Pesca di frodo e senza tracciabilità. Sequestrati cento chili di novellame - Tempostretto

Pesca di frodo e senza tracciabilità. Sequestrati cento chili di novellame

Redazione

Pesca di frodo e senza tracciabilità. Sequestrati cento chili di novellame

venerdì 15 Febbraio 2019 - 10:38

Il pesce è stato dato in beneficenza alle suore salesiane dell’Istituto “V.F. Zito - Figlie di Maria Ausiliatrice” di Sant'Agata Militello

SANT’AGATA MILITELLO – Aveva nascosto nel portabagagli quattro contenitori pieni di novellame. Un 30enne di Sant’Agata Militello è stato fermato dalla locale Guardia di Finanza sul litorale di Torrenova, che ha sequestrato cento chili di prodotto appena pescato e pronto per la distribuzione abusiva, senza alcuna documentazione a supporto, in violazione delle norme sanitarie e di tracciabilità dei prodotti alimentari a tutela dei consumatori.

Il responsabile è stato segnalato all’Autorità competente – il Compartimento Marittimo di Milazzo – con la contestazione di una sanzione amministrativa che va da un minimo di 6mila ad un massimo di 36mila euro.

Il novellame sequestrato è stato analizzato accuratamente dal personale veterinario dell’Asp di Messina – distaccamento di Sant’Agata Militello – che ne ha certificato l’idoneità al consumo umano. I finanzieri hanno quindi donato il pesce in beneficenza alle suore salesiane dell’Istituto “V.F. Zito – Figlie di Maria Ausiliatrice” di Sant’Agata.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007