"Regalo libri a chi sostiene il Papardo" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Regalo libri a chi sostiene il Papardo”

Vittorio Tumeo

“Regalo libri a chi sostiene il Papardo”

domenica 15 Marzo 2020 - 08:30

Leonardo Mercadante ha letto (e diffuso) la raccolta lanciata da un messinese che vive a Roma. E ha pensato che fare per intero la propria parte implicasse non solo versare il proprio contributo, cosa che ha prontamente fatto, ma anche realizzare qualcosa in più. Un piccolo gesto, piccolo come quello del colibrì della favola che da solo trasporta una goccia d’acqua nel suo becco per spegnere l’incendio della foresta. Da qui il titolo dell’iniziativa.

Il libro

Il romanzo d’esordio di Mercadante, Per chi vive sulle tartarughe (Smasher) è stato pubblicato lo scorso ottobre. Racconta la storia di un bambino che comincia a porsi le “domande” definitive, sul mondo e sulla vita, scoprendo che “viviamo tutti sulla stessa palla”.

Originario di Barcellona Pozzo di Gotto, dopo un anno a Bologna per approfondire le tecniche di scrittura, Mercadante si è trasferito a Messina dove frequenta da anni il Centro di nuova drammaturgia “EsosTheatre – Il teatro degli Esoscheletri” di Sasà Neri e dove oggi “resta a casa” nel suo alloggio “da studente”, separato dalla sua famiglia. E da qui ha lanciato sui social “Regalo libri ai colibrì”.

“Spedirò gratuitamente una copia di ‘Per chi vive sulle tartarughe’, fino all’esaurimento della mia ‘scorta’, a chiunque mi mandi lo screenshot del versamento effettuato per la raccolta fondi “Covid19 / Messina unita per l’Ospedale Papardo. Non conosco i promotori della raccolta, semplicemente mi sembra la cosa giusta da fare”.

La raccolta

La raccolta – che è stata attivata su gofundme.com, è protocollata e certificata all’azienda ospedaliera e ha già ottenuto versamenti per quasi 25 mila euro – è promossa da Enrico Bellinghieri, nato a Messina e residente a Roma per lavoro (settore cinema). “Ho deciso di avviare questa campagna – spiega – perché era l’unico modo che avevo per dare una mano alla mia terra pur confinato nella mia stanza di Roma”.

Con Bellinghieri altri giovani messinesi, “figli di messinesi, nipoti di messinesi”, Serena Repici, che collabora con un progetto sul diabete attivo al Papardo, Danilo Currò e Domenico Panarello. “I proventi di questa iniziativa verranno devoluti interamente nel conto corrente dell’ospedale per fronteggiare l’emergenza Coronavirus attraverso l’acquisto di caschi respiratori e altro materiale sanitario che la direzione del Papardo a suo insindacabile giudizio riterrà necessario”.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x