Real Cittadella. La messa in sicurezza in attesa dell’analisi dei rifiuti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Real Cittadella. La messa in sicurezza in attesa dell’analisi dei rifiuti

Marco Ipsale

Real Cittadella. La messa in sicurezza in attesa dell’analisi dei rifiuti

mercoledì 29 Gennaio 2020 - 07:00
Real Cittadella. La messa in sicurezza in attesa dell’analisi dei rifiuti

Si interviene sulle parti crollate, poi si prosegue con le demolizioni delle superfetazioni. Ma la parte più importante è l'analisi dei rifiuti per poi poter redigere il progetto di bonifica

MESSINA – Rifiuti, inquinamento, occupazioni abusive, crolli. La storica Real Cittadella è da decenni abbandonata al suo destino ma, di recente, finalmente si muove qualcosa per porre fine allo scempio.

Due settimane fa il crollo di una piccola parte di un muro, poi il sopralluogo da parte di tutti gli enti chiamati in causa. La proprietà, è stato chiarito, è del Demanio, quindi la competenza dell’Autorità Portuale, che oggi invia una ditta a recintare l’area, che sarà dichiarata inagibile. Poi, sulle linee guida della Soprintendenza, ci sarà un intervento di messa in sicurezza per evitare altri crolli.

Sta per scattare, invece, la terza fase delle demolizioni. Dopo le superfetazioni e il vecchio campo Arsenale, è ora la volta di una parte delicata, perché si appoggia alle mura della Cittadella, e di un’altra nell’area degli ex cantieri Savena.

Dentro il bene storico, c’è ancora chi ci abita. Due famiglie, in particolare, che hanno ricevuto più ingiunzioni di sgombero e per le quali bisogna trovare una sistemazione alternativa, mentre altre volte sono stati trovati vagabondi. L’Autorità Portuale ha in mente di chiudere alcune parti della Cittadella, per evitare altre occupazioni.

Si tratta di aree inquinate e piene di rifiuti di ogni tipo. E non c’è solo da togliere spazzatura, scarti edili ed erbacce, perché invece va anche bonificato il terreno. La Regione ha convocato il 10 febbraio la conferenza di servizi per analizzare il piano di caratterizzazione. Una volta ottenuto il via libera, potrà partire un appalto per i sondaggi e poi l’Università potrà redigere un progetto di bonifica, che avrà bisogno di grossi finanziamenti. In quel momento, si giocherà un’altra partita importante per dare la svolta ad una delle aree più preziose della città.

(Marco Ipsale)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007