Pd: "Il doppiopesismo del sindaco di Messina convince solo se stesso" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Pd: “Il doppiopesismo del sindaco di Messina convince solo se stesso”

Redazione

Pd: “Il doppiopesismo del sindaco di Messina convince solo se stesso”

giovedì 17 Giugno 2021 - 12:29

"Si ristabilisca una dialettica politica rispettosa dei ruoli e ciascuno si assuma le proprie responsabilità, più sostanza, insomma, e meno teatrini"

MESSINA – “Il sindaco di Messina ha una visione tutta sua della gestione della cosa pubblica e dei rapporti politici, secondo la quale lo stesso si ritiene autorizzato a dileggiare, senza decenza, le altre istituzioni, contribuendo ad isolare la nostra città, mentre i consiglieri comunali, democraticamente eletti, piuttosto che i sindacalisti, o chiunque la pensi diversamente da lui, dovrebbe astenersi dalla benché minima critica. Il Partito democratico di Messina ragiona in termini diametralmente opposti e sosterrà sempre i consiglieri comunali, i militanti e chiunque vorrà esprimere civilmente le proprie opinioni e le proprie critiche all’operato dell’amministrazione”.

Rispetto per il PD e i suoi esponenti

A sostenerlo è la segreteria cittadina del Pd attraverso una nota diramata oggi. “Il Partito democratico di Messina, inoltre – viene specificato – non consentirà più né al sindaco,  né a chiunque altro, di rivolgersi senza il dovuto rispetto agli esponenti del Partito democratico, né di continuare ad appellarli con il termine Pidioti che riteniamo offensivo e lesivo della dignità di chi esprime liberamente una identità politica, oltre che ovviamente di coloro che lo usano”.

La nota va anche oltre: “Se il sindaco è abituato a essere compiaciuto da seguaci storici e voltagabbana recenti, non può certo pretendere la stessa cosa da chi coerentemente esprime le proprie idee o di tappare la bocca a chiunque la pensi diversamente da lui; si ristabilisca, pertanto, una dialettica politica rispettosa dei ruoli e ciascuno si assuma le proprie responsabilità, più sostanza, insomma, e meno teatrini”.

Deriva autoritaria refrattaria al confronto

Vengono definiti “inopportuni e demagogici i giudizi sui compensi, invero ridicoli, percepiti dai consiglieri e se gli stessi siano o meno meritati, non sta a lui giudicare, piuttosto agli elettori. Peraltro le questioni commentate dai consiglieri meritano la massima attenzione perché sono paradigmatiche di un modo di essere di un sindaco allergico alla democrazia e al confronto nonché dei bisogni dei cittadini; ci riferiamo, soprattutto, alle indagini non autorizzate della polizia municipale. Questa vicenda, che il sindaco vorrebbe far passare sottotono, è emblematica di una evidente deriva autoritaria, molto gradita al sindaco e a coloro, non solo tra i seguaci del sindaco, che hanno difficoltà a confrontarsi democraticamente.

Il Partito democratico intende accendere un riflettore sulla vicenda perché a nessuno è consentito, nemmeno al sindaco, di utilizzare risorse umane e mezzi del Comune come se appartenessero alla propria impresa privata, né di violare diritti costituzionalmente garantiti”.

4 commenti

  1. Che ci debba essere più rispetto, sono pienamente d’accordo, ma parlare di teatrino e voltagabbana con un partito al governo alleato nuovamente con Renzi e addirittura con Berlusconi e Salvino, è ridicolo. Non vi offendete quando usano certi epiteti, ve la cercate.

    10
    17
  2. Troppo “sbeffeggiamento” di qualcuno, e poca “presenza” del consiglio comunale (maggioranza e opposizione). Poco senso della collettività e dei diritti e valori che sono da tutelare ( e invece sono calpestati). Solo per i voti belle parole da tutti, poi spengono il cervello !!!

    7
    1
  3. Con un po’ di coraggio in più da
    parte dei Consiglieri forse ci saremmo liberarti da questo Sindaco. Ci sono state mille opportunità per zittirlo e ridare dignità alla cittadinanza. Non averlo fatto è una responsabilità dell’intero Consiglio.

    31
    6
  4. partigiani dello Stretto 17 Giugno 2021 18:49

    C’è una lettera del Procuratore della Repubblica di gennaio 2021 che poneva dei dubbi sulla legittimità di alcune indagini effettuate dalla Polizia Municipale.
    Forse è il caso di approfondire?

    0
    0

Rispondi a Serena Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x