Reggio Calabria. Incendiano un capannone industriale dismesso. Arrestati mandante ed esecutore. - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Reggio Calabria. Incendiano un capannone industriale dismesso. Arrestati mandante ed esecutore.

Dario Rondinella

Reggio Calabria. Incendiano un capannone industriale dismesso. Arrestati mandante ed esecutore.

lunedì 10 Agosto 2020 - 20:19
Reggio Calabria. Incendiano un capannone industriale dismesso. Arrestati mandante ed esecutore.

Allertati da una segnalazione giunta al 1515 i carabinieri si sono trovati di fronte ad una scena classica, assai frequente in provincia

I militari della stazione Carabinieri Forestale di Reggio Calabria hanno arrestato, nei giorni scorsi, in flagranza di reato, nei due soggetti che in località “fornace” di Vito inferiore, frazione di Reggio Calabria, avevano appiccato le fiamme ad un vecchio capannone industriale, abbandonato da anni e diventato nel tempo ricettacolo di rifiuti di vario genere.

Colti sul fatto, senza che i responsabili si rendessero conto dei danni arrecati, sono stati tratti in arresto M.S., classe 1933 residente a Reggio Calabria, in qualità di mandante e già noto alle Forze dell’Ordine, e C.N. un cinquantaquattrenne da tempo residente in città, esecutore materiale
dell’incendio.

Allertati da una segnalazione giunta al 1515 i carabinieri si sono trovati di fronte ad una scena classica, assai frequente in provincia: appiccare le fiamme per “ripulire” un area. Poco importa se l’area, nel tempo ricoperta di sterpi e trasformata in discarica, con carcasse di automobili, plastiche e rifiuti di vario tipo, costituisca già da sé una fonte di rischio ambientale e sanitario.

Incendiarla ha significato inquinare l’aria, le falde idriche e contaminare il suolo con le Diossine generate dalla combustione delle materie plastiche, oltre ai costi sostenuti dallo Stato per le operazioni di spegnimento e che ha reso necessario l’intervento di una squadra dei Vigili del Fuoco.

Tutte conseguenze dolosamente ignorate dai due soggetti coinvolti che pertanto sono stati posti agli arresti domiciliari e deferiti all’Autorità Giudiziaria che ha disposto, per l’anziano mandante, l’obbligo di firma ed il divieto di avvicinamento all’area dell’incendio.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007