Protocollo per prevenire il contagio nei penitenziari siciliani - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Protocollo per prevenire il contagio nei penitenziari siciliani

Arianna Mantineo

Protocollo per prevenire il contagio nei penitenziari siciliani

giovedì 21 Gennaio 2021 - 07:38
Protocollo per prevenire il contagio nei penitenziari siciliani

Accordo tra Regione e amministrazione penitenziaria per prevenire il contagio nelle strutture penitenziarie

Tra la Regione Sicilia e il Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria è stato redatto un protocollo d’intesa che ha come obiettivo l’incremento di personale sanitario e misure organizzative per prevenire e contenere il contagio da Covid-19 negli istituti penitenziari.

L’assessorato della Salute perciò si impegna ad individuare personale sanitario (medici, infermieri, operatori) per tutelare la popolazione penitenziaria in servizio nei 23 istituti e nel Provveditorato regionale. Le Asp provinciali garantiscono l’attuazione di misure sanitarie, come l’approvvigionamento di tamponi, somministrazione dei test rapidi e conseguente screening per il personale penitenziario.

cosa prevede il protocollo

Fra le misure previste ci sono l’individuazione di locali in cui svolgere le attività sanitarie; il rilevamento dei fattori di rischio all’interno degli istituti; l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie; il mantenimento della distanza di sicurezza; la disponibilità di prodotti igienizzanti per il personale e dispenser accessibili negli spazi comuni; la pulizia quotidiana e la sicurezza di tutti gli automezzi; l’areazione e la pulizia degli ambienti e la successiva sanificazione, nel caso di rilevata presenza di persona affetta da Covid-19 all’interno dei locali; la verifica della sanificazione avvenuta negli ambienti di lavoro e caserme; il ricambio dell’aria nei luoghi di lavoro; la fruizione alternata degli spazi comuni; la riduzione al minimo dei tempi di permanenza e l’organizzazione delle riunioni di lavoro in modalità a distanza. Inoltre è prevista una una formazione concordata fra istituzione penitenziaria e Asp rivolta al personale delle carceri con riferimento all’analisi del contesto ambientale e alle variabili che influenzano lo stato di salute psicofisica.

«E’ un significativo passo – dice il presidente Nello Musumeci – nel processo di collaborazione tra istituzioni, perché la Regione Siciliana non può restare inerme di fronte a tutto quello che avviene all’interno delle mura carcerarie, sia per quanto riguarda il personale in divisa che la popolazione detenuta. È chiaro che i problemi si esasperano nella stagione del Covid, ma cogliamo questa opportunità per migliorare la vivibilità e la sicurezza dell’ambiente carcerario».

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x