Il Prefetto non riceve gli attivisti. Mantineo: "Ignorate le richieste dell'amministrazione" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il Prefetto non riceve gli attivisti. Mantineo: “Ignorate le richieste dell’amministrazione”

Eleonora Corace

Il Prefetto non riceve gli attivisti. Mantineo: “Ignorate le richieste dell’amministrazione”

venerdì 08 Novembre 2013 - 23:24
Il Prefetto non riceve gli attivisti. Mantineo: “Ignorate le richieste dell’amministrazione”

Sit-in davanti alla Prefettura organizzato da diverse associazioni e promosso dal circolo Arci Thomas Sankara di Messina. Presenti gli assessori Mantineo e Cucinotta, ma il Prefetto non ha ricevuto una delegazione dei manifestanti, andando via per altri impegni. Prossimo appuntamento l'assemblea di quartiere giorno 15 Novembre, invitata tutte le istituzioni cittadine

“Al tavolo Prefettizio nessuna proposta dell’amministrazione è stata presa in considerazione. Questa città non può permettersi di mostrare all’Italia e all’Europa di accogliere persone nelle tende o in luoghi che offrono un’accoglienza poco dignitosa come il Pala Nebiolo”. Non usa mezzi termini l’assessore ai Servizi Sociali Antonino Mantineo, con chi gli domanda come mai l’amministrazione, fino a qualche giorno prima seduta al tavolo prefettizio, si è ritrovata sotto il palazzo governativo a protestare insieme a coloro che si oppongono ad un centro come il Pala Nebiolo e all’eventualità di una tendopoli. Al sit-in dell’Arci e di tante altre associazioni indetto per protestare contro il modo in cui è stata gestita l’accoglienza ai migranti nella città di Messina, era stata invitata l’intera amministrazione, nei fatti in supporto ai manifestanti sono accorsi l’assessore Mantineo e quello con delega alla protezione civile Filippo Cucinotta. Il Sindaco Renato Accorinti è risultato impegnato in un’altra iniziativa.

“Il Prefetto Trotta si è messo in un’ottica completamente divergente da quello che è il contesto cittadino. L’amministrazione aveva segnalato l’Hotel Europa e un altro albergo a Letojanni. Lunedì interpelleremo la presidenza dell’Anci perché tutti i comuni si stanno attrezzando meglio di Messina, per affrontare emergenze simili”. Sempre lunedì l’onorevole di Sinistra Ecologia e Libertà, Erasmo Palazzotto, depositerà un’interrogazione al parlamento nazionale proprio sul caso del Pala Nebiolo a Messina. Palazzotto, di ritorno da vari sopralluoghi nei centri di accoglienza di tutta la Sicilia, dichiara di voler sentire telefonicamente il Prefetto Trotta nei prossimi giorni e annuncia la sua venuta a Messina, in data ancora da stabilire. Nel corso del sit-in durato dalle 16:00 fino alle 19:00, è stata protocollata una richiesta di incontro urgente con il Prefetto entro il 12 novembre, data in cui scade il bando per l’affidamento ad un ente gestore del centro.

La richiesta è stata depositata verso le 16:00 – affermano i membri del circolo Arci Thomas Sankara di Messina – il Prefetto Trotta ha lasciato il Palazzo Governativo un ora dopo, senza ricevere una delegazione dei manifestanti. Solo quando il Prefetto è andato via è arrivata la comunicazione che la vice era disposta a ricevere gli attivisti, a quel punto nessuno è salito, ritenendo che non ci fossero i presupposti per un confronto costruttivo. Unico ad accettare l’invito del vice prefetto il presidente della comunità islamica, Mohamed, ma solo per chiedere l’ingresso nel centro al fine di portare un conforto religioso ai ragazzi africani di fede musulmana. Durante la manifestazione sono state scandite al megafono le leggi nazionali che normano i centri d’accoglienza – secondo il decreto legislativo che recepisce le direttive europee già nel 2005 sono ammessi nei centri gli avvocati e le associazioni e garantita l’assistenza sanitaria.

Molto critica nei confronti delle decisioni Prefettizie anche l’esperta ai servizi sociali Clelia Marano: “Se questo Prefetto pensa ad una tendopoli già non va bene come funzionario pubblico. Intanato siamo preoccupati per l’accoglienza ma questo è solo il primo stadio, per quelli che verranno accolti il passo successivo è aiutarli nella vita”. In piazza, oltre ad associazioni e rappresentati di Sel, Rifondazione comunista e cambiamo messina dal basso, anche gli studenti del Collettivo Autonomo che qualche settimana fa hanno pulito i cortili della facoltà di scienze politiche:”Vogliamo organizzare dei seminari e delle iniziative anche per sensibilizzare ed informare i nostri colleghi – dichiarano – Serve una maggiore consapevolezza e maggiore attenzione per ciò che accade nella società da parte dell’Università, intesa non solo come istituzione ma anche come popolazione studentesca”. Intanto il Prefetto è stato invitato all’assemblea della V circoscrizione, prevista per il 15 Novembre, insieme al Sindaco Accorinti e a tutti i rappresentati istituzionali, Curia compresa.

Nel frattempo questa mattina i ragazzi africani al Pala Nebiolo erano tesi, perché hanno sentito parlare dell’ipotesi della tendopoli. Alcuni, tra l’altro continuano a rimanere senza scarpe . Inoltre, le persone somale arrivate con l’ultimo gruppo presentano delle contusioni più o meno gravi, uno è stato trasportato in ospedale per una ferita alla mano riportata in Libia che nel frattempo si è infettata. “Piangeva tenendosi la mano seduto sulla branda, mi sono messa a piangere con lui”, racconta una delle signore eritree impiegata come mediatrice.(Eleonora Corace)

Tag:

6 commenti

  1. la situazione è tristissima. la realtà è che messina è incapace di accogliere in modo efficace e coerente.

    sarebbe stato meglio dichiarare che in questa città non ci sono i presupposti per un’accoglienza ordinata e serena.

    nel caso specifico non credo ci siano colpe vere e proprie. solo superficialità e approssimazione.

    messina non sa ricevere i turisti… figuriamoci i disperati.

    0
    0
  2. Luigi, le colpe ci sono. eccome.
    E’ stato il maestro di ginnastica a proporre il Palanebiolo.
    Aveva anche dichiarato che sarebbero rimasti solo 3 giorni.
    Quanti di questi giorni sono passati?
    L’assessore dichiara :Questa città non può permettersi di mostrare all’Italia e all’Europa di accogliere persone nelle tende o in luoghi che offrono un’accoglienza poco dignitosa come il Pala Nebiolo”.
    Ma dov’era questosignore quando il suo sindaco ha preso coscientemente in giro la cittadinanza?
    Se avessero un briciolo di dignità, tutti questi INCAPACI non dovrebbero aspettare che la magistratura amministrativa li cacci, ma dovrebbero andarsene di loro iniziativa.
    Pazientate fino a Dicembre.

    0
    0
  3. Ahiahiahi … buciardi … buciardi ed in malafede … la richiesta alle 16 ??? SICURI ??? UHMMMMMM… e pensare che magari si è persa una buona occasione per chiarire ancora qualcosa ? Leggete le cronache. Il Prefetto era ad una manifestazione ufficiale annunciata molto prima del sit-in… e poi, cari assessori Cucinotta e Mantineo … l’hotel Europa o qualunque altro hotel come si dovrebbe pagare ? magari si fa un bell’affidamento senza passare dal bando ??? che dite ? strutture PUBBLICHE. Il Comune deve proporre soluzioni con strutture PUBBLICHE !!! Altrimenti una lista di strutture nelle quali pagare, è facile da trovare.

    Che peccato … questa vicenda mi sta facendo ricredere sull’onestà intellettuale di personaggi ed associazioni che una volta stimavo.

    0
    0
  4. L’assessore dichiara :Questa città non può permettersi di mostrare all’Italia e all’Europa di accogliere persone nelle tende o in luoghi che offrono un’accoglienza poco dignitosa come il Pala Nebiolo”.
    QUESTA CITTA’ NON PUO’ PERMETTERSI COSE PIU’ ESSSENZIALI.

    “Molto critica nei confronti delle decisioni Prefettizie anche l’esperta ai servizi sociali Clelia Marano: “Se questo Prefetto pensa ad una tendopoli già non va bene come funzionario pubblico. Intanato siamo preoccupati per l’accoglienza ma questo è solo il primo stadio, per quelli che verranno accolti il passo successivo è aiutarli nella vita”.

    VORREBBE SUGGERIRE AL PREFETTO COME FARE IL FUNZIONARIO PUBBLICO? Perché non inizia dal suo Sindaco visto che è UN’ESPERTA. Esperta di cosa?.. Di servizi sociali… quindi non è poi molto esperta visto comne vanno i servizi sociali a Messina.

    ORGANIZZANO MANIFESTAZIONI DI PROTESTA PER MASCHERARE LA LORO INCAPACITA’ AD AFFRONTARE LA REALTA’ E EVITARE DI PRENDERSI LA RESPONSABILITA’ DELLE LORO DECISIONI.
    Non li abbiamo votati perché fingano di essere all’opposizione e giochino al piccolo borghese pacifista fan dell’amore universale.
    Non abbiamo eletto Accorinti perché faccia il sindaco di Damasco.

    E questo lo dicono in giro anche molti Accorintofili della prima ora che, mentre i capi cercano di rinserrare le fila con manifestazioni più svariate, loro invece cercano la prima occasione per defilarsi evitando di rimanere coinvolti nella disfatta che presagiscono inevitabile.
    Del resto Accorinti conferma sempre di più questi presagi.

    0
    0
  5. Mi pare assolutamente ridicolo che due assessori comunali manifestino davanti al portone della prefettura quando sarebbe stato molto più logico chiedere un appuntamento con il Prefetto per le vie burocratiche ed esternare i loro pareri e le loro richieste.
    Invece questi signori vogliono soltanto giocare.
    Perchè non vanno a Piazza Muricello a fare compagnia ai pensionati per giocare a carte?
    Forse capirebbero meglio i loro problemi, per risolverli potrebbero dare incarico ad un consulente tecnico (non classico).

    0
    0
  6. Divide et impera 10 Novembre 2013 08:25

    Nel frattempo questa mattina i ragazzi africani al Pala Nebiolo erano tesi, perché hanno sentito parlare dell’ipotesi della tendopoli. Ma non dovevano stare li per 3 giorni??? Intanto sono arrivati quasi 190 migranti e chissà quanti ancora ne arriveranno. Voglio vedere questo professorone come sbroglierà la matassa, che promette …promette ….. promette, ma fino ad ora ha fatto solo chiacchiere! Si buona quella del l’hotel Europa tanto non paga lui! Ma in fin dei conti a noi che ce ne frega! Il comune è in attivo, i soldi pubblici ci sono, non ci sono più messinesi baraccati, tutti arrivano a fine mese con le spese, il lavoro non manca( anzi promettiamo un futuro a questi stranieri), non facciamo come in Germania che non li hanno voluti non potendoli mantenere e non potendo promettere niente. Ma si dai noi siamo per la pace, i problemi casomai li risolviamo con lo yoga o con la meditazione.
    Ma non vi rendete ancora conto che vi sta prendendo tutti per il c…?? Meno male che siamo quasi a metà novembre e dicembre si avvicina sempre più.
    A buon intenditor………

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x