Reggio Calabria. Incontro mamme bimbi autistici e Asp: "tanta amarezza" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Reggio Calabria. Incontro mamme bimbi autistici e Asp: “tanta amarezza”

Elisabetta Marcianò

Reggio Calabria. Incontro mamme bimbi autistici e Asp: “tanta amarezza”

martedì 04 Maggio 2021 - 15:16

L'incontro con il direttore non ha portato i frutti sperati anzi ha rimescolato le carte che fin ad ora sembravano chiare e inequivocabil

Li abbiamo lasciati disperati, ma nello stesso tempo colmi di speranza in vista di un incontro risolutivo con il direttore dell’ASP di Reggio Gianluigi Scaffidi. Stamattina, però, hanno dovuto ingoiare un nuovo boccone amaro. Loro, le 15 famiglie che da due anni si battono per aver riconosciuti i diritti dei figli affetti dalla sindrome autistica. L’incontro con il direttore non ha portato i frutti sperati anzi ha rimescolato le carte che fin ad ora sembravano chiare e inequivocabili.

Determina illegittima

“Abbiamo appena concluso l’incontro con il dottore Scaffidi che ci ha comunicato l’illegittimità della determina prodotta dal dottore Malori che, appunto, determinava il rimborso delle spese sostenute per le terapie dalle famiglie costrette a valersi di strutture private in quanto non esistono strutture pubbliche capaci di sostenere le terapie ABA. ” – chiarisce questo, con la voce palesemente rotta dall’emozione e dalla frustrazione una delle mamme, Angela Villani presidente dell’associazione il Volo delle Farfalle- evoluzione autismo.

L’impegno di Scaffidi

L’Asp ha delle regole, così ha precisato il direttore, per le quali non si possono pagare terapie che non siano fatte in strutture accreditate o private accreditate. Salta quindi l’accordo fatto con gli ex commissari, qualche tempo fa, in quanto non ha nessuna validità.” chiarisce ancora Angela Villani. Scaffidi si è dimostrato comunque disponibile ed ha annunciato di voler fare, nei prossimi giorni, un bando utile ad assumere personale specializzato per l’autismo, inoltre ha espresso la volontà di farsi portavoce dei bisogni delle famiglie con lo stesso commissario regionale Longo e sostenere un incontro tra le parti al più presto.

Due anni di “niente”

La vicenda a questo punto si complica. Due anni di manifestazioni, sciopero della fame e della sete facendo fede ad una delibera che solo oggi si scopre non essere legittima per le regole dell’ASP. Accordi presi con gli ex commissari, è utile ricordare che solo da un paio di mesi è in carica il dottore Scaffidi. Accordi che hanno spinto queste famiglie a manifestare quasi ogni settimana chiedendo a gran voce diritti che “sembravano” legalmente riconosciuti e scoprire invece solo stamattina la non validità. Qualcosa sicuramente non ha funzionato in questi due anni, qualcosa che ha pesato sull’economia delle famiglie, sul loro benessere psichico e fisico e che nessun contributo, nessun bando potrà mai sanare.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x