I Grilli dello Stretto lanciano il tour #Messinadiceno. D'Uva: "Con riforma si va verso dittatura" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

I Grilli dello Stretto lanciano il tour #Messinadiceno. D’Uva: “Con riforma si va verso dittatura”

Gabriele Quattrocchi

I Grilli dello Stretto lanciano il tour #Messinadiceno. D’Uva: “Con riforma si va verso dittatura”

sabato 22 Ottobre 2016 - 11:29
I Grilli dello Stretto lanciano il tour #Messinadiceno. D’Uva: “Con riforma si va verso dittatura”

Il “tour”, presentato stamani nella Sala Ovale di Palazzo Zanca, toccherà i punti nevralgici della città senza dimenticare le periferie. Presenti Francesco D'Uva e Alessio Villarosa. Gli appuntamenti targati #Messinadiceno si svolgeranno a partire da sabato 5 novembre nelle piazze di Santo Stefano Medio, Camaro, Mili San Pietro, Paradiso, Ganzirri, Briga Marina.

Mentre la città si prepara alla visita di Matteo Renzi, i Grilli dello Stretto affilano le armi di persuasione per convincere i messinesi a votare NO e lo fanno promuovendo una serie di eventi spalmati sull’intero territorio comunale.

Il “tour”, presentato stamani nella Sala Ovale di Palazzo Zanca, toccherà i punti nevralgici della città senza dimenticare le periferie. “L’obiettivo – dice Grazia D’Angelo – è quello di coinvolgere e informare il maggior numero di persone. Per questo abbiamo deciso di organizzare gli eventi nelle periferie”. Gli appuntamenti targati #Messinadiceno si svolgeranno a partire da sabato 5 novembre nelle piazze di Santo Stefano Medio, Camaro, Mili San Pietro, Paradiso, Ganzirri, Briga Marina. A spingere sulle ragioni del no, anche Francesco D’Uva, deputato M5S alla Camera. “Stanno accentrando il potere nelle mani di una persona, Matteo Renzi – attacca D’Uva. La riforma della costituzione non semplificherà il procedimento di formazione delle leggi ma ci consegnerà un Senato di non eletti che priverà i cittadini dei propri rappresentanti sul territorio”.

“La Costituzione può essere cambiata ma non così – chiosa il deputato. Di fatto, si va verso una dittatura senza olio di ricino”.

Sulla visita Di Renzi a Messina e sulla firma del “patto”, D’Uva commenta: “è un paradosso che il documento si firmi all’Università. Ogni anno al Sud vengono negate sempre più risorse su diversi settori strategici, e l’Università non fa eccezione”.

Le critiche alla riforma costituzionale da parte degli attivisti del Movimento 5 Stelle toccano diversi punti, dalle modifiche agli articoli che interessano le forme di partecipazione diretta dei cittadini alla vita democratica, come la scelta di aumentare il numero delle firme necessarie per la presentazione delle leggi di iniziativa popolare, ai potenziali scenari in cui sia necessario dichiarare lo stato guerra. Motivo di ulteriore perplessità è l’istituzione di nuovi percorsi di approvazione delle leggi che lasciano aperta la strada a conflitti e rimpalli tra i due rami del parlamento.

Presente al lancio dell’iniziativa anche Alessio Villarosa, deputato pentastellato. “Pur di far passare la riforma, Renzi ha raccontato falsità ai cittadini – commenta Villarosa. Stiamo assistendo a uno svuotamento di ruolo delle assemblee elettive e rappresentative, e a un tentativo di limitazione della sovranità popolare a vantaggio delle multinazionali che sono pronte a investire in Italia, a condizione che gli italiani abbiano meno diritti.”

Amaro è anche il giudizio sul taglio dei costi della politica, così come previsto dalla riforma, un argomento delicato che va dritto alla pancia dell’elettore. Si calcola infatti un risparmio di circa 59 milioni di euro. “Su una popolazione di 60 milioni – ironizza D’Uva –, è come se vi dicessero votate sì, in cambio vi diamo un caffè”.

Gli appuntamenti di #Messinadiceno si intrecceranno con il “TourNO” regionale che passerà da Messina il 18 e il 19 novembre. Il 30 ottobre a Capo d’Orlando, insieme agli attivisti M5S ci sarà anche Luigi Di Maio. Il 20 novembre, invece, Alessandro Di Battista approderà nella città dello Stretto per convincere i messinesi a segnare no sulla scheda elettorale.

Gabriele Quattrocchi

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. serra salvatore 23 Ottobre 2016 07:01

    AVETE AVUTO L’OCCASIONE DI CAMBIARE L’ITALIA, IN MEGLIO O IN PEGGIO QUESTO ERA DA VEDERE, MA NON AVETE AVUTO LA CAPACITA’ – RICORDO A VOI E A ME STESSO CHE NON AVETE VOLUTO TROVARE UN ACCORDO CON L’ALLORA PD DI BERSANI OGGI VENITE A DIRE CHE TUTTO E’ SBAGLIATO SOLO VOI AVETE RAGIONE – SIETE I PURITANI DEL PAESE – SECONDO ME UN PO DI PRESUNZIONE E’ INSITA NEL VOSTRO MODO DI FARE OLTRE AD UNA DOSE DI BUONA ARROGANZA – PARLATE DI DITTATURA….. VOI CHE SIETE GESTITI DA UNA SOLA PERSONA DAL QUALE PRENDETE ORDINI – VOI CHE NON POTETE ESPRIMERE IL VOSTRO DISAPPUNTO SULLE DECISIONE FATTE DAL VOSTRO RAPPRESENTANTE POLITICO PENA L’ESCLUSIONE DAL GRUPPO – QUESTA NON SI CHIAMA DITTATURA.

    0
    0
  2. serra salvatore 23 Ottobre 2016 07:01

    AVETE AVUTO L’OCCASIONE DI CAMBIARE L’ITALIA, IN MEGLIO O IN PEGGIO QUESTO ERA DA VEDERE, MA NON AVETE AVUTO LA CAPACITA’ – RICORDO A VOI E A ME STESSO CHE NON AVETE VOLUTO TROVARE UN ACCORDO CON L’ALLORA PD DI BERSANI OGGI VENITE A DIRE CHE TUTTO E’ SBAGLIATO SOLO VOI AVETE RAGIONE – SIETE I PURITANI DEL PAESE – SECONDO ME UN PO DI PRESUNZIONE E’ INSITA NEL VOSTRO MODO DI FARE OLTRE AD UNA DOSE DI BUONA ARROGANZA – PARLATE DI DITTATURA….. VOI CHE SIETE GESTITI DA UNA SOLA PERSONA DAL QUALE PRENDETE ORDINI – VOI CHE NON POTETE ESPRIMERE IL VOSTRO DISAPPUNTO SULLE DECISIONE FATTE DAL VOSTRO RAPPRESENTANTE POLITICO PENA L’ESCLUSIONE DAL GRUPPO – QUESTA NON SI CHIAMA DITTATURA.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007