Patti. Festival della Filosofia e della cultura classica, Tyndaris Agorà è una realtà - Tempostretto

Patti. Festival della Filosofia e della cultura classica, Tyndaris Agorà è una realtà

Redazione

Patti. Festival della Filosofia e della cultura classica, Tyndaris Agorà è una realtà

domenica 25 Settembre 2022 - 11:15

Oltre trecento studenti hanno partecipato all'evento

Si sono conclusi a Patti i tre giorni del Festival della filosofia e della cultura classica per una cittadinanza consapevole, che ha visto protagonisti gli studenti di ben 12 istituti liceali provinciali e interprovinciali, i principali atenei della Sicilia (Palermo, Catania e Messina), oltre che relatori, giornalisti, scrittori, filosofi di fama nazionale e internazionale come Salvatore Natoli, Matteo Nucci, Angelo Picariello, Tindara Caccetta, Luigi Campagner, Matteo Saudino, tanti docenti universitari come Emidio Spinelli, Paolo Marino Cattorini, Francesca Piazza, Giuseppe Giordano, Giuseppe Gembillo, Annamaria Anselmo, Rosa Santoro, diversi docenti della scuola secondaria di secondo grado come Giovanna Ripolo, Massimo Raffa, Manuel Franchina, Cesare Natoli, esponenti della società civile come Miguel Gotor, Giulio Francese e Santino Franchina.

Non sono mancate le esibizioni musicali e teatrali di alto livello, grazie al supporto del Conservatorio di musica “Arcangelo Corelli” di Messina con il quartetto di sax “Same 4” e del consorzio intercomunale Tindari Nebrodi con “La leggerezza dell’essere” di e con Elio Crifò. Di grande impatto concettuale ed emotivo l’evento conclusivo che ha visto interagire gli studenti del Liceo con il filosofo Matteo Nucci e la prof.ssa Francesca Gambetti sul dono delle parole, cui è seguita una performance teatrale tratta da “Stato d’assedio” di Camus, a cura del laboratorio guidato dal regista Stefano Molica.

Decisivo l’apporto delle associazioni del territorio da Officina delle Idee, ad Input, ad Artisti per caso, a Il Filo della memoria, ad Uni-verso, all’associazione Salvatore Quasimodo, al Rotary club Patti terra del Tindari, al club Lions di Patti, alla Consulta Giovanile di Oliveri. Importante anche il ruolo svolto dall’editore Armenio e dalla libreria Capitolo 18. Ognuno secondo la propria specificità ha supportato con idee, mezzi e impegno la manifestazione dando uno slancio partecipativo agli eventi che hanno scandito la tre giorni facendo della città di Patti una grande agorà entro cui riabilitare il dibattito, il confronto fra generazioni, e far emergere nuove speranze per il futuro. Notevoli le esperienze di socializzazione e di conoscenza del patrimonio storico, architettonico e paesaggistico-ambientale attraverso le visite guidate proposte agli studenti.

Il Festival, nato dalla collaborazione del liceo “V. Emanuele III” di Patti con la Società Filosofica italiana, si è sviluppato intorno al tema Logos e politeia declinato secondo diverse accezioni dall’insieme delle delegazioni di studenti a confronto attraverso performance dal vivo, video documenti e relazioni nella bellissima cornice dei locali dell’ex convento di S. Francesco arricchite dalle atmosfere musicali della band del Liceo di Patti e del gruppo musicale dell’IC. L. Pirandello di Patti in una mattinata di vivacità e movimento che ha portato per le vie del centro storico oltre 300 studenti.

Durante la manifestazione di apertura uno spazio è stato riservato alle pratiche filosofiche per l’infanzia e l’adolescenza, grazie all’attivatrice Anna Arosio dell’assiociazione Philosophi for children, della docente Eleonora Ciarmidaro dell’IC Pirandello di Patti che ha collaborato con la prof.ssa Francesca Carella, referente del progetto di istituto Favolosofia e di “Amica Sofia”, sezione Sicilia, rappresentata dalla prof.ssa Carmelina Giuffrè. Decisivo l’apporto del Comune di Patti che ha dato il patrocinio alla manifestazione unitamente al Ministero dell’istruzione e al Congresso mondiale della Filosofia.

Notevole l’impegno, ma anche la soddisfazione di tutti i docenti, del personale tecnico, amministrativo e dei collaboratori scolastici coinvolti nella realizzazione di un evento che vuole restare nella storia del nostro territorio.

Il progetto, nato dall’intenso lavoro di ricerca-azione sviluppato negli anni dal Dipartimento di Scienze sociali con gli altri dipartimenti disciplinari del Liceo “V. Emanuele III” di Patti, è stato possibile grazie all’intesa con la prof.ssa Francesca Gambetti, segretaria nazionale della Sfi che, unitamente al presidente Emidio Spinelli e alla Dirigente Marinella Lollo, hanno condiviso il percorso, le difficoltà e lo spirito costruttivo di andare avanti. Il successo ottenuto con il contributo di tutti incoraggia a programmare la seconda edizione del festival, che dalla fase propedeutica di formazione prevista fra febbraio-marzo si concluderà poi a settembre 2023.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007