Palmi (RC): ai domiciliari i 4 giovani arrestati a Cittanova accusati di coltivare 3200 piante di canapa indiana - Tempo Stretto

Palmi (RC): ai domiciliari i 4 giovani arrestati a Cittanova accusati di coltivare 3200 piante di canapa indiana

Dario Rondinella

Palmi (RC): ai domiciliari i 4 giovani arrestati a Cittanova accusati di coltivare 3200 piante di canapa indiana

domenica 21 Luglio 2019 - 21:49
Palmi (RC): ai domiciliari i 4 giovani arrestati a Cittanova accusati di coltivare 3200 piante di canapa indiana

Il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Palmi, Dionisio Pantano, ha applicato la misura degli arresti domiciliari nei confronti di Startari Giuseppe, Monterosso Paolo, Avati Carmelo e Sicari Giuseppe, arrestati nei giorni scorsi a Cittanova dai Carabinieri della Compagnia di Taurianova mentre erano intenti a coltivare una 3.200 piante di canapa indiana di altezza compresa tra i 50 e i 150 cm..  La piantagione, che si trovava in località Querce di Cittanova, era alimentata con dei tubi di plastica collegati a delle cisterne ed aveva come originale dissuasore degli odori, delle carcasse di polli. Il Pubblico Ministero, Domenico Cappelleri aveva chiesto la convalida dell’arresto e l’applicazione della misura della custodia Cautelare in carcere per il reato produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti aggravato dall’ingente quantità. I difensori dei quattro giovani, l’avvocato Antonino Napoli per Paolo Monterosso, Carmelo Avati e Giuseppe Sicari, e gli avvocati Michele Ceruso ed Annunziata Modafferi, per Agostino Startari, all’udienza di convalida tenuta presso il carcere di Arghillà, si sono opposti all’applicazione della massima misura cautelare, argomentando le loro ragioni, e richiedendo per i loro assistiti – in subordine – la misura degli arresti domiciliari. Il GIP accogliendo parzialmente le argomentazioni dei difensori ha disposto l’applicazione degli arresti domiciliari con l’installazione del braccialetto elettronico, disponendo che, in caso in cui il braccialetto non sia immediatamente reperibile, gli stessi venissero liberati e condotti presso i loro domicili ove attenderanno la disponibilità dello strumento elettronico. Pertanto i quattro giovani nella giornata di ieri hanno lasciato il carcere di Arghillà alla volta delle loro abitazioni ove attenderanno la celebrazione del procedimento penale a loro carico.   

Dario Rondinella

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007