Quel tragico destino che ha colpito Margherita - Tempo Stretto

Quel tragico destino che ha colpito Margherita

Marco Ipsale

Quel tragico destino che ha colpito Margherita

mercoledì 08 Maggio 2019 - 08:00
Quel tragico destino che ha colpito Margherita

Era nipote del vescovo ausiliare, mons. Cesare Di Pietro, anche lui subito sul posto

MESSINA – “Il destino non è una questione di possibilità. Credo che si tratti delle nostre scelte”. La frase scelta da Margherita per presentarsi sui social è da brividi. Perché il destino, se realmente è già scritto per ognuno di noi, non le ha dato scelta e le ha riservato una vita troppo breve, finita in un attimo, a 24 anni, nel pieno della gioventù.

A 24 anni la mattina ci si sveglia pensando di passare una giornata come le altre, magari noiosa o lamentando problemi che in realtà sono nulla in confronto alla possibilità di vivere e avere sempre nuove opportunità per realizzare i propri sogni. Quelli che per Margherita si sono spenti su quella maledetta strada, accanto a quel maledetto camion troppo grande rispetto al suo mezzo a due ruote.

Margherita era una studentessa di ingegneria civile e il mondo universitario oggi piange la sua scomparsa. Anche il rettore Salvatore Cuzzocrea ha voluto esprimere “il più profondo cordoglio e la vicinanza di tutta la comunità accademica alle famiglie Rosso e Di Pietro”. Cognomi conosciuti in città anche perché Margherita era nipote del vescovo ausiliare di Messina, mons. Cesare Di Pietro, subito sui luoghi per piangerne la scomparsa e provare a dare conforto cristiano alla madre e al fidanzato di Margherita, seduti affranti sul marciapiede della pista ciclabile davanti al corpo della loro amata. Un dolore intenso, inspiegabile, un’immagine straziante per tutte le persone giunte sul luogo, tutte a porsi la stessa domanda, a chiedersi il perché di tanta sofferenza, perché si spezza così presto una giovane vita.

Margherita si definiva un’esploratrice del mondo, quel mondo che aveva girato e che voleva continuare a girare. Adesso, invece, forse lo guarda da lassù, lasciando nello sconforto quanti l’hanno amata.

Tag:

5 commenti

  1. Sono addolorata povera figlia e poveri genitori
    Ma Va bene il destino ma un bestione di camion non può transitare su una strada cittadina altamente trafficata

    15
    1
  2. cettina nulli 8 Maggio 2019 14:53

    soprattutto in un orario che coincide con l uscita di scuola dei bambini.

    0
    6
  3. Maurizia De Lorenzo 9 Maggio 2019 08:39

    Un abbraccio particolare alla mamma di questa meravigliosa ragazza. Da cuore a cuore. Purtroppo lo stesso destino ha strappato mio figlio da questo mondo ed io continuo a chiedermi perché? Perché un genitore deve piangere così?

    1
    0
    1. sono padre da 4 anni e non oso neanche immaginare il dolore che potrei provare qualora succedesse anche a me qualcosa del genere

      0
      0
  4. Povera ragazza che Dio l abbracci forte a se e che dia rassegnazione a quella povera madre

    0
    0

Rispondi a luca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007