Gettonopoli bis, Procura ribadisce richiesta di archiviazione per 21 consiglieri comunali - Tempostretto

Gettonopoli bis, Procura ribadisce richiesta di archiviazione per 21 consiglieri comunali

Alessandra Serio

Gettonopoli bis, Procura ribadisce richiesta di archiviazione per 21 consiglieri comunali

Tag:

mercoledì 25 Gennaio 2017 - 12:53

Il Gip Salvatore Mastroeni si è riservato la decisione sulla seconda richiesta di archiviazione, avanzata dal procuratore Vincenzo Barbaro. Per la procura non ci sono elementi per sottoporre a processo gli altri consiglieri comunali. La decisione non arriverà in giornata.

Consiglieri comunali col fiato sospeso, in attesa che da Palazzo di giustizia arrivino notizie sull'indagine Gettonopoli bis, oggi al vaglio del giudice per le indagini preliminari. La decisione del Gip Salvatore Mastroeni non arriverà in giornata, ma il giudice ha lasciato intendere che provvederà comunque nel più breve tempo possibile.

L'udienza era stata fissata dalla collega Maria Militello, che però nel frattempo è andata in maternità e tocca quindi ora a lui decidere. Stamane la Procura ha ribadito la sua posizione: l'ipotesi di procedere penalmente anche contro i 21 consiglieri rimasti fuori dalla prima tranche di inchiesta non è sostenibile in giudizio.

E' stato il procuratore aggiunto Vincenzo Barbaro, oggi procuratore capo reggente, a ribadire la richiesta di archiviazione. Richiesta avanzata anche da tutti i difensori dei consiglieri.

Il Gip si è chiudi riservato la decisione per Elvira Amata, Claudio Cardile, Simona Contestabile, Giuseppe De Leo, Lucia Fenech, Libero Gioveni, Pietro Iannello, Antonino Interdonato, Rita La Paglia, Nina Lo Presti, Francesco Mondello, Francesco Pagano, Pierluigi Parisi, Ivana Risitano, Mario Rizzo, Antonia Russo, Giuseppe Santalco, Nora Scuderi, Donatella Sindoni, Luigi Sturniolo e Giuseppe Trischitta.

La Procura aveva già chiesto di archiviare la loro posizione, ma il gip Militello aveva rigettato, perciò oggi si è tornati in aula per l'udienza camerale. A suo tempo la Digos aveva messo sotto osservazione l'attività di tutti i consiglieri, piazzando microfoni e videocamere nelle aule di Palazzo Zanca e monitorando i lavori della commissione consiliare. Alla fine degli accertamenti la Procura aveva scelto di procedere soltanto per i consiglieri che si erano assentati dai lavori, pur risultando presenti per almeno 3 minuti, non muovendo, nei confronti di coloro i quali si erano assentati per un tempo più ridotto, l'ipotesi accusatoria di aver intascato illecitamente il gettone di presenza.

Alessandra Serio

8 commenti

  1. la politica in questa città arriva ovunque!

    0
    0
  2. la politica in questa città arriva ovunque!

    0
    0
  3. GILETTI ORA CI FARA’ UNA PUNTATA DELL’ARENA?

    0
    0
  4. GILETTI ORA CI FARA’ UNA PUNTATA DELL’ARENA?

    0
    0
  5. U pane è pane …..

    0
    0
  6. U pane è pane …..

    0
    0
  7. Il Gip potrebbe ordinare al Pm l’imputazione coatta.Al processo ognuno si difenderà come gli conviene .

    0
    0
  8. Il Gip potrebbe ordinare al Pm l’imputazione coatta.Al processo ognuno si difenderà come gli conviene .

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007