Ordinanza anti tir. Russo: "Poche deroghe, presìdi fissi e telecamere" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ordinanza anti tir. Russo: “Poche deroghe, presìdi fissi e telecamere”

Marco Ipsale

Ordinanza anti tir. Russo: “Poche deroghe, presìdi fissi e telecamere”

sabato 19 Ottobre 2019 - 07:56
Ordinanza anti tir. Russo: “Poche deroghe, presìdi fissi e telecamere”

Il consigliere comunale Alessandro Russo avanza le sue proposte per una nuova ordinanza anti tir

MESSINA – L’ordinanza anti tir deve essere più stringente. Era stato concordato un mese fa in sede di Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica, ora l’ha ribadito il sindaco Cateno De Luca, che ha focalizzato l’attenzione in particolare sul viale Boccetta.

Ma, se il porto di Tremestieri è regolarmente aperto, perché ci sono tanti tir in città? Alcuni violano le regole, altre volte vengono concesse deroghe, che dovrebbero esserci solo in caso di attese superiori a un’ora nell’approdo a sud.

Un problema atavico, che potrà essere risolto solo col nuovo porto. Ma, visto che ci vorranno ancora almeno altri due anni, nel frattempo?

Il consigliere comunale Alessandro Russo condivide le intenzioni del sindaco e avanza le proprie proposte. “Non basta la comunicazione tra i gestori e i vigili urbani – dice -. La necessità di deroghe deve essere oggettivamente riscontrata dalle forze dell’ordine con un presidio fisso a Tremestieri, ovvero un sistema di controllo sicuro”.

E perché a volte si superano i 60 minuti di attesa? Intenso traffico, può capitare, oppure poche navi? “Si deve evitare che l’impiego di poche navi, anche in condizioni di traffico normali, artatamente aumentino i tempi di attesa”.

Ci sono poi quei tir che non vanno a Tremestieri anche in assenza di deroghe. “Visto che i vigili sono pochi, si devono individuare metodi alternativi per sanzionare, come foto o telecamere alla rada San Francesco e al porto storico”.

Il divieto notturno, infine, secondo Russo, non deve riguardare solo il Boccetta ma anche i viali Gazzi, Europa e Giostra, altri accessi in città. I tir che devono approvvigionare Messina, invece, dovrebbero essere identificati dal Comune per ottenere uno specifico contrassegno autorizzativo.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007