Lunghe code per ottenere gli sconti sulla Tares, la prima rata ha portato in cassa 12 milioni - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Lunghe code per ottenere gli sconti sulla Tares, la prima rata ha portato in cassa 12 milioni

Francesca Stornante

Lunghe code per ottenere gli sconti sulla Tares, la prima rata ha portato in cassa 12 milioni

martedì 11 Febbraio 2014 - 00:59

Nel primo giorno utile per la presentazione delle domande per accedere alle agevolazioni sono stati tantissimi i messinesi che si sono messi in coda. Mantineo chiarisce alcuni dubbi sui nuovi criteri. Intanto nelle casse di Palazzo Zanca sono entrati ben 12 milioni grazie alla prima rata della Tares.

Lunghe code, un po’ di caos, una discreta dose di confusione. Nel primo giorno utile per presentare le domande necessarie per provare ad accedere alle agevolazioni sulla Tares, non sono mancati quelli che erano stati gli ingredienti che avevano caratterizzato i giorni della consegna dei bollettini della tanto discussa tassa sui rifiuti. A cambiare è stato solo il dipartimento, dai Tributi di viale S. Martino la location si è spostata ai Servizi Sociali di palazzo Satellite, dove fino al 7 marzo sarà possibile presentare domanda. E qui è sorto il primo problema. Tanta gente si è infervorata perché l’ufficio dedicato alla Tares è stato sistemato negli spazi prima occupati dall’ufficio “Informazioni turistiche” di piazza della Repubblica, senza evidentemente indicazioni chiare. Un po’ di confusione si è inevitabilmente creata per i nuovi criteri adottati dall’amministrazione Accorinti appena quattro giorni fa, dopo aver parlato per settimane di quelli che sarebbero stati i requisiti individuati per beneficiare delle riduzioni.

A spiegare il perché di questo dietro front è stato l’assessore ai Servizi Sociali Nino Mantineo che ha chiarito che la scelta di ridurre i criteri di selezione è stata dettata soprattutto dall’esigenza di accorciare i tempi di lavoro della commissione che dovrà occuparsi di stilare alla fine una graduatoria. “Abbiamo optato per il reddito come unico parametro perché riteniamo possa fotografare al meglio la reale situazione economica dei messinesi. Quei parametri sociali non avrebbero aiutato nell’applicazione delle agevolazioni, anche se ci auguriamo di poter applicare un ulteriore slittamento alle ultime due rate” ha spiegato Mantineo.

L’esponente della giunta Accorinti non ha potuto però negare anche il fatto che probabilmente quelle riduzioni inizialmente previste entravano in contrasto con lo stesso regolamento Tares proposto dall’amministrazione e approvato in Consiglio comunale. “Ci siamo resi conto che alcuni requisiti erano già previsti nel regolamento, non solo agli articoli che parlano espressamente di agevolazioni e riduzioni, ma ad esempio anche nell’art. 16 che spiega come si determina il numero degli occupanti delle utenze domestiche e stabilisce che non vengono considerati ai fini del tributo: anziani collocati in case di riposo, familiare che lavora o vive fuori provincia per almeno 6 mesi l’anno, familiare o ospite con invalidità tra l’80 e il 100% con un reddito annuo inferiore agli 8 mila euro. Naturalmente con riferimento al 1 gennaio 2013”. Altro chiarimento che l’assessore ha voluto fare riguarda uno dei passaggi dell’art. 23, quello in cui si dice che “le istanze verranno autorizzate sulla base delle somme annualmente disponibili, nell’ordine di presentazione delle stesse”. Dunque conta anche l’ordine di presentazione delle domande? Il regolamento sembra dire di sì, Mantineo assicura però che non sarà in alcun modo preso in considerazione l’ordine di consegna delle istanze, dunque considerato che c’è tempo fino al 7 marzo meglio evitare inutili resse e lunghe code.

Intanto, mentre i messinesi si mettono in fila per gli sconti, arrivano le prime buone notizie per le casse del Comune. Fino ad oggi sono infatti entrati circa 12 milioni di euro grazie alla prima rata della Tares in scadenza al 24 gennaio scorso. Considerato che il totale che la Tares dovrà coprire ammonta a circa 44 milioni di euro, il dato è incoraggiante secondo il Dirigente del Dipartimento Tributi Romolo Dell’Acqua. I messinesi dunque, nonostante polemiche e chiacchiere, alla fine hanno pagato la Tares. Il dipartimento non ha ancora in mano i dati che riguardano il numero delle utenze che hanno pagato, ma secondo una stima sommaria del dirigente Dell’Acqua circa l’80% dei messinesi ha versato in tempo utile la prima rata della Tares.

Le polemiche però sono dure a morire e arriva un altro duro affondo da parte di Cittadinanzattiva e dal suo rappresentante Salvatore Vernaci. Il movimento chiede all’amministrazione di sospendere in autotela il piano economico finanziario del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi per l’anno 2013, e a rimodularlo in modo che contenga realmente e solamente le spese dovute e sostenute per la gestione dei rifiuti. “Non possono essere caricate sulla Tares, né costi di gestione per il servizio, sostenuti da tre Enti, caso unico in Italia: il Comune, Messinambiente S.p.A ed ATO ME3, né spese per servizi mai o insufficientemente effettuati in Città, nei Villaggi e nei Quartieri. CittadinanzAttiva è pronta anche ad intraprendere le vie giudiziarie, troppi i passaggi che ritiene illegittimi, uno su tutti il fatto che questa tassa non tiene in considerazione la capacità reddituale dei contribuenti così come vorrebbe l’art. 53 della Costituzione Italiana. Un punto che anche il comitato 12 gennaio aveva sollevato. “La Tares, così come applicata è anticostituzionale per iniquità e manifesta illegittimità” ammonisce CittadinanzAttiva.

Uno sfogo arriva invece dal consigliere del VI quartiere Mario Biancuzzo che scrive al Sindaco per segnalare i disagi a cui stanno andando incontro i tanti residenti dei villaggi che prima hanno dovuto fare interminabili file ai Tributi di viale S. Martino per avere chiarimenti sulle tante bollette sbagliate recapitate, e che adesso devono presentarsi a ripetere la stessa trafila a Palazzo Satellite. A proposito di questo però Mantineo ha assicurato che nei prossimi giorni sarà possibile trovare i moduli da compilare per presentare domanda anche presso le sedi delle sei Circoscrizioni. Vedremo cosa accadrà.

Francesca Stornante

Tag:

7 commenti

  1. francesco arena 11 Febbraio 2014 07:14

    Bravi i messinesi parliamo ma paghiamo ,desidero sapere dal SIGNOR.ASSESSORE anche i dati dei morosi che non pagano la TARES,è cosa stanno facendo per recuperare quelle quote importanti che potrebbe far risparmiare tutti.

    0
    0
  2. CastorinaCarmelo 11 Febbraio 2014 12:14

    Speriamo che a pagare non saremo i soliti fessi.
    “Cittadinanza Attiva” secondo me ha ragione, non si possono caricare sulla TARES costi aggiuntivi di altre società partecipate, prima di riscuotere il tributo bisognava studiarsele bene le carte…..
    Se no diamo ragione a chi dice: Dilettanti allo sbaraglio….
    SPERIAMO BENE……

    0
    0
  3. Carissima Francesca STORNANTE, è nota la mia stima per le giornaliste di TempoStretto, il giornale su cui scrivi ha un ruolo importante nella stampa cittadina, forma una opinione pubblica plurale e indipendente, non è più il tempo di permettere alla burocrazia comunale di dare dati privi di significato. La frase di Romolo Dell’Acqua, 80% DEI MESSINESI HA VERSATO LA PRIMA RATA, non significa nulla, intanto perchè per la TARES si dovrebbe parlare dell’80% delle UTENZE CENSITE, nessuno sa quanto sono, distinguere poi tra utenze domestiche UD, il piano tariffario ne conta 92.881, e le utenze non domestiche NUD, lo stesso piano non da nessun numero. Se fossi il dirigente, al posto di Romolo Dell’Acqua, avrei dato ai messinesi due cifre, una relativa al gettito previsto nel piano tariffario per le UD, pari a € 31.097.274 il 70% del totale, e l’altra per le NUD pari a € 13.327.402, il 30%, come sappiamo il totale è di € 44.424.677. Poi dopo aver previsto due numeri di conto corrente per le due diverse utenze, avrei informato i messinesi sia sul numero degli utenti che sull’importo incassato, distinto per UD e NUD. Cè poco da gioire per i 12 MILIONI incassati, mancano circa €.2.808.000 rispetto alla previsione di gettito per coprrire il costo integrale, sono ritardatari, evasori, elusori, messinesi in difficoltà per l’elevato importo del tributo? Se fossi il dirigente informerei i messinesi delle mancate riscossioni relative alla TARSU antecedenti al 2011, si chiamano RESIDUI ATTIVI, pari a € 17.839.280, a cui bisogna aggiungere per il 2011 circa 11 MILIONI, mentre per la TARSU 2012 darei il dato conosciuto a Romolo Dell’Acqua. Chi non paga SUNNU I MISSINISI SCATTRI CHI SA SCANZANO, sanno della inefficienza del Dipartimento Tributi. Cara Francesca non permettere al dirigente di essere evasivo, fumoso.

    0
    0
  4. E’ proprio così.
    Gli evasori non hanno pagato e continueranno a non farlo.
    I cittadini onesti pagheranno anche per loro.
    Quelli erano disonesti questi non capiscono nulla.

    0
    0
  5. e dove finiranno questi soldi?? Sicuramente non in servizi al cittadino che continuerà ad affogare nella..

    0
    0
  6. Scusate… Ma i numeri presentati nell’articolo nn dicono quasi nulla… Inoltre vorrei segnare che alcune persone (come me) potssono avere già pagato l’intero importo e dunque anche moltiplicare i 12 milioni per 3 e’ probabilmente inesatto. Condivido alcune osservazioni di mariedit e mi chiedo come mai il dirigente o chi per lui non chiarisca su:
    – questione utenze censite
    – diversi tipi di utenze (commerciali e non)
    – reale stima di evasione e modalità di concentrazione della stessa
    – etc.etc.

    Detto quanto sopra, il problema principale e’ che la città e’ lurida ed evidentemente siamo chiamati a pagare per servizi nn svolti o svolti male.

    0
    0
  7. letterio.colloca 11 Febbraio 2014 15:55

    Ma con tanti milioni che si pagano a diverso titolo e per “DEMERITI” di non pochi IMPROVVISATI dirigenti di Uffici,perché non si chiamano a capo degli uffici finanziari TECNICI e si mandano a casa gli INCOMPETENTI ATTUALI E GLI ALTRI GIA’ COMPROMESSI CON LE PASSATE AMMINISTRAZIONI ed ora si mimetizzano atteggiandosi a “gallinelle morte e vive” ma che continuano a nuocere.
    NON LUSINGA sapere che i messinesi onesti hanno già versato i primi 12 mlm:è notorio che la voragine debitoria è stata causata dalla xxxxxxxx di un’accozzaglia di xxxxxxxx che hanno fatto dei PROPRI ELETTORI un popolo di accattoni DIGNITOSI.So di famiglie che vivono rinunce quotidiane;anziani che vendono finanche il “corredo” che avrebbero voluto tradizionalmente “passare” in “dote” alla propria figlia, e tante altre privazioni con la prospettiva che domani sarà …..PEGGIO.
    E c’è ANCORA chi si concede il SADICO CRETINO ATTEGGIAMENTO di SUPERFICIALITA’ FUMOSA, IRRIVERENTE ED IRRESPONSABILE (tanto chi lo tocca?? è lì da almeno tre cicli amministrativi senza aver cavato un …EVASORE perché ” non aveva il personale in numero idoneo”!! Anche lui si sente GENERALE? Ma la guerra non si fa alle persone oneste!!! La si fa agli INCONCLUDENTI che a fine mese -come i tre di Messinambiente-INCASSANO SFRONTATAMENTE MIGLIAIA DI € per STIPENDI ed altre indennità (spero per amore del buongusto,non di PRODUTTIVITA?)
    Bella gratitudine!!!!
    AVETE O NO UN RESIDUO DI DIGNITA? Fuggite a ritroso dei MIGRANTI e non lasciate tracce.
    Le abbiamo ABBASTANZA …Piene.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007