Il bluff dell'Ircs-Piemonte. La Gullo chiede l'invio di ispettori, Uilfpl-Anao vanno in Procura - Tempostretto

Il bluff dell’Ircs-Piemonte. La Gullo chiede l’invio di ispettori, Uilfpl-Anao vanno in Procura

Rosaria Brancato

Il bluff dell’Ircs-Piemonte. La Gullo chiede l’invio di ispettori, Uilfpl-Anao vanno in Procura

martedì 05 Luglio 2016 - 09:13
Il bluff dell’Ircs-Piemonte. La Gullo chiede l’invio di ispettori, Uilfpl-Anao vanno in Procura

Il Polo di riabilitazione sta diventando una farsa. Nonostante gli impegni ed una legge votata dall'Ars l'accorpamento Ircs-Piemonte è solo una parola. Forza Italia punta il dito su Crocetta e chiede l'invio di ispettori del ministero alla salute, mentre Uilfpl e Anaao sono pronti ad andare in Procura.

Una tela di Penelope, un bluff, una telenovela che dura dal 2014.

Il calvario del Piemonte sembra non dover finire e le notizie relative alle sospensioni dei ricoveri, quelle sulla mancata pubblicazione nella Gazzetta ufficiale del decreto attuativo, o i rischi di una mancata copertura finanziaria per la realizzazione del Polo di riabilitazione sanno ormai di beffa.

Continuano le reazioni al recente provvedimento del manager del Papardo Michele Vullo che in vista delle ferie ha sospeso i ricoveri a Medicina e chirurgia al Piemonte, scatenando polemiche.

La deputata regionale Bernardette Grasso, Forza Italia, che già la scorsa settimana aveva tuonato sulla mancanza di certezze economiche, scende nuovamente in campo: “Ho scritto all’assessore regionale alla Sanità, Baldassarre Gucciardi, evidenziando la precarietà del sistema ospedaliero messinese, con particolare riferimento all’ospedale Piemonte, dove in seguito alla nota del direttore generale dell’Azienda Papardo, relativa alla rimodulazione dell’attività di degenza del Piemonte, è sospeso il funzionamento del pronto soccorso della struttura, per permettere la riduzione dei posti letto e dei costi per il periodo estivo, scelta scellerata che mette a serio rischio la salute e l’incolumità dei pazienti. Sia pertanto ristabilita la piena operatività dell’attività assistenziale del Piemonte, garantita dalla legge regionale 24 del 2015, senza perdere altro tempo. Si faccia altresì chiarezza sui decreti di accorpamento, ad oggi non ancora pubblicati. Servono da subito certezze utili a portare oltre la palude la sanità della nostra città”.

Restando in casa Forza Italia interviene anche la parlamentare Mariella Gullo che chiede al ministro Lorenzin l’invio degli ispettori in riva allo Stretto: “Nonostante sia stata approvata la legge regionale che prevede l’accorpamento del Piemonte all’IRCCS-Neurolesi, sebbene siano stati prodotti i pareri da parte dei Ministeri della Salute e dell’Economia e Finanze, ancora oggi l’ospedale Piemonte rischia di chiudere con conseguenze drammatiche. L’unico responsabile di tale teatro dell’assurdo non può che essere il governatore Rosario Crocetta, il quale evidentemente non ha alcun interesse a risolvere la questione. E’ una situazione paradossale considerato che c’è il rischio che il Pronto soccorso possa chiudere nonostante il Piemonte abbia tutte le carte in regola per continuare a svolgere la sua funzione fondamentale attraverso la fusione con l’IRCCS-Neurolesi. Per questo chiederò al ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin, di inviare gli ispettori per indagare sulle cause che bloccano il processo di fusione previsto da una legge regionale e avallato dallo stesso Ministero”.

L’allarme è stato lanciato nei giorni scorsi da UilFpl e Anaao-Assomed attraverso diverse note che sottolineavano la drammaticità della situazione nonostante tutti gli impegni presi e le promesse fatte. “Ci risulta che il decreto di attuazione giaccia nel cassetto di qualche dirigente dell’Assessorato alla Salute e ciò sta impedendo che venga pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale regionale- scrivono Calapai, Macrì e Pata- Se così fosse invitiamo l’assessore Baldo Gucciardi ad avviare le dovute verifiche, caso contrario saremo costretti a denunciare alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti tale situazione d’impasse che sta mettendo in discussione l’applicazione della leggei. Richiamiamo ancora una volta la politica cittadina alle proprie responsabilità perché è un delitto continuare a mantenere il Piemonte in una sorta di limbo, con il rischio che venga chiuso dal manager Michele Vullo, proposito più volte esplicitato dallo stesso anche a mezzo stampa”.

A conti fatti, nonostante mesi e mesi di battaglie, sedute all’Ars, conferenze stampa, riunioni, trasferte a Roma, comunicati, dibattiti, il Piemonte è ancora nel limbo, il Polo riabilitativo non è una certezza acquisita, la legge arranca e a pagare è la città.

Rosaria Brancato

Tag:

8 commenti

  1. È inutile protestare e fare proclami, grazie alla inutilita’ ed all’opportunismo della class dirigente e politica (???!!!)messinese, a Messina non resteranno ospedali.

    0
    0
  2. È inutile protestare e fare proclami, grazie alla inutilita’ ed all’opportunismo della class dirigente e politica (???!!!)messinese, a Messina non resteranno ospedali.

    0
    0
  3. MessineseAttenta 5 Luglio 2016 10:53

    Mi meraviglia che vi sia sfuggito l’aspetto più significativo.
    Tutta l’operazione è nata per dare alla Bonino-Pulejo la possibilità di entrare in possesso, a costo zero, dei locali del Piemonte.
    Da anni il Neurolesi lamentava la mancanza di spazio.
    Ecco, quindi, la chiusura del Piemonte ed il passaggio dei locali al Neurolesi.
    Quello che non è tollerabile è che le ragioni di sicurezza e di economicità che vengono dichiarate valide per la chiusura del Piemonte non valgono per il Neurolesi.
    Intendiamoci, il servizio reso dal neuro lesi è importante, ma una società privata non si può accaparrare i locali di un ospedale pubblico senza pagare un centesimo.
    Ma la Magistratura messinese perchè si gira sempre dall’altro lato?
    Niente cambia!

    0
    0
  4. MessineseAttenta 5 Luglio 2016 10:53

    Mi meraviglia che vi sia sfuggito l’aspetto più significativo.
    Tutta l’operazione è nata per dare alla Bonino-Pulejo la possibilità di entrare in possesso, a costo zero, dei locali del Piemonte.
    Da anni il Neurolesi lamentava la mancanza di spazio.
    Ecco, quindi, la chiusura del Piemonte ed il passaggio dei locali al Neurolesi.
    Quello che non è tollerabile è che le ragioni di sicurezza e di economicità che vengono dichiarate valide per la chiusura del Piemonte non valgono per il Neurolesi.
    Intendiamoci, il servizio reso dal neuro lesi è importante, ma una società privata non si può accaparrare i locali di un ospedale pubblico senza pagare un centesimo.
    Ma la Magistratura messinese perchè si gira sempre dall’altro lato?
    Niente cambia!

    0
    0
  5. MessineseAttenta 5 Luglio 2016 10:54

    Ma in tutto questo Accrinti cosa fa?
    Fa come le tre scimmiette!!!!!

    0
    0
  6. MessineseAttenta 5 Luglio 2016 10:54

    Ma in tutto questo Accrinti cosa fa?
    Fa come le tre scimmiette!!!!!

    0
    0
  7. Opinionleader 5 Luglio 2016 22:38

    Forza CALA-MA-PA(s)TA ! W i tre moschettieri piemontesi !!!

    0
    0
  8. Opinionleader 5 Luglio 2016 22:38

    Forza CALA-MA-PA(s)TA ! W i tre moschettieri piemontesi !!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007