Consuntivo 2014, 10 dirigenti sotto accusa per non aver aggiornato i debiti fuori bilancio. Trischitta: «Vanno demansionati» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Consuntivo 2014, 10 dirigenti sotto accusa per non aver aggiornato i debiti fuori bilancio. Trischitta: «Vanno demansionati»

Consuntivo 2014, 10 dirigenti sotto accusa per non aver aggiornato i debiti fuori bilancio. Trischitta: «Vanno demansionati»

lunedì 21 Dicembre 2015 - 20:42
Consuntivo 2014, 10 dirigenti sotto accusa per non aver aggiornato i debiti fuori bilancio. Trischitta: «Vanno demansionati»

La richiesta per avviare la procedura prevista dalla legge è stata formulata in occasione dell’ultima seduta della commissione bilancio e sarà trasmessa al segretario/direttore generale Antonio Le Donne

Nel lungo elenco di criticità che pesano sul consuntivo 2014 ce n’è una in particolare che preoccupa i consiglieri comunali: il mancato il aggiornamento dei debiti fuori bilancio al 31 dicembre 2014. Nella relazione firmata dal Collegio dei revisori dei conti viene, infatti, espressamente denunciato che solo 12 dipartimenti su 22 hanno trasmesso l'attestazione richiesta relativamente ai nuovi debiti fuori bilancio .

Una circostanza grave che ha indotto il consigliere comunale Pippo Trischitta a proporre il demansionamento a semplici funzionari dei dirigenti inadempienti. La richiesta per avviare la procedura prevista dalla legge è stata formulata in occasione dell’ultima seduta della commissione bilancio e sarà trasmessa al segretario/direttore generale Antonio Le Donne. La proposta di Trischitta è stata accolta con favore anche da altri colleghi, già indispettiti per il ritardo con cui il rendiconto arriverà in Aula.

«Questo bilancio arriva in consiglio addirittura alla fine dell’anno successivo a quello a cui si riferisce. Siamo oltre ogni ritardo plausibile» ha tuonato la consigliera Daniela Faranda, rivolgendosi direttamente all’assessore Guido Signorino, ospite in commissione.

Ed effettivamente, quest’anno, si è andato oltre ogni peggiore previsione si potesse fare. Quando mancano ormai pochi giorni alla fine del 2015, il Comune non ha ancora approvato né il consuntivo 2014 né il previsionale 2015. E ,al di là dei tempi, a preoccupare sono anche i contenuti. La relazione firmata da Zaccone e colleghi mette in luce una serie problemi di non poco conto: dall’eccessivo ricorso alle anticipazioni di tesoreria al mancato allineamento della contabilità comunale con quella delle partecipate; dall’ insufficiente riscossione delle entrate nell’ambito dei fitti attivi alla mancata definizione esatta dei debiti fuori bilancio prodotti nell’anno 2014; dai cronici ritardi con cui viene approvato il rendiconto ai reiterati richiami della Corte dei conti .

Di tutto questo, i consiglieri non potranno non tenere conto nell’approvazione del bilancio. (DLT)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. Il problema a mio giudizio più grave e che i debiti fuori bilancio censiti non sono stati portati in Consiglio Comunale nè si è creato un team per formalizzare transazioni e completare l’iter necessario per avviare le delibere al loro riconoscimento così come previsto dalla legge. Ciò avrebbe determinato una chiusura contabile con un elevato passivo ma più ancora avrebbe fatto emergere responsabilità che evidentemente così continuano a non emergere…. Intanto il tempo passa e i debiti aumentano….

    0
    0
  2. Il problema a mio giudizio più grave e che i debiti fuori bilancio censiti non sono stati portati in Consiglio Comunale nè si è creato un team per formalizzare transazioni e completare l’iter necessario per avviare le delibere al loro riconoscimento così come previsto dalla legge. Ciò avrebbe determinato una chiusura contabile con un elevato passivo ma più ancora avrebbe fatto emergere responsabilità che evidentemente così continuano a non emergere…. Intanto il tempo passa e i debiti aumentano….

    0
    0
  3. L’Avv. Trischitta ha avanzato una richiesta legittima e fattibile, finalmente.
    Ora che rappresenta la maggioranza in consiglio ha tutti i numeri per farla attuare, tranne poi che arrivi , dall’alto, altra disposizione.
    Se si facesse così, responsabilizzando i dirigenti non solo sulla carta anche nei fatti vedrete che la pubblica amministrazione funzionerebbe diversamente e meglio .
    Senza uscire dal tema, contemporaneamente alla ex provincia si sono autodeterminati un accantonamento di oltre cinquecentomilaeuro, per premi di produzione ai dirigenti Sic.

    0
    0
  4. L’Avv. Trischitta ha avanzato una richiesta legittima e fattibile, finalmente.
    Ora che rappresenta la maggioranza in consiglio ha tutti i numeri per farla attuare, tranne poi che arrivi , dall’alto, altra disposizione.
    Se si facesse così, responsabilizzando i dirigenti non solo sulla carta anche nei fatti vedrete che la pubblica amministrazione funzionerebbe diversamente e meglio .
    Senza uscire dal tema, contemporaneamente alla ex provincia si sono autodeterminati un accantonamento di oltre cinquecentomilaeuro, per premi di produzione ai dirigenti Sic.

    0
    0
  5. osservatore esperto 22 Dicembre 2015 11:15

    Occorrerebbe conoscere se si tratta di debiti fuori bilancio aventi i requisiti per il loro riconoscimento ancora sommersi e, quindi, non inseriti nel piano di riequilibrio, che ne possano influenzare la validità con conseguenze intuibili.

    0
    0
  6. osservatore esperto 22 Dicembre 2015 11:15

    Occorrerebbe conoscere se si tratta di debiti fuori bilancio aventi i requisiti per il loro riconoscimento ancora sommersi e, quindi, non inseriti nel piano di riequilibrio, che ne possano influenzare la validità con conseguenze intuibili.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007