Pasqua a Messina. Le formelle della via Crucis a San Giovanni di Malta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Pasqua a Messina. Le formelle della via Crucis a San Giovanni di Malta

Daniele Ferrara

Pasqua a Messina. Le formelle della via Crucis a San Giovanni di Malta

domenica 04 Aprile 2021 - 08:01
Pasqua a Messina. Le formelle della via Crucis a San Giovanni di Malta

Da quest'anno l'antichissima Chiesa ha le sue formelle della via Crucis

L’arte da sempre ha un collegamento quasi indistricabile con la religione. Pare che le prime pitture fossero inerenti a rituali e le prime sculture rappresentanti deità primordiali. Tutt’oggi le opere dedicate ai temi religiosi sono una parte importante della produzione d’arte.

Da quest’anno, l’antichissima Chiesa di San Giovanni di Malta ha le sue formelle rappresentanti la Via Crucis, ove prima c’erano soltanto i numeri indicanti le stazioni risalenti a circa settant’anni fa. Con pronta accoglienza della Rettoria, dell’Arciconfraternita di San Placido e dell’Associazione Aura, le hanno realizzate, su loro propria proposta, due giovani e brillanti esponenti dell’arte messinese odierna: Emanuele Castrianni e Veronica Torrente.

Nella mattinata di questo Venerdì Santo, dopo una relazione di padre Filippo Cucinotta, cappuccino, sulla storia della Via Crucis, le quattordici stazioni sono state benedette dal Rettore del tempio monsignor Angelo Oteri; pronte per affrontare il silenzio del pomeriggio in cui la cristianità commemora la Via Dolorosaall’ora nona” (le tre del pomeriggio), nell’attesa d’essere inaugurate nella Quaresima del prossimo anno.

Le formelle della Via Crucis sono di terracotta trattata con particolari cere, di forma quadrilobata tipica dell’arte gotica e rinascimentale proprio per trovarsi in perfetta armonia e sintonia con l’ambiente del tempio cinquecentesco, rappresentano i quattordici momenti tra la sentenza di morte di Gesù Cristo emessa da Ponzio Pilato e la sua sepoltura poche ore dopo la crocifissione.

Meritevoli di grande elogio sono, per delle opere così fedeli ai tempi e alla tradizione, Veronica Torrente ed Emanuele Castiranni, che le formelle hanno plasmate.

Questa Pasqua sia dunque occasione per riflettere sull’importanza dell’arte, in un momento così provante quale quello in cui ci troviamo; l’arte è bellezza, e la bellezza è ciò di cui i nostri cuori hanno più che mai bisogno.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x