Degrado villetta di Camaro, petizione popolare per la bonifica - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Degrado villetta di Camaro, petizione popolare per la bonifica

Degrado villetta di Camaro, petizione popolare per la bonifica

martedì 31 Maggio 2011 - 11:23
Degrado villetta di Camaro, petizione popolare per la bonifica

L'iniziativa dei consiglieri di quartiere Interdonato, Sciutteri e Cardile che nelle prossime settimane presenteranno al raccolta firme all'assessore Amata

A Messina, ma questa è ormai cosa nota, gli spazi a verde attrezzati sono sempre meno e soprattutto sempre meno fruibile alla cittadinanza. Quelli esistenti, vedi di recente il caso di Villa Dante, completamente abbandonata allo sfacio e al degrado, finiscono nel mirino di vandali e malintenzionati che fanno di quelle aree, realizzate per il divertimento dei più piccoli, oasi di vergogna. Ultimo esempio, in ordine di tempo, quello della villetta inferiore che circonda il 10°Istituto Comprensivo “Giorgio La Pira”. L’intero spazio comunale adiacente alla scuola è letteralmente ricoperta di erbacce al te quasi un metro, denunciano i consiglieri di quartiere del Pd Interdonato, Cardile e Sciutteri, e i pochi sedili presenti sono stati divelti e semi distrutti. Ciò anche perché i vandali hanno facile accesso allo spazio data la mancanza di un cancello o di recinzioni di protezione.

Una condizione non più accettabile per i rappresentanti della terza circoscrizione che, supportati anche dal dirigente scolastico dell’istituto, hanno avviato una petizione popolare che nelle prossime settimane verrà consegnata all’assessore all’arredo urbano Elvira Amata. L’iniziativa sta riscuotendo notevole successo soprattutto da parte dei genitori dei piccoli alunni che, legittimamente, non possono correre il rischio di lasciare il proprio figlio libero di giocare in un’area piena di insidie. Una preoccupazione confermata anche dalla presidente del consiglio d’istituto Vittoria Calabrò: “L’unica cosa che chiediamo è che venga effettuata una pulizia a 360 gradi e che le altalene su cui spesso i bambini si avvicinano per salire vengano sostituite perché così rappresentano un vero e proprio pericolo”.

Per la villetta comunale è dunque necessario un intervento immediato di bonifica e pulizia, ma al tempo stesso risulta determinante, come sottolineano gli stessi consiglieri, che il degrado non torni a fare da padrone nel giro di qualche mese. Ecco perché Sciutteri, Cardile ed Interdonato, propongono, così come avvenuto nel caso della villetta Quasimodo, il coinvolgimento dei privati, affinchè la struttura possa mantenere nel tempo un aspetto dignitoso anche nei confronti che vorrebbero usufruire dello spazio per godere qualche giornata di relax all’aria aperta. Un’idea potrebbe essere quella di abbellire lo spazio con giochi e pubblici e, appunto, privati. I consiglieri ricordano inoltre che la villa, data la sua posizione compresa tra l’istituto (elementari e medie) e l’asilo che a breve dovrebbe divenire operativo, potrebbe diventare il “cuore” di una piccola cittadella a misura d’uomo, anzi di bambino.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x