degli idioti ai suoi ex colleghi di via Giordano Bruno”.IO trasecolo e LEI farnetica,dando clamorosamente ragione alla tesi espressa nel mio “asettico” e civile commento: sul pericolo “del tifo da stadio” nelle vicende della”civitas”Accecato ancora dal tifo,è ricaduto nello stesso errore.Insiste ad accusare le PERSONE,anche la mia,di fatti anche gravi senza portare uno straccio di prova o argomento, solo accuse talchè io stesso non capisco a cosa si riferiscaPer restare in tema calcistico diciamo che ha fatto un clamoroso autogol

    0
    0
  36. Dunque,secondo il Messineseattento..solo a nascondersi nell’anonimato IO,che a differenza Sua,ci metto la faccia con nome e cognome,sarei un tifoso fazioso ed inoltre avrei non so quando:”dato,affatto velatamente, degli idioti ai suoi ex colleghi di via Giordano Bruno”.IO trasecolo e LEI farnetica,dando clamorosamente ragione alla tesi espressa nel mio “asettico” e civile commento: sul pericolo “del tifo da stadio” nelle vicende della”civitas”Accecato ancora dal tifo,è ricaduto nello stesso errore.Insiste ad accusare le PERSONE,anche la mia,di fatti anche gravi senza portare uno straccio di prova o argomento, solo accuse talchè io stesso non capisco a cosa si riferiscaPer restare in tema calcistico diciamo che ha fatto un clamoroso autogol

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007