Assalto ai distributori per fare il pieno in auto…e nei bidoni. Circolazioni in tilt di fronte la Prefettura - Tempo Stretto

Assalto ai distributori per fare il pieno in auto…e nei bidoni. Circolazioni in tilt di fronte la Prefettura

ELENA DE PASQUALE

Assalto ai distributori per fare il pieno in auto…e nei bidoni. Circolazioni in tilt di fronte la Prefettura

domenica 22 Gennaio 2012 - 13:46
Assalto ai distributori per fare il pieno in auto…e nei bidoni. Circolazioni in tilt di fronte la Prefettura

Mattinata di caos in città, code chilometriche alle stazioni rifornite di carburante. Necessario l’intervento delle forze dell’ordine. Per tornare a regime necessario attendere ancora 48 ore. Slitta lo sciopero dei benzinai programmato per domani

La situazione sta lentamente, molto lentamente, tornando alla normalità. Durante tutta la mattinata però, in città si è assistito a vere e proprio scene di panico, o se preferite di psicosi da rifornimento. Da nord a sud, comprese le autostrade, centinaia di automobilisti sono rimasti fermi in coda ai vari distributori in attesa che le autocisterne, dopo i sei giorni di blocchi di Forza d’urto, movimento dei Forconi e autotrasportatori, potessero raggiungere destinazione. Dal tardo pomeriggio di ieri, subito dopo la notizia dello stop alla protesta, le stazioni di servizio sono letteralmente state prese d’assalto. Un sabato sera trascorso in modo insolito per quanti hanno deciso di sostare nei pressi del benzinaio più vicino e mettersi al sicuro per la settimana.

Ad “alimentare” la psicosi, il prossimo sciopero dei benzinai la cui date, tuttavia, devono ancora essere stabilite. La protesta era infatti stata programmata per domani, ma anche alla luce di quanto avvenuto in Sicilia si è deciso di posticiparne la data di inizio. Una rassicurazione che non è però bastata a quanti hanno preferito mettersi in fila, di notte e di giorno, armati di bottiglie, bidoni e altri contenitori.

Necessario in molti casi l’intervento delle forze dell’ordine per regolare il traffico, soprattutto all’incrocio tra via Garibaldi e viale della Libertà, di fronte la Prefettura. Il rifornimento Agip, così come altri, è stato invaso (vedi foto), ma il concomitante passaggio dei tir che hanno abbandonato gli imbarcaderi di Villa San Giovanni, dove sono rimasti bloccati per via della protesta, ha completamente mandato in tilt la circolazione. Immancabili i diverbi tra gli automobilisti, esasperati dall’attesa e da quanti hanno fatto il pieno di bidoni, impedendo però di fare il pieno alle auto regolarmente in coda.

Saracinesche abbassate ancora in molte stazioni di rifornimento, sia in centro che nelle zone periferiche, per tornare a regime sarà necessario attendere almeno altri due giorni. Da domani, invece, prevedibile assalto ai supermercati per rifornire frigoriferi e congelatori. Anche questi rimasti a secco. (ELENA DE PASQUALE)

Tag:

3 commenti

  1. La preoccupazione dei messinesi era solo questa?!…poveri…hanno la pancia piena evidentemente, di ribellarsi neanche la minima intenzione…semi comu i picciriddi chi hanno pasciri…annuncia non sannu fari nenti…quando gli altri siciliani ci di una buddaci…nn sbagghiunu…

    0
    0
  2. saro sono sicuro chi “u primu buddaci si tu!” sicuramente tu non ti sei preoccupato di fare benzina..
    la protesta va fatta a roma..non a fracassarci le…da soli piu di quanto gia’ non fanno i nordisti..che GODONO di questi autodisagi..

    0
    0
  3. purtroppo mi sà che è stato solo un fuoco di paglia, ve lo dice un coltivatore diretto, che vende agrumi a 1o centesimi al kg. Per fare che…. la concorrenza alla cina.
    Ma finemula, lo sciopero doveva durare un mese 2 mesi e non solo in sicilia, vi mannassi a tutti a ciccari u pani ca tessera, chi politici ni cunsumaruuuuuuuu

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007