Solidarietà a Crocetta da Accorinti. Ed è polemica con Rifondazione Comunista e No Muos - Tempostretto

Solidarietà a Crocetta da Accorinti. Ed è polemica con Rifondazione Comunista e No Muos

Eleonora Corace

Solidarietà a Crocetta da Accorinti. Ed è polemica con Rifondazione Comunista e No Muos

mercoledì 02 Ottobre 2013 - 06:49

Il comunicato di solidarietà al Governatore Rosario Crocetta da parte del Sindaco Accorinti e della sua Giunta continua ad alimentare polemiche. Critici No Muos e Rifondazione Comunista, ma il Sindaco non fa marcia indietro. D'accordo con Rifondazione, anche i consiglieri Sturniolo e Risitano

Sabato 28 settembre. Su uno dei due pullman partiti da Messina e di ritorno dalla manifestazione No Muos svolta a Palermo nel pomeriggio, squilla il telefono del giornalista Tonino Cafeo. A chiamare è Renato Accorinti, ormai in possesso di un cellulare “impostogli” in seguito alla sua elezione a Sindaco di Messina. Accorinti, presente alla manifestazione del 9 agosto, si informa sul corteo del 28 a cui non ha potuto partecipare per cause di forza maggiore. Alla notizia del Sindaco al telefono, però, si alzano tra gli attivisti alcune voci di dissenso: “Ci spieghi perché ha espresso solidarietà a Crocetta”. Appena il giorno prima, infatti, in una nota, il Sindaco era intervenuto sulla crisi di governo aperta dalla sfiducia del PD nei confronti del Governatore Rosario Crocetta, esprimendo solidarietà al Presidente della Regione.

Si vive una fase in cui è necessario dimostrare unità d’intenti – recita la nota –individuando obiettivi comuni finalizzati ai bisogni della collettività. Un’eventuale crisi produrrebbe effetti negativi per tutti i Comuni dell’Isola e avrebbe ripercussioni anche nella nostra città. A nome mio e della Giunta municipale esprimo solidarietà al presidente Crocetta, con il quale abbiamo già avviato un proficuo ed intenso percorso di condivisione e di realizzazione di progetti di rinascita e di sviluppo sin dal mio insediamento a Palazzo Zanca”. La dichiarazione, però, per molti, membri del Movimento No Muos in testa, ha avuto l’effetto di un vero e proprio fulmine a ciel sereno.

Esterrefatto Antonio Mazzeo, giornalista e scrittore da sempre in prima fila nella battaglia contro l’istallazione del radar americano nel cuore della riserva di Sughereta di Niscemi, che definisce “incomprensibile” e “ingiustificato” il comunicato della Giunta cccorintiana. Increduli gli attivisti e decisamente contrari i membri di Rifondazione Comunista, partito che ha sostenuto la candidatura di Renato Accorinti e la lista Cambiamo Messina dal Basso nel corso delle elezioni di Primavera. Liquidando lo scontro verificatosi tra governo regionale e Partito Democratico come del tutto interno a “logiche e interessi di potere”, le motivazioni per cui la solidarietà espressa in favore di Crocetta suscitano tanto sconcerto nei membri di rifondazione sono presto dette: “Il Prc si identifica totalmente nel popolo No Muos che il 9 agosto ha tagliato le reti della base Usa di Niscemi e il 28 settembre ha invaso gioiosamente Palermo, e ribadisce la condanna dell’’operato ipocrita di Crocetta. Il Governatore, infatti, non ha esitato a revocare la revoca dell’autorizzazione alla base dopo che il Tar di Palermo aveva confermato il diritto della Regione a fermare i lavori, dimostrando subordinazione agli interessi militari degli Usa”.

Il gesto ormai noto come “revoca della revoca”, agli occhi del Movimento No Muos ha reso Crocetta non solo complice, ma direttamente artefice del Mega Impianto statunitense che avrebbe avuto la possibilità di fermare semplicemente attenendosi alle promesse della campagna elettorale, piuttosto che infrangerle dall’oggi al domani. “Ricordiamo inoltre – continua Rifondazione – che Crocetta ha trasferito alle imprese secondo le richieste di Confindustria Sicilia tagliandole ai servizi essenziali degli enti locali.Il governo Crocetta è infine senza soluzione di continuità con i governi precedenti avendo allargato la sua coalizione agli ex amici di Totò Cuffaro e di Raffaele Lombardo, fino a comprendervi esponenti del centrodestra”. Rifondazione rinnova la fiducia ad Accorinti e la sua Giunta, ma solo a condizione che “si prosegua nel programma originario per i beni comuni collegandosi con le amministrazioni e i movimenti che hanno già realizzato esperienze significative".

Renato Accorinti, interpellato sull’argomento visto lo strascico di polemiche che si sono levate in questi giorni, non ha fatto marcia indietro. “Una crisi del governo regionale in questo momento sarebbe una tragedia – ribadisce il Sindaco – Non sono d’accordo su alcune delle scelte di Crocetta, ma su altre cose in generale ci lavoro bene, abbiamo un buon dialogo. Per la questione Muos, tornerò a spingere affinché abbracci l’antimilitarismo e si schieri automaticamente contro”. Si allarga, però, nel frattempo, il fronte di chi prende le distanze dalle “simpatie” del Sindaco per il governatore. Totalmente a favore della nota di Rifondazione si dichiarano i consiglieri del movimento Cambiamo Messina dal Basso, Luigi Sturniolo ed Ivana Risitano.

Eleonora Coracae

Tag:

6 commenti

  1. ie comu u ventu

    a sciarra sempri pa cutra ie

    0
    0
  2. incontinenza verbale

    0
    0
  3. Siamo sicuri che i cittadini messinesi hanno votato per questo candidato sindaco?

    0
    0
  4. Carissimo frank,
    a C C O R I N T I non è stato votato dalla maggioranza dei cittadini, ma ha preso il potere grazie alla “manina santa” dei presidenti di seggio.
    Pazientate fino a dicembre.

    0
    0
  5. MessineseAttento 3 Ottobre 2013 09:08

    Che carini, i tiragiacche e servi della politica di scambio, da cui hanno miseramente attinto per anni, tutti riuniti qui sotto. Fate tenerezza, tanto siete ormai dimenticati e fuori dalla storia.
    Ha ragione george, dobbiamo pazientare fino a dicembre per non vedere più i suoi commenti colmi di rabbia per essere stato bruscamente staccato dalla mammella della sua politica così generosa.
    Scompariranno entrambi..

    0
    0
  6. già già, sicuramente è così come dice lei..in fondo, colui che camminava per i seggi nel giorno delle elezioni era Accorinti, coloro che spingevano le vecchiette a votare e facevano campagna elettorale furoi dai seggi nei giorni delle votazioni erano a favore di Accorinti…eh si…belle le favole

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007