Palagiustizia Messina, anche i sindacati si appellano alla Corte dei Conti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Palagiustizia Messina, anche i sindacati si appellano alla Corte dei Conti

Alessandra Serio

Palagiustizia Messina, anche i sindacati si appellano alla Corte dei Conti

giovedì 27 Febbraio 2020 - 07:38
Palagiustizia Messina, anche i sindacati si appellano alla Corte dei Conti

Il sindacato Confsal Unsa interviene sul palagiustizia di Messina invocando l'intervento della corte dei Conti

Dopo l’annuncio del presidente di Corte d’Appello Michele Galluccio alla cerimonia di apertura dell’anno giudiziario, anche i lavoratori della giustizia intervengono sul tema del palagiustizia. Così, anche il sindacato Confsal Unsa invoca l’intervento della Corte dei Conti.

La segreteria Provinciale della Confsal ha manifestato la sua piena condivisione e sostegno all’iniziativa preannunciata dal primo presidente.

Durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario, Galluccio ha annunciato la trasmissione della relazione alla magistratura contabile. La Corte dei Conti dovrebbe valutare eventuali responsabilità per l’ultraventennale mancato utilizzo del finanziamento ministeriale.

Finanziamento destinato, com’è noto, alla costruzione del secondo palazzo di giustizia di Messina.

La sigla sindacale dei lavoratori della giustizia già nel 2014 aveva firmato un atto di esposto -denunzia che, a tutt’oggi, non ha prodotto effetto alcuno.

La Confsal Unsa si augura quindi che l’iniziativa di Galluccio, che ha annunciato la trasmissione della relazione alla Corte dei Conti, abbia maggior successo.

Il sindacato ha trasmesso copia dell’esposto di allora sia al primo presidente che al presidente del Tribunale, dell’Ordine degli Avvocati, al Procuratore Generale Vincenzo Barbaro ed al Procuratore Capo Maurizio De Lucia.

LA NOTA SUL PALAGIUSTIZIA – Per la sigla è una “testimonianza concreta della più ampia, totale e proficua collaborazione, che, sul tema, non può conoscere divisioni” perché è necessario “affermare le gravissime responsabilità incombenti in capo a quanti, ricoprendo incarichi politici istituzionali e o amministrativi, non hanno colpevolmente utilizzato il finanziamento pubblico disposto dal Ministero della Giustizia, per omissione o per commissione, con dolo o con colpa grave, per la realizzazione del Secondo Palazzo di Giustizia e, quindi, per la soluzione dell’annoso e gravissimo problema di carenza di spazi e luoghi decorosi, dignitosi, e rispondenti ai requisiti di legge ove Amministrare Giustizia”.

IL DANNO PER MESSINA – “Il danno non è soltanto quello erariale – spiega la nota siglata da Giovanni Puglia ed Heriberto Zangla per la segreteria provinciale – per l’enorme massa di fitti passivi che ancora continua a crescere, già di per sé odioso. Ma anche quello del danno alla salute di quanti negli attuali luoghi e spazi di amministrazione della giustizia sono condannati a lavorare in condizioni offensive per la “dignità della persona” e quello dell’immagine di un’Amministrazione che dovrebbe tradurre ed esporre alla pubblica percezione e innestare nel pubblico sentire, anche attraverso i luoghi fisici in cui essa viene esercitata, decoro, dignità, rispetto e sacralità”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007