Caso Attilio Manca. Sul web raccolta firme per non archiviare il caso - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Caso Attilio Manca. Sul web raccolta firme per non archiviare il caso

Piero Genovese

Caso Attilio Manca. Sul web raccolta firme per non archiviare il caso

sabato 15 Aprile 2017 - 23:51
Caso Attilio Manca. Sul web raccolta firme  per non archiviare il caso

Appello della famiglia Manca al Procuratore di Roma Giuseppe Pignatone, al Procuratore aggiunto Michele Prestipino e al sostituto procuratore Maria Cristina Palaia al fine di non archiviare il caso e sul web, ecco un raccolta firma proprio per questo scopo.

"Non archiviate l’inchiesta sulla morte di Attilio Manca!". L'appello della famiglia del giovane urologo trovato morto a Viterbo il 12 febbraio 2004 in circostanze ancora tutte da valutare, arriva nel web con una raccolta firme che la famiglia della giovane vittima, orignaria di Barcellona Pozzo di Gotto, ha indirizzato al Procuratore di Roma Giuseppe Pignatone, al Procuratore aggiunto Michele Prestipino e al sostituto procuratore Maria Cristina Palaia.

Attilio Manca è stato ritrovato con due segni di iniezioni nel braccio sinistro, la sua morte è avvenuta per una overdose di eroina, alcool e tranquillanti. Ma l'urologo, così come sempre sostenuto dalla famiglia e dagli amici a lui più vicino, era un mancino puro, incapace di utilizzare la mano destra – così come confermato dai suoi colleghi dell’ospedale Belcolle di Viterbo – e soprattutto non era un tossicodipendente con istinti suicidi.

Lo scorso 29 marzo il Tribunale di Viterbo ha emesso la sentenza di condanna a 5 anni e 4 mesi nei confronti di

Monica Mileti, figura accusata di avere ceduto la droga al giovane urologo siciliano. Per gli uffici giudiziari di Viterbo il caso Manca è quindi chiuso, non invece per la procura capitolina, che da un anno a questa parte ha aperto un fascicolo contro ignoti e che riporta la scritta "omicidio volontario" dove al suo iontorno vi sono testimonianze di quattro collaboratori di giustizia.

L’inchiesta della procura romana inoltre, è basata sull’esposto dei legali della famiglia Manca in cui, al di là delle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, vengono evidenziati determinati dati oggettivi che portano ad escludere definitivamente la tesi del suicidio a base di droga.

Alla luce di questi dati, che mritano approfondimenti e giustizia, sul sito change.org è aperta la raccolta firma dove si chiede la inon archiviazione del caso. Tra i primi firmatari compaiono nomi di spicco del calibro di Don Luigi Ciottii, Presidente di “Libera”, Salvatore Borsellino, fondatore del movimento "Agende Rosse", l'attrice e regista Sabina Guzzanti, Francesco D’Uva, componente Commissione parlamentare antimafia, Vincenzo Agostino e Augusta Schiera, genitori del poliziotto ucciso dalla mafia Nino Agostino, Luciano Traina, fratello del poliziotto Claudio Traina ucciso nella strage di via D’Amelio e Jole Garuti, direttrice del Centro studi Saveria Antiochia Osservatorio antimafia.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007